Magazine Cinema

Lone Ranger – Recensione

Creato il 09 luglio 2013 da Retrò Online Magazine @retr_online

Lone Ranger è come una persona che si presenta bene, fa un sorriso smagliante e ti stringe la mano, poi pronuncia il suo nome: “piacere, the-lone-ranger-recensionedr.Frankenstein”. Il nome evoca subito ricordi agghiaccianti, sai che non può essere lui ma la paura ti viene lo stesso. Questa sensazione può esser dovuta ai nomi “Bruckheimer”, “Verbinski” e “Depp” sulla locandina, rispettivamente produttore, regista e protagonista di quel baraccone circense dei Pirati dei Caraibi, sfuggito ad ogni controllo dopo il primo, ottimo, episodio.

Basandosi su un popolare programma radiofonico statunitense, divenuto anche fumetto e cartone animato, Lone Ranger arriva al cinema inserendosi nel filone dei film d’avventura in salsa di commedia.

John Reid (Armie Hammer) è un impacciato avvocato di città che si trasferisce in un villaggio del Far West per aiutare il fratello Dan, uomo d’azione e sceriffo, abituato al gioco duro dei briganti di frontiera. Quando i due rimangono vittime di un agguato mentre inseguono il fuorilegge Butch Cavendish (William Fichtner), John viene riportato in vita da un cavallo bianco, che secondo l’indiano Tonto (Johnny Depp), manifesta il volere degli spiriti scegliendolo come campione della giustizia. Tonto si unisce al ranger solitario, anche lui per vendicarsi di Cavendish, dando il via al classico sviluppo da “buddy movie” (ovvero i film basati su due protagonisti che collaborano tra amicizia e litigi, come in Arma Letale, o 48 Ore).

I timori legati a questa pellicola erano tanti, temendo che finisse per incarnare i peggiori difetti degli ultimi Pirati dei Caraibi, ovvero “troppa” esagerazione, e troppa enfasi sul modo di fare strambo del personaggio di Depp. Timori fugati solo in parte dato che Lone Ranger, nella sostanza, è il primo “Pirati” in chiave western, pur mantenendosi più cauto, incoraggiando un pò di interazione tra i due protagonisti e senza strafare con l’indiano Depp.

Su questo aspetto ormai si gioca la carriera del buon Johnny, lontano dalla varietà di “Donnie Brasco”, “Nemico Pubblico” o “Dead Man”, e relegato nella parte del simpatico folle per l’ennesima volta (dopo 4 Pirati, un Willie Wonka, un Cappellaio Matto e un vampiro). Armie Hammer lo segue, ringraziando la sceneggiatura che gli lascia sufficente spazio, altrimenti grazie al suo solo carisma passerebbe troppo tempo in secondo piano. Questo squilibrio tra i due protagonisti ricorda un pò quello tra Depp e Orlando Bloom nei Pirati. In particolare stona parecchio l’idea che un protagonista uccida involontariamente, forse per adeguarsi ai clichet di buonismo Disney, in una pellicola dove, a ben vedere, c’è un conteggio morti notevole ma sempre per caso o per mano dei “cattivi”. Con un personaggio esageratamente superfluo, Helena Bonham Carter (sposata con Tim Burton) si conferma la regina delle raccomandate.

Trasportare il genere in una ambientazione Western non basta a rinfrescare il format, che ripropone senza innovazione la struttura dei film Pirateschi e la stessa caratterizzazione dei personaggi, pur mantenendone l’ottima carica e dinamismo. Due ore e mezza di film, in questo caso sono un pò troppe, facendo sentire lo spettatore come dopo un giro su una giostra, che per quanto bella, dura troppo a lungo. Consigliato solo a chi non ha sbadigliato neanche una volta nei precedenti quattro film pirateschi o a chi se ne è perso qualcuno.

Articolo di Francesco Dovis


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • The Lone Ranger

    Lone Ranger

    John Reid è un uomo di legge, educato in città e tornato nel vecchio west per consegnare alla giustizia il pluricriminale Butch Cavendish. Durante la spedizione... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • The Lone Ranger

    Lone Ranger

    Dispiace non poco che quest'ultima fatica del regista Gore Verbinski, interessante artigiano del cinema d'intrattenimento hollywoodiano nonché personaggio capac... Leggere il seguito

    Da  Mattia Allegrucci
    CINEMA, CULTURA
  • THE LONE RANGER – Nuove Clip sulla lavorazione del Film

    LONE RANGER Nuove Clip sulla lavorazione Film

    Uscito ieri in tutti i cinema nazionali, qui la nostra recensione, l’ultima proposta della Disney si segnala come uno dei Kolossal più spettacolari del 2013!! Leggere il seguito

    Da  Poison78
    CINEMA, CULTURA
  • The Lone Ranger

    Lone Ranger

    La leggenda di un improbabile giustiziere contrario alle armi, di un bizzarro cavallo bianco e di uno strampalato nativo americana, uniti nel nome della... Leggere il seguito

    Da  Drkino
    CINEMA, CULTURA
  • The Lone Ranger

    Lone Ranger

    Come vi avevo annunciato fin dall'epoca prenatalizia, è uscito ier l'altro The Lone Ranger di Gore Verbinski. Dopo aver spolpato fino all'osso la saga dei Pirat... Leggere il seguito

    Da  Thetalkingmule
    CINEMA, CULTURA
  • “The Lone Ranger”, nuovo film con Johnny Depp nei panni di un indiano pazzo

    “The Lone Ranger”, nuovo film Johnny Depp panni indiano pazzo

    “Vi prego, commettete un errore, non c’è bisogno di fare una guerra.” “Ormai siamo già fantasmi.” Nella San Francisco del 1933 un ragazzino appassionato del not... Leggere il seguito

    Da  Alessiamocci
    CINEMA, CULTURA
  • The lone ranger

    lone ranger

    Che bel film The Lone Ranger, seppur poco adatto al pubblico italiano, western atipico buttato in pasto alle sale di un paese, il bel paese, che ultimamente... Leggere il seguito

    Da  Houssymovies2punto0
    CINEMA, CULTURA