Magazine

Ma invece NO

Creato il 13 ottobre 2011 da Lazitellaacida

Eeeeh cosa volete che vi dica.Va cosìAvete presente quei periodi in cui si è talmente giù da non sapere nemmeno cosa si vuole mangiare a colazione?Ogni autunno è la stessa storia: sei lì, nel reparto biscotti, allunghi la mano verso le Macine. Poi pensi no che mi fanno sete. Allora vai verso i soliti Pan di Stelle e dici no che mi si incastrano tra le gengive e quando mi lavo i denti poi sputo marrone. Allora i Buondì al cioccolato, no che ingrassoInsomma poi è tutto grigio, le giornate si accorciano e il mio lavoro fa cagare e chi me lo fa fare di alzarmi la mattina? Eppoi penso, ma che ci scrivo a quelli del blogghe che sono così tanti e mi vogliono inspiegabilmentebene? Siete una manica di stronzi che io vorrei abbracciare uno a uno, uno di quegli abbracci prolungati avete presente? Quelli che durano quel secondo in più della media ed è subito imbarazzo. Perché graziaddio che c'è sto blog se no sarei già morta di noia circa 5 mesi fa.Sì perché io vorrei cambiare ma ho in testa tante cose, troppe forse. Adesso vivo da sola nel bucolocale e dovrei essere felice MA INVECE NO. Perchè cazzo, avrei anche una certa, forse è il caso che mi faccia incatenare ad un mutuo e compri un buco di casa e ci metta dentro tutti i miei vestiti e io vada a vivere altrove. Ma non so come si fa.Come si compra casa? Da dove si comincia? Perché io devo farlo da sola? Non posso pagare qualcuno che la cerchi, la trovi, faccia i mutui per me? Non possiamo fare che io divento come Scajola e mi comprano la casa e io arrivo solo per pagarla (no aspetta, a lui non è andata così)?
Eppoi avrei anche fatto un anno qua dentro che, come ben sa Simone, si dovrebbe stare bene qua dentro ed essere felici perché tutto il mondo ci invidia, MA INVECE NO perché o si lavora troppo (lui) o troppo poco (io) e finisce che quel poco di cervello che ho lo uso per stare a scandagliare style.com tutto il giorno e a segnarmi cosa cazzo andrà di moda il prossimo anno che non potrò permettermi.Poi ti capita di leggere articoli su corriere.it per i quali ti viene voglia di INDIGNARTI più di quelli che stanno a fare la posta sotto Wall Street tutti i santi giorni perché dici ma porca minchia io nei campi non ci sono andata perché mi facevano schifo gli insetti ma ho lavorato in una gelateria, in una carrozzeria, in un orfanotrofio, in uno showroom e in qualche mezzo centinaio di centri estivi a tener bambini scassamaroni e nonostante questo mi sono laureata, traslocata a Milano, mantenuta con le mie sole forze eppure nessuno viene a scrivere un articolo su di me e il massimo sintomo di celebrità è una tentata denuncia per diffamazione da una pessima ginecologa della Mangiagalli.

Dovrei forse andare all'estero? Imparare meglio l'inglese? Così posso rispondere a tono nelle riunioni quando c'è Quello e dirgli che 'oh bro, waddafuck, you told me to put the bags like this, i don't invent it by my self , ok?'Dovrei forse cambiare lavoro? Abbandonare la moda e dedicarmi alla vendita di bulloni? Pomodori? Ad un colloquio questa settimana mi hanno chiesto se sono più appassionata di moda o di digitale. Gli ho risposto che è come chiedermi di scegliere tra la mamma e il papà e alla fine ho detto che se quando avevo 8 anni mi firmavo 'Zitella Acida La Stilista' forse significa che tutto questo cianciare di quanto sia tornata di moda la pancia di fuori alla fine mi diverte ancora.Ma se cambio lavoro dove vado? Posso andare a scrivere da qualche parte? Possibile che il mondo creda a gente come la Ferragni e non come A MEPerché la Tamu di Grazia.it non mi ha più cagata dopo avermi detto 'Ma ti sei vista? Ah che bel nome!' Orbene TAMU, solo perché sono una 44 e dico le parolacce non è abbastanza per depennarmi dalla lista delle IT GIRLS! Possiamo fare un esposto a Grazia.it per farmi assumere? Oppure parliamo a quelli di A, alla Latella tanto cara e bella, e dirle che quella paginetta della Ferragni le sta facendo guadagnare più critiche che vendite? Oppure a quelli di Amica, di Flair, anche IL TOPOLINO mi va bene! Insomma facciamo una raccolta firme?Che mi metto a fare? Mi metto a scrivere un libro? Ma che vi racconto nel libro che già sapete tutto quello che mi succede? E se poi viene fuori un libro di merda come quello della Moscardelli?Cambio colore di capelli? Alla lista mancano ormai solo il rosso (che con gli occhi verdi e il colorito giallognolo è un attimo che son un semaforo) e il nero (perché, va ancora di moda farsi il nero con i riflessi blu?).Cambio stile di abbigliamento? Ma no, con la faccia da bambolina che c'ho non è che posso diventare la Kate Lanphear de no attri. Meglio continuare in questo mood wannabe Chloè, wannabe Celine. Wannabe e basta.Cambio stile di vita? Certo, allora adesso ho la bici e Ciottolato Is The Enemy. Dovevo cominciare a fare yoga due mesi fa. E' qua, a 25 metri dall'ufficio. Niente, non ci sono ancora andata.Cambio moroso? Eh? Ah? Seeeeeee, ok.Faccio un corso: ecco allora mi servirebbe sapere per lavoro il FRANCESE vediamo vediamo... quanto? 600 EURO? Da pagare SUBITO? E poi cosa volete anche? Una Balenciaga come caparra fino al termine del corso?Dai, domani vado in barca. Ah. Io, barca, ancora. E' una regata. MA CI PENSATE, una regata, IO? Sabato farà freddo immagino. Non ho maglioni pesanti io. C'ho ancora i top di seta nell'armadio e giusto due maglioncini di cashmere che però, per quanto faccia radical chic andare in barca con il cashmirino, non è che mi avanzano così tanti soldi da rotolarmi in barca vestita come i pescatori del Tonno Nostromo nel cashmere.Oh sì sono proprio insofferente. Anche vedere il concerto dei Negramaro ieri sera mi ha dato solo qualche ora di sollievo. Oddio, c'è da dire che quando vedi manzi come questo ti chiedi MA IO QUANDO MI TRASFERISCO NEL SALENTO EH? 

Ma invece NO

Quindi ricapitolando: se uno comincia male la giornata con una colazione triste non è che può andare al lavoro saltellando. Ed è per questo che ho scritto una mail al signor Mulino Bianco.Gentile MULINO BIANCO,E' con sommo dispiacere che cerco di affrontare l'inverno ormai alle porte: le giornate si accorciano, fa sempre più freddo e il mio lavoro fa cagare.A questa mestizia si aggiunge il fatto che NON SO PIU' COSA MANGIARE A COLAZIONE e cercando di scavare nella mia memoria cosa mi piacerebbe avere accanto al caffè alla mattina mi sono ricordata dei biscotti ROSA DEL DESERTO, spariti dalla vostra offerta commerciale da circa 218 anni.Forse, ripensandoci, un nome come ROSA DEL DESERTO non è stato l'ideale per un biscotto perché fa sovvenire alla mente pensieri radicalmente islamici. Vi suggerirei qualcosa come 'fiocchi mattutini', 'crocchini golosi', 'fiocchi sorridenti'.Vi chiedo quindi di reintrodurre sugli scaffali questi fottuti biscotti perché i Pan di Stelle mi hanno stufato e sopratutto mi si incastrano sempre sulle gengive.Per sempre vostra,Zit

Ma invece NO


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ma loro amano la natura, si vede no?

    loro amano natura, vede

    Ci chiedevamo quali siano stati finora gli atti concreti adottati in favore della natura...Aprilia vi sembra più verde? Più alberata? Più fiorita? Tutt'altro... Leggere il seguito

    Da  Degradoapriliano
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Gli alberi no, ma i cartelloni sì!

    alberi cartelloni

    PRIMADOPOEccoci di nuovo a parlare di cartelloni pubblicitari, che negli ultimi due anni sono considerevolmente aumentati di numero, senza che di essi ci fosse... Leggere il seguito

    Da  Degradoapriliano
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Di partenze intelligenti... ma anche no.

    partenze intelligenti... anche

    Ok. E' vero. Quest'anno abbiamo iniziato a litigare con il calendario dal primo momento in cui ci siamo accorti che ci stava rubando ponti e festività. Leggere il seguito

    Da  Valepi
    CULTURA
  • Ma anche NO!

    Ecco una serie di libri che, secondo il mio modestissimo punto di vista, non vale la pena leggere. Tutti e quattro i libri di cui parlo oggi, li ho comprati dop... Leggere il seguito

    Da  Dida
    LIBRI
  • Un racconto...ma anche no!

    Mesi di indifferenza e di litigi. Questi ultimi quando andava bene. Mesi di tentativi e di discorsi, il più delle volte a vuoto. Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Esami del sangue che paura … ma anche no

    Esami sangue paura anche

    Beh, prima o poi doveva capitare, un esamino del sangue. La prima volta a 5 anni poi non è tragedia. Questo mi sono detta per prepararmi al fatidico giorno. Sar... Leggere il seguito

    Da  Momsinthecity
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Poràccio, ma anche no

    Sono il monumento di quello-che-sarebbe-meglio-non-fare. Una mezzaséga testadicazzo.Si dava della mezzaséga, Céline. Del testadicazzo, gilipollas. E pure dello... Leggere il seguito

    Da  Fabriziogabrielli
    CULTURA