Magazine Gossip

Le star prima e dopo il chirurgo: Christina Aguilera

Creato il 24 dicembre 2012 da Mysterics

Le star prima e dopo il chirurgo: Christina Aguilera Questa settimana per la rubrica del "Prima e Dopo" analizziamo una cantante che, nonostante le doti canore eccelse, si è persa nel tempo, passando dalla giovane promessa acqua e sapone dalla voce potente alla sciatta trashona dalla voce potente che non s'in**la più nessuno. Christina Aguilera. La sua carriera comincia fin da piccola, a dodici anni, partecipando al "Mickey Mouse Show", insieme a sora Britney Spears e quel gran figaccione di Justin Timberlake, che la fa subito conoscere al grande pubblico come l'eterna seconda, quella là insieme a Britney. Dopo due anni di Topolino la nostra CriCri incide una canzone per il film sempre della Disney, Mulan, dove grazie alla canzone "Reflection" si becca la sua prima nomination ai Golden Globe. Come a dire, cara Spears tu sei ricca e famosa e su tutti i giornali ma io ho la voce. E capirai! Ce se gratta la patonza con la tua voce la principessa del pu**an-pop. Nel 1999 arriva finalmente il primo album che ci mostra la nostra Aguilera come la ragazzina dalla porta accanto che ti stordisce un'orecchio con un acuto. Il successo è planetario grazie anche al tormentone "Genie in a Bottle", e per rimanere sulla scia del successo pensando giustamente "quando me ricapita più!", sforna uno dietro l'altro anche un album in spagnolo ed uno natalizio. Insomma facciamo cassa fino a quando ancora qualcuno me fila de striscio. Nel 2002 la cantante partecipa a due collaborazioni che segneranno per sempre la sua vita, "Nobody Wants to Be Lonely" con Ricky Martin e soprattutto "Lady Marmalade", da quel momento nulla è più come prima. Dalla ragazza della porta accanto, la nostra Christina diventa il tro**ne del marciapiede accanto. Da questa base nasce il nuovo album, Stripped, e tra tatuaggi, piercing e vestiti sexy ritorna con un singolo che suscita un vespaio di polemiche, Dirrty. L'album riscuote un ottimo successo grazie anche al ballatone antidiscriminazioni "Beautiful" che le vale un Grammy ma soprattutto l'amore eterno ed incondizionato del mondo omosessuale. Tanto per continuare a far parlare di sé, si esibisce con Madonna e la sora Spears agli "MTV Music Awards" in un'esibizione hot con tanto di bacio saffico tra le tre. Risultato? Che tutti si ricordano il bacio tra le prime due e non il suo. Ancora una volta viene oscurata dalla sua rivale acerrima che non avrà voce ma se la magna a colazione. Presa dallo sconforto comincia una serie di macumbe contro la rivale che andranno a segno, Britney Spears sbrocca e si rapa la capoccia, mentre lei sforna l'album della vendetta musicale. Back to Basic. Un album potente vocalmente ed ispirato angli anni '20-'40, che però non riscuote lo stesso successo di vendite dei precedenti album. Insomma al pubblico piaceva più da zozzona! Dopodichè quasi il nulla a livello di vendite anche se i suoi album sono sempre stati osannati dalla critica. Greatest Hits, Bionic, Burlesque e Lotus. Un poker d'assi che la incoronano di diritto regina dei flop. Ma la cantante non se ne preoccupa, andando avanti per la sua strada senza fare scelte dettate dalle mode, tanto lei c'ha la voce. Nel 2011 diventa giudice del talent di successo "The Voice" e si esibisce ai funerali di Etta James in una toccante versione di "At Last". Talmente toccante che si commuove pure de sotto! Recentemente è tornata più zozza e poraccia che mai con il suo nuovo album trainato dal singolo "Your Body", dove mostra orgogliosa il grasso superfluo che non vuole più nascondere dopo anni ed anni di dieta forzata, tanto lei c'ha la voce. La nostra CriCri per proteggere la sua ugola d'oro si è fatta impiantare un paraurti artificiale e via così di mastoplastica additiva (recentemente ridotto !?!), si narra anche una rinoplastica, dell'acido ialuronico per rimodellare le labbra ed una liposuzione (che maligni!). Ma come non amare sta poraccia che tanto c'ha la voce? Promossissima!
Le star prima e dopo il chirurgo: Christina Aguilera

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog