Magazine Pari Opportunità

"Lo Sfogo Quotidiano" ?

Da Giorgia_v
Ecco di seguito un articolo che vorrei inviare a Il Fatto in relazione alla vicenda articoli misogini e in risposta a Peter Gomez. Se anche tu condividi i suoi contenuti, puoi scrivere il tuo nome e cognome a commento di questo post. Entro giovedì invierò il mio articolo alla redazione con i nomi raccolti chiedendone la pubblicazione. E' probabile che se l'articolo sarà sottoscritto da più persone, le possibilità aumenteranno.
Leggo Il Fatto perché mi dice cose che sugli altri giornali non trovo, soprattutto per quanto riguarda le vicende politiche del nostro Paese. Leggo Il Fatto perché ritengo che non vi sia ingerenza da parte del potere politico ed economico e dunque presumo che i giornalisti siano liberi di dire, appunto, i fatti (non solo le opinioni, che possono essere soggettive e variabili, ma proprio i fatti) così come stanno, senza pressioni. Leggo Il Fatto perché le sue tesi non ruotano intorno ad un partito e non hanno una connotazione ideologica. Infine, leggo Il Fatto perché i suoi giornalisti parlano chiaro e non cercano di convincere, quanto piuttosto di esporre.
Ma analizzando gli articoli di Massimo Fini sulle donne in relazione ai punti di forza del giornale sopra citati, mi vedo costretta a constatare che:
- non mi dicono cose che sugli altri giornali non trovo, anzi, direi che di articoli contro il femminismo o contro le donne ne leggo già molti perché una certa mentalità di considerare la donna inferiore all'uomo in Italia è ancora pericolosamente diffusa (infatti viviamo in uno dei Paesi occidentali più arretrati per le pari opportunità)
- non raccontano fatti scomodi censurati dal potere politico ed economico, anzi manifestano un'opinione sulle donne sulla quale, semmai, si è costruito e retto per anni l'attuale establishment politico ed economico
- non so se siano liberi da ideologie politiche ma mi sembrano abbastanza in linea con una certa frangia del pensiero reazionario di destra
- sono chiari nell'esprimere un'opinione ma non nell'esporre i fatti, tant'è che Gomez su questo punto ne ha confutato il secondo con una cristallinità senza precedenti.
Che cosa c'entrano, allora, gli articoli di Fini sulle donne con Il Fatto quotidiano? Niente, mi dico. Però sul Fatto, come ci ricorda Gomez, vige la libertà d'espressione, come se il problema fosse una questione di censura e non di linea editoriale di una testata. Nessuno impedisce a Massimo Fini di esprimere in Rete la sua opinione, sebbene a mio avviso lesiva della dignità di alcune persone, ma qui non si parla della “Rete” in generale. Qui si parla di uno spazio preciso e circoscritto del Web, ovvero del sito di una testata con una sua direzione ed una sua redazione, dove gli articoli vengono scelti e dove una discriminazione, per forza di cose, è già in atto: si chiama selezione dei contenuti. Perché Il Fatto dovrebbe essere un quotidiano on line e non un "aggregatore spontaneo di post".
Viene da chiedersi come mai, in questo senso, in nome della libertà d'espressione, non troviamo su Il Fatto articoli pro Berlusconi o discriminatori nei confronti degli immigrati, per esempio. Su questi temi, infatti, si avverte una linea editoriale precisa, per la quale sono stata fiera di leggere fino ad oggi il vostro quotidiano: Il Fatto ha deciso di schierarsi dalla parte dei "fatti", costi quel che costi. La libertà su cui credevo si basasse questa testata non era data dall'ipotesi che chiunque potesse scrivervi qualunque cosa, come su un social network tanto per intenderci (anch'esso regolato da una serie di norme per altro), ma che chiunque fosse libero di dire la sua verità, anche scomoda, senza pressioni da parte del potere, come invece succede in tante altre testate.
Non è possibile che, quando si parla di donne, improvvisamente, essere un "bravo giornalista" costituisca condizione necessaria e sufficiente per potersi vedere pubblicato sulle pagine di un quotidiano, on o off line che sia, qualsiasi tipo di sfogo (pardon, provocazione) anche misogino.
Caro quotidiano, io non lo capisco. E ti chiedo, come donna e come lettrice, che tu prenda una posizione chiara. Se stai dalla parte dei fatti, decidi di esserlo su tutto, anche sulla questione femminile, sulla sua storia e, perché no, sulle sue contraddizioni. Ma fallo basandoti sui fatti e non sugli sfoghi personali, fedele al nome che tu stesso ti sei scelto. Perché la questione della discriminazione sessuale non è, a dispetto di come molti credono in questo Paese arretrato, un semplice tema di gossip o di costume dove chiunque può dire ciò che vuole, ma una seria ed irrisolta questione di diritti umani. Ci si può arrogare il diritto di garantire la libertà di espressione quando ancora, anche in Italia, a molte donne non è concesso esprimere liberamente il proprio pensiero in numerosi contesti?
Caro Il Fatto, se davvero sei per la libertà d'espressione, dovresti innanzitutto impegnarti per creare le condizioni affinché questa possa manifestarsi per tutti schierandoti coraggiosamente per la promozione delle pari opportunità, ricordandoti che la libertà d'espressione non riguarda solo le opinioni, ma anche i comportamenti e l'esercizio dei propri diritti, che a molte donne ancora è negato.
Giorgia Vezzoli

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lo svezzamento

    Avendo affrontato l’argomento dell’allattamento nel post precedente, mi sembra giusto terminare la parte riguardante l’alimentazione dei neo-nati con lo... Leggere il seguito

    Da  Infanziadelbambino
    BAMBINI, FAMIGLIA, MATERNITÀ, PER LEI
  • Cosí lo avrei voluto

    Un nuovo amico per Gabi..un nuovo bimbo a questo mondo.La nostra amica, ieri notte, ha partorito un bimbo stupendo. Siamo andati a trovarla oggi, in ospedale,... Leggere il seguito

    Da  Selena
    ITALIANI NEL MONDO, PER LEI
  • Sfogo

    Sfogo

    Maròòòò ma la gente che c'ha in testa? Un supplì? L'acqua sporca e stagnante? Le briciole? La sabbia? Ok la smetto. No è che provo una rabbia. Alle domande... Leggere il seguito

    Da  Nina
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Sfogo senza bersaglio: Lettere

    Sfogo senza bersaglio: Lettere

    Ciao amico di penna, o di pena…. Capita anche a me alle volte di essere stanco, alle volte stravolto come un tappeto ben battuto e lasciato all’aria, appeso ad... Leggere il seguito

    Da  Maurizio Lorenzi
    CULTURA
  • Lo spaccapietre

    spaccapietre

    Quando il sole piomba infocato sulle groppe stridenti delle cicale, e il ramarro, celere come l’ombra d’una rondine, attraversa a coda ritta la via; o nel... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA, LIBRI
  • Lo sfogo dell'arbitro De Santis

    sfogo dell'arbitro Santis

    De Santis: «La mia vita è stata sconvolta dalle intercettazioni...» © Foto Liverani L'arbitro De Santis si è sfogato all'inizio dell'udienza su Calciopoli d... Leggere il seguito

    Da  Juveincampo
    CALCIO, SPORT
  • Libero Sfogo - Giulietta e Romeo ovvero "Per quanto la si lustri, una porcheria...

    Per spiegare ciò che intendo vi metto a confronto la scena del duello Mercuzio/Tebaldo, in due differenti spettacoli, per mostrare come sia stata gestita... Leggere il seguito

    Da  Barono
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA