Magazine Cultura

Lo scrittore emozionato

Creato il 26 gennaio 2012 da Camphora @StarbooksIt

Mi viene  da pensare: quanto uno scrivere emozionato può rivelarsi emozionante? O quanto ispirato. Intendo quando  vissuto come emozione durante la sua stesura: potrà davvero nutrire un processo creativo, o  invece scalfirlo, disturbarlo e colarlo a picco, allontanandomi da quello che volevo e che sentivo di dire? Quanto la mia emozione nello scrivere potrà rendere più fragile il messaggio, anziché più autentico e vibrante? Potrei credere di aver vissuto in una prima bozza un  temporale di luci e di rivelazioni, che andranno a svanire, già dalla scorsa successiva, deludendomi, o al contrario: ritrovarmi delle rivelazioni sorprendenti ed emozionanti, da testi scivolati per inerzia o quasi per caso, sonnecchiando, senza quasi sentirli dentro mentre li buttavo giù. L’ispirazione può essere scissa dall’ emozione? Esperienze in merito? Campari!

l.s.

 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazines