Magazine Talenti

Lettura di Zagreb a Bologna: come i Blues Brothers, ma senza rete.

Da Arturo Robertazzi - @artnite @ArtNite
  • Categoria Cuore

Immaginate la scena.

Tavoli in legno, suoni di forchette e bicchieri e di sedie che strusciano. Bicchieri di vino tra le mani degli avventori. Al centro, un palco arrangiato con un due sedie da bar, due casse alle spalle e un microfono al centro.

“Buona sera” dico. Nessuno ascolta. Sorseggio dal mio mojito e penso che bisogna trovare una soluzione, altrimenti mi fanno fritto. Sorseggio ancora, mi siedo, poso il bicchiere sulla mia destra, avvicino l’asta del microfono alla bocca, e mi ci appoggio come fossi una rock star stanca.

Qualcuno comincia a usare la mia bocca e parla, come non fossi io.

“Vengo da un fine settimana duro, vengo da Berlino. Domenica mattina, come si usa a Berlino, vado al Berghain. Lo conoscete il Berghain? Sì, ci sono andato domenica mattina e restato per due giorni. Era una serata spinta. Maschi vestiti, maschi nudi, maschi che si baciano, maschi che, negli angoli, scopano. La sala centrale è… conoscete Blade Runner? Ecco, sì, il film cult con Harrison Ford… Bene, quella è l’aria che si respira al Berghain. Si respira per modo di dire. Con tutto quel testosterone e quei pettorali che sudano, si respira poco. La tecno è sparata, ai lati reti in metallo, sopra un soffitto alto venti metri, e al centro corpi che si muovono. Ballo, evito, scappo, torno. Poi qualcuno mi fa ‘vuoi venire in paradiso?’. Ci penso su, rispondo sì, ma io lo so che è un paradiso per lui, e un inferno per me. Scendiamo nel buio delle dark rooms. Ma nel buio, i culi si vedono, si vedono in maschi a quattro zampe, e si vedono i loro cosi che sbatocchiano. Il giro negli inferi mi è bastato. Devo bere qualcosa, e mi ritrovo al bar: dietro una rete in metallo, un’atmosfera più calma, intima. Davanti a me una coppia, sono un maschio e una femmina, credo, si bacia, si spoglia. Si tocca. E uno mi chiede ‘sei proprio sicuro di essere etero?’. Io lo guardo: è un uomo piacevole di una cinquantina d’anni, e ritorno a guardare la coppia che si bacia…”

Nel bar di Bologna, alzo lo sguardo: ora c’è silenzio. Ormai sono entrato in una parte. Mi sto divertendo e non è solo per tutti i mojitos che ho bevuto. Dentro di me sorrido per quello che sto per dire, ma fuori provo a rimanere il più serio possibile: “E dopo questo due giorni al Berghain, prendo l’aereo, atterro a Milano, scendo a Bologna e arrivo in questo bar dove nessuno mi ascolta. Voi nell’angolo, per esempio… ascoltate. Mi hanno chiesto di leggere un brano da un libro che non mi piace. Zagreb, si chiama. L’autore è un certo Arturo Robertazzi. È un trentenne che, chiedete a lui il perché, ha deciso di scrivere di guerra. Ora ve ne leggo un pezzo.”

Sollevo il mio kindle, lo accendo e comincio con l’incipit di Zagreb.

Il resto è emozione.

Potrebbe interessarti anche:

  • 30 novembre 2011

    L’eBook non puzza, nemmeno ad Amburgo.

    Sono ad Amburgo Dammtor, fra un po' prendo il treno per Berlino. Bevo del caffè in uno di quei bar pieno di viaggiatori e "rubo" la connessione dal negozio di fronte. Ho dormito poco questa notte, ...
  • 28 novembre 2011

    Dopo #Librinnovando, Zagreb e io all’Italienisches Kulturinstitut Hamburg.

    Già, un titolo non proprio accattivante, ma volevo dirlo bene: subito dopo #Librinnovando, domani, mi aspetta una lettura di Zagreb all'Istituto Italiano di Cultura di Amburgo. Sono sicuro che sarà...
  • 23 novembre 2011

    #Librinnovando a Milano, Zagreb ad Amburgo, concerto a Berlino.

    È un fine novembre pienissimo questo che arriva. Da giovedì a sabato sarò a Milano. Il 25 novembre infatti mi aspetta l'evento editoriale più social dell'anno, #Librinnovando. In una giornata si pa...
  • 3 novembre 2011

    Stimmen aus dem Krieg, ovvero Zagreb ad Amburgo!

    Di questo sono molto fiero: il reading di Zagreb all'Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, il 29 novembre, alle 19.00. Il titolo dell'incontro è: "Caffè letterario: Stimmen aus dem Krieg", cioè Caf...

Lascia un Commento

Fare clic per cancellare la replica.

Nome (obbligatorio)

Mail (che non verrà pubblicata) (obbligatorio)

Sito web

Commento


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Zagreb arriva a Berlino!

    Anche stamattina prenderò la mia copia di Zagreb e comincerò a leggere. Tre brani in particolare, per esercitarmi per il prossimo reading, che è un po’ più... Leggere il seguito

    Da  Arturo Robertazzi - @artnite
    TALENTI
  • Zagreb è passato da Berlino e io non dormo.

    … Dopo, siamo andati al Schokoladen, un bar in una traversa di Torstraße. Arrivato a casa, un po’ brillo, mi butto nel letto, ma non si può dormire: ho tutta... Leggere il seguito

    Da  Arturo Robertazzi - @artnite
    TALENTI
  • Subterranean Homesick Blues

    Anche oggi continuo sul tema della beat generation che, come si sarà capito, mi è particolarmente caro. E per esprimere musicalmente quel periodo non si può... Leggere il seguito

    Da  Pep89
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Oggi, vent’anni, Zagreb è sotto le bombe.

    Categoria Cuore Categoria Stopmaco Categoria Cervello Il 7 ottobre del 1991, alle tre del pomeriggio, Zagabria, assordata dalle sirene, è sotto attacco. La... Leggere il seguito

    Da  Arturo Robertazzi - @artnite
    TALENTI
  • Le voci di Zagreb.

    Categoria Cuore Categoria Stopmaco Categoria Cervello Negli anni della stesura di Zagreb (ora che li conto sembrano tantissimi) ho incontrato molte persone che... Leggere il seguito

    Da  Arturo Robertazzi - @artnite
    TALENTI
  • Zagreb a Bari: il vocabolario di vent’anni fa.

    Categoria Cuore Passanti lettori. Una ventina di persone nella sala centrale della Feltrinelli. Due microfoni. Divanetti a mezzaluna. E io e il giornalista,... Leggere il seguito

    Da  Arturo Robertazzi - @artnite
    TALENTI
  • I non-refusi di Zagreb.

    Da quando Zagreb è uscito, da maggio, io non l’ho mai più riletto. Forse non lo rileggerò mai più, forse lo farò fra qualche anno. Avevo il terrore che ci... Leggere il seguito

    Da  Arturo Robertazzi - @artnite
    TALENTI