Magazine Politica

Lettera all'elettore Pd

Creato il 27 agosto 2012 da David Asìni
Lettera all'elettore Pd
Gentile elettore del pd, scrivo a te e non a Bersani per una grossa differenza che vi divide; tu sei in buona fede. Ed e' per questo che ti chiedo di ragionare onestamente, senza  preconcetti ideologici, e usando solo la testa. Innanzitutto, penso di non poter essere chiamato spergiuro se affermo che il  Pd non ha un programma, ma solo un elenco di buone intenzioni ,elencate sul sito  ; sui singoli punti si ascoltano diverse affermazioni, spesso dissimili, altre volte persino antitetiche. Neppure le delibere autoimposte nello statuto hanno valore alcuno; quelle riguardanti il ricambio della classe dirigente e le primarie per la scelta dei candidati, per esempio,  sono state disattese tranquillamente senza provocare eccessivi  imbarazzi . Ti ricordi il grido disperato di  Moretti?: -"Con questa classe dirigente non vinceremo mai!"; sono passati gia' piu' di 10 anni . Sul palco c'erano Rutelli, Bindi, D'Alema, Fassino; gli stessi di oggi. Forse apprezzi questi dirigenti, magari  li stimi, ti fanno simpatia; non potrai pero' negare il mancato ricambio generazionale. Non sono i valori della sinistra ,che sto mettendo in discussione; e' l'onesta intellettuale, e le capacita', di chi negli ultimi 15 anni ha preteso  di rappresentarli.  Entrando nel merito, vorrei mettere i puntini sulle ii riguardo i percorsi ,individuali e collettivi, che hanno caratterizzato questo periodo; ci potrebbe essere di aiuto. In primis, penso al conflitto di interessi, che ha generato una situazione di controllo dei media democraticamente anomala e  a tutt'oggi perdurante. Piu' della legge salva-rete4 di D'Alema, sono le dichiarazioni di Violante in parlamento che possono far luce sul reale atteggiamento del Pd :- "B. sa' che gli demmo garanzia piena sulle televisioni...".Questa semplice frase rivela il consociativismo gia' dilagante, incompatibile con l'antagonismo  polemico che i media ci vogliono raccontare. Nell'ultimo governo B. , il 34% dei provvedimenti e' passato per l'assenza di deputati dell'opposizione, scudo fiscale compreso.  C'e' poi la questione della laicita' dello stato, cui il tuo partito sembra non assegnare dignita' alcuna : nella  riforma    Berlinguer , togliendo risorse alle scuole pubbliche per trasferirle a quelle cattoliche; nei privilegi fiscali , accettandoli passivamente;  nell'esenzione imu , votandola. A riguardo vi sono poi una serie di temi etici come l'eutansia, i pacs, le cure staminali, la fecondazione assistita; qualunque sia la tua posizione in merito, non credo che tu ti possa sentire rappresentato da chi  una posizione in merito, non c'e' l'ha; in questo (fa' male lo so) B. , nella sua ottusa accondiscendenza, ha dimostrato piu' coerenza.  Sul tema del lavoro ne condividi l'operato? Pensi che le riforme degli ultimi anni siano state piu' vicine  ai lavoratori che alla grande speculazione? Sei favorevole alla riforma Fornero del mercato del lavoro, ultimo tassello di un percorso che ha portato i lavoratori italiani ad essere tra i meno tutelati in europa ? Il tuo partito, si;i lavoratori, magari un po' meno, tu , onestamente, puoi dirti soddisfatto?  E arriviamo al punto che piu' mi interessa; la differenza tra difendere interessi legittimi in buona fede e farsi gli affari propri con i soldi degli altri.
 Per i privilegi della casta, vorrei limitarmi ad elencare solo alcune delle leggi avallate con i voti Pd: mancata abolizione province ; rimborso elettorale completi ai partiti  anche con interruzione anticipata della legislatura ; diritto alla pensione anche per 3 giorni da deputato ; divieto di doppi e tripli stipendi ; fino qui, si tratta di furti legalizzati; ora vorrei confrontarmi su quelli ancora perseguibili.
 Forse ti sara' sfuggito, ma la base dell'attuale boom di reati dei colletti bianchi  nasce tra il ''98 e il 2000  con le riforme sull'abuso di ufficio e sui reati finanziari ,presentate e votate dalla sinistra. Successivamente, le posizioni sulla giustizia si sono avvicinate sempre  di piu a quelle di B., fino a colludere totalmente, tanto che oggi si chiede "rispetto" per gli indagati, i rinviati a giudizio, i pregiudicati, centinaia di persone che mantengono tranquillamente il proprio ruolo; l'elenco completo,  e' impressionante.
E' qui, che il Pd perde ogni legame con la politica intesa come impegno onorevole; qui che ti chiedo un momento di riflessione: la classe dirigente rappresenta, per definizione, il meglio che un paese possa offrire; quando fatti, anche non perseguibili penalmente, contraddicono questo postulato, l'allontanamento puo' non  diventare un evento logico e irrinunciabile ? E' tollerabile che rinviati a giudizio non vengano dimissionati? E questa deriva a quali conseguenze conduce?
 Dove stiamo andando ce le raccontano le classifiche sulla corruzione e l'attuale situazione economica. Contrapposta a queste semplici verita' spesso leggo un'obiezione: Il partito ha fatto quello che ha potuto, e gli altri sono sicuramente peggio. Su gli altri meglio o peggio sorvolo, rispettando qualunque opinione; sulla prima, mi farebbe piacere considerassi che il Pd, in  questi anni, ha fatto semplicemente quello che HA VOLUTO. Il percorso e' fatto di scelte, bivi, precipizi, che tu , con il tuo voto, hai contributo ad indicare. Questo partito in Francia, in Germania, in Gb, NON SAREBBE DURATO UNA SETTIMANA.  Questo perche', al primo Penati qualunque indagato che fosse rimasto al suo posto, gli elettori avrebbero risposto abbandonandolo in massa  alle prime elezioni ; qui no.
 Il Pd e' cosi perche' tale i suoi elettori gli permettono di essere; usufruisce di un pacchetto di voti sostanzioso fatto da  nostalgici che si informano solo sui raitre e sull'Unita'; da una struttura economica di cooperative atta a reclutare consenso clientelare, e da tanti altri che, forse, qualche dubbio ora se lo stanno ponendo.
Non so' quanto di quello scritto ti arrivera', caro elettore del Pd; molto sara' dipeso dalla capacita' di spazzare via veli  ideologici e settarismi di parte; se sei riuscito a fare questo   ,forse ti riuscira' facile scrivere a Bersani, dicendogli che applicare le delibere dello statuto e allontanare i pregiudicati dalle istituzioni e' condizione minima perche' tu lo possa votare; questo e' l'unico sistema per non essere piu' complice di un partito che e', semplicemente,  dedito all'esercizio del potere; che senso ha continuare a dargli forza? « La questione morale esiste da tempo, ma ormai essa è diventata la questione politica prima ed essenziale perché dalla sua soluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni, la effettiva governabilità del paese e la tenuta del regime democratico. »   E. Berlinguer  1981

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lettera a Santa Claus

    Lettera Santa Claus

    Il natale, si sa, ci rende tutti piu' buoni. Vorrei che l'anno venturo fosse colmo di novita' per la nostra classe dirigente. Impossibile? Sognare non costa... Leggere il seguito

    Da  David Asìni
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Lettera aperta al segretario del pd sul tema del populismo

    LETTERA APERTA RIVOLTA AL SEGRETARIO DEL PD, PIER LUIGI BERSANI, SUL TEMA DEL POPULISMO Signor Segretario,Ho riflettuto in questi giorni sull’opportunità di... Leggere il seguito

    Da  Giuliano
    POLITICA, RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Lettera per WV

    Lettera

    Caro Walter, E’ stata una scelta saggia la tua… Hai dato, hai costruito,hai sbagliato. Ora per te è arrivato il momento di dedicarti ad altro o come dici te ad... Leggere il seguito

    Da  Ostinato
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Lettera a G.

    Lettera

    Ti ho visto poco fa: eri su un manifesto, attaccato a un muro. Proprio ieri, a pranzo, si parlava di te, di quanto manca la tua allegria, quel modo unico di... Leggere il seguito

    Da  Domenico11
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Sp_trend: pd 26,3% m5s 18,7% pd 16,4%

    Sp_trend: 26,3% 18,7% 16,4%

    Seconda puntata di SP Trend. Questa settimana abbiamo ultimato il lavoro, estendendo il database fino ad a settembre 2011. Invito quindi a prendere con le... Leggere il seguito

    Da  Andl
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Lettera aperta sulle repressioni

    Lettera aperta sulle repressioni

    L’hanno fatta grossa e adesso tentano di rimediare: dicono che la violenza era ingiustificata e che saranno identificati i poliziotti che hanno infierito con i... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Lettera al ministro cancellieri

    Con preghiera di diffusioneGentile ministra Cancellieri,abbiamo letto i suoi interventi di questi giorni, successivi alle manifestazioni del 14 novembre, e il... Leggere il seguito

    Da  Giuliano
    POLITICA, RELIGIONE, SOCIETÀ