Magazine Pari Opportunità

LO STUPRO è UN ARMA USATA NEL PAESE DEL CONGO. ORMAI LO STUPRO è UN USANZA COMUNE NEL PAESE

Da Madyur

Lo stupro e la violenza sessuale contro donne e ragazze nella Repubblica Democratica del Congo sta diventando "normale" secondo un nuovo rapporto pubblicato.

Congo_1C_585x350_708253a

Lo stupro è arma di guerra nei conflitti che si sono sovrapposti in Congo dal 1996, causando milioni di morti per malattie. Si stima che centinaia di migliaia di donne sono state violentate in attacchi volti a terrorizzare i civili, umiliare il nemico e la pulizia etnica delle regioni.

Ma la nuova indagine dei casi di stupro in una delle due cliniche specializzate nelle province del Kivu del Congo orientale, mostra che, sebbene la maggior parte degli attacchi sono perpetrati da uomini armati si è registrato un preoccupante aumento di 17 volte di stupri da civili.

"Questo studio conferma quanto è stato riportato solo aneddotico fino ad ora: la violenza sessuale è diventato più normale nella vita civile", ha detto Susan Bartels, ricercatore presso Harvard che ha analizzato 4.311 stupri commessi tra il 2004 e il 2008.

Secondo lo studio il 60 per cento degli attacchi sono stupri di gruppo e la maggior parte sono effettuati da uomini armati nelle case delle vittime 'dopo il tramonto le donne non sono sicure in nessun luogo".

"Stupro di tale portata e brutalità è scandaloso", ha detto Krista Riddley, direttore della politica umanitaria Oxfam International . Ha invitato il governo congolese a migliorare l'assistenza medica per le vittime di stupri, di riformare la sua sicurezza e giustizia, e di garantire la protezione dei civili.

Proteggere i civili da stupro, omicidio, sfruttamento o di qualsiasi altre depredazioni sarà più difficile che le Nazioni Unite nell’immediato ritiri i suoi 20.000 soldati della pace.

Il presidente Joseph Kabila ha chiesto il congedo di truppe, insistendo sul fatto che le forze di sicurezza - responsabile di molte atrocità ben documentate - sono in grado di garantire la sicurezza. Le aggressioni a sfondo sessuale nel Congo orientale vengono perpetrate in modo particolarmente brutali che lascia spesso le vittime soffrire di fistola.

Assalitori usano bastoni, coltelli o canne di fucile per violare le loro vittime, violentano le donne davanti ai loro familiari e mutilano deliberatamente le vittime in seguito. C'è stata una crescente attenzione sul tema di recente, compresa una visita l'anno scorso dal segretario di Stato Usa Hillary Clinton, che ha descritto gli stupri, "il male nella sua forma più vile". Tuttavia, nel 2009 c'è stato un aumento del numero di stupri e aggressioni sessuali.

Lo scorso anno le Nazioni Unite hanno sostenuto un tentativo da parte dell'esercito congolese di sradicare l’etnia delle FDLR , una milizia etnica Hutu guidata da alcuni dei responsabili del genocidio del 1994 nel vicino Ruanda.

"E 'chiaro che l'aumento che abbiamo visto l'anno scorso era direttamente connesso con il conflitto crescente. In alcune zone di conflitto, abbiamo documentato un raddoppio o triplicazione di stupro ", ha detto Anneke Van Woudenberg, ricercatore senior presso Human Rights Watch. "Congo orientale rimane uno degli esempi più scioccanti dello stupro come arma di guerra", ha detto.

"Avevo comprato banane al mattino e tornavo dal mercato quando ho incontrato quattro uomini armati", ha detto. "Due di loro mi hanno preso le banane e cominciarono a mangiare, gli altri mi hanno afferrato da dietro e mi hanno portato tra i cespugli. Tutti e quattro mi hanno violentato . Hanno messo una banana in bocca per impedirmi di piangere e mi hanno violentata fino a quando ho sanguinato , "ha detto.

La banda di stupratori è stato arrestato e poi rilasciato dopo aver corrotto le autorità, uno scenario fin troppo comune in un paese con una magistratura disfunzionale e facilmente corruttibile. "Lo stupro continua perché non c'è giustizia, non c'è punizione", ha detto la signora Van Woudenberg.

madyur

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Non è un paese per vecchie

    Dopo Ancora dalla parte delle bambine, Loredana Lipperini realizza un altro capolavoro Non è un Paese per vecchie. La prima opera analizzava la condizione... Leggere il seguito

    Da  Marypinagiuliaalessiafabiana
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Non è un paese per vecchie – di Loredana Lipperini

    paese vecchie Loredana Lipperini

    Non è un’anteprima assoluta ma quasi una necessità, un’ ulteriore segnalazione anche qui, in un blog la cui redazione è prevalentemente femminile, per ciò che... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA, LIBRI, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Non è un paese per donne

    Della (presunta) parità tra uomini e donne nel mondo islamico si discute sempre più spesso (ultimamente per il 'caso' Sakineh) e più o meno tutti sono concordi... Leggere il seguito

    Da  Wanderer
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • n. 841 - Pupottina nel paese delle meraviglie

    Alice in WonderlandL'amante ingleseDiamond 13Revanche - Ti uccideròShutter IslandCrazy HeartPupottina è indecisa!Questa settimana, ogni film ha il suo grande... Leggere il seguito

    Da  Pupottina
    PER LEI
  • Alice nel paese delle meraviglie

    Alice paese delle meraviglie

    Il punto di contatto di Alice Liddell con il mondo reale è qui, in questo negozietto davanti a Christ Church, il più grande college di Oxford, dove hanno... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Come scongelare un Paese bloccato

    Capita di leggere non solo di operai licenziati che si uccidono dandosi fuoco, come il bergamasco Sergio Marra, ma anche di imprenditori come il veneto Paolo... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Che paese

    , il nostro. Il paese dove un senatore condannato in appello per mafia (Totò Cuffaro), è sotto scorta dalla polizia. Dove un altro senatore, Dell'Utri, finisce... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ