Magazine Società

Mai attaccare le veline, è (quasi) un comandamento

Creato il 21 giugno 2011 da Oblioilblog @oblioilblog

Mai attaccare le veline, è (quasi) un comandamento

Eccoli gli inscalfibili, o meglio, Le inscalfibili dei poteri forti in Italia, le donniciole dei padroni. Se ci si pensa un attimo lucidamente sembra una cosa folle, ma come sempre in Italia tutto questo è normale [cit.]. In questo caso mi riferisco alle solite critiche che arrivano dai personaggi della TV italiana alle ragazze inutili per eccellenza, ovvero le Veline. Il loro ruolo è sempre stato molto chiaro, ma non è mai stato realmente valorizzato e quindi è finito per diventare il simbolo della cultura (la parte molto bassa) berlusconiana.

Vanessa Incontrada, conduttrice di alcuni popolari show di Mediaset ha commesso un errore fatale, cioè appunto criticare le ragazze di Antonio Ricci.

Io non guardo la tv, sono anni che non l’accendo. Rispetto alla tv spagnola, che ha un lato gossipparo allucinante, in Italia usano le donne come oggetto in maniera spudorata. Qual è il senso delle due veline che ballano a Striscia la notizia? Antonio Ricci dice che è un modo di fare ironia. A me non sembra, sono due belle ragazze che fanno un ballettino, ma cosa vuol dire? I format sono sempre gli stessi e Striscia c’è anche in Spagna, però lì non vedi tutte queste ragazze, per il varietà c’è un conduttore e basta.

Ma non solo:

Non ne vedo l’utilità, e non è una questione di femminismo: non critico il ruolo né l’esibizionismo delle persone, nessuno può giudicare perché non sai mai cosa farai tu in futuro. Però così che razza di messaggio è… vuoi cantare? Canta, Vuoi ballare? Balla. Ma cos’è far la velina? E non mi venite a raccontare che Cristo è morto dal sonno: qui l’ironia non c’entra nulla.

Non si sono fatti attendere i mastini, o i manganelli, come preferite, stavolta però non è sceso in campo direttamente Antonio Ricci con il suo sempiterno “Striscia la Notizia”, ma appunto come detto poco fa, i cani del padrone. Di mattina ci pensa subito a colpire Libero, foglio satirico/demenziale che alcuni scambiano ancora per un giornale, che riserva il trattamento a “la Veronica Lario”:

Ma perché Vanessa Incontrada ultimamente è così velenosa? Forse non ha ancora digerito la decisione di Gino e Michele di defenestrarla da Zelig e rimpiazzarla con Paola Cortellesi? O ci sarà rimasta male per il no di Mediaset alla sua partecipazione nel programma di Signorini (anche se lei ha detto che è stata una scelta sua…)? Qualcuno ci spieghi perché quando una donna di spettacolo capisce di aver raggiunto un buon traguardo, diventa mamma e sa che non può più puntare sull’aspetto fisico, inizia a sputare su quelli che ha fatto fino al giorno prima (…) Perché a un certo punto vogliono ripudiare il fatto di essersi spogliate anche loro e assomigliare a Madre Teresa di Calcutta?

Mai attaccare le veline, è (quasi) un comandamento

Ed il meglio:

Le veline ormai sono diventate il bersaglio preferito di chi vuole criticare qualcosa, ma non trova nulla di più originale come oggetto del proprio sdegno. Forse ha frequentato segretamente Gad Lerner ed è stata indottrinata da lui (…) Vanessa ha mostrato una schiettezza ben lontana dalla fasulla diplomazia di tante star. E questo le fa onore. Ma non evita l’effetto maestrina. Prima di scoprire la sua innegabile verve comica, esplosa in tante edizioni di Zelig, Vanessa scopriva qualcos’altra. Il corpo. Qual era, per lei, il senso di spogliarsi e coprirsi maliziosamente il seno con le mani durante il casting Mediaset? Facile: Cercare lavoro in televisione. Ha fatto anche scene di film in cui è apparsa seminuda, magari è una di quelle che considera, con la puzza sotto il naso, che spogliarsi al cinema è una forma d’arte. Precisiamo che le veline in carica non hanno mai mostrato mezzo topless (hanno controllato scrupolosamente).

Sicuramente a Mediaset il “telegiornale” del canale che manda il suo ultimo programma, i “Wind Music Awards”, cioè Italia 1 e quindi stiamo parlando di Studio Aperto, si sarà subito prodigato a difendere la sua conduttrice? Manco mai[cit.]

Eppure c’è chi le fa notare che prima di indossare i panni del censore la stessa Incontrada non ha esitato a mostrarsi in Déshabillé per esigenze di scena. tutto il mondo è paese.

Questo il commento del “servizio” (manganellata) del teleg… programma che riprende pari pari l’articolo di Libero. Essere la prima TV commerciale ti da il diritto a non essere mai criticata, seppur in modo costruttivo? Proprio così, per dirla in tre parole: a Sua Immagine.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Non impareranno mai

    “C’è un senso di smarrimento, c’è un involgarimento del discorso pubblico”, disse a un certo punto Massimo D’Alema. Era lo scorso 28 ottobre e teneva un... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Chi l’avrebbe mai detto

    Il federalismo municipale è in stallo, bocciato dalla “bicameralina”. Decisivo è stato il voto di Mario Baldassarri (Fli, ex AN), incerto fino all’ultimo. Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Per non smentirsi mai

    Non posso che concordare con il presidente Napolitano. Credo che il Tg1 sia il telegiornale che dà più spazio agli esteri, sono altri che dovrebbero riflettere... Leggere il seguito

    Da  Fabio1983
    SOCIETÀ
  • Fine lotta: mai

    Fine lotta:

    Il boss Vittorio Mangano, un "eroe". Mentre ad Agrigento gli inquilini di uno stabile si oppongono all'apertura nel loro condominio di uno spartello anti-racket... Leggere il seguito

    Da  Ognimaledettopost
    SOCIETÀ
  • A Cesare Battisti nessun sostegno mai

    Cesare Battisti nessun sostegno

    a cura di Iannozzi GiuseppeDa La Stampa (3 febbraio 2011) – L’avvocato Nabor Bulhoes, che difende gli interessi del governo italiano nel caso Cesare Battisti, h... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Non è mai troppo tardi

    troppo tardi

    “Cari bambini, oggi volevo parlare con voi di quando nascono i bambini, di quando nasce una vita” “I bambini nascono dal papà e dalla mamma, la mamma lo tiene... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SCUOLA, SOCIETÀ
  • Nucleare in Puglia, Decaro: “Mai e poi mai”

    “Per quanto ci riguarda possono anche risparmiarsi il costo del francobollo per inviarci la loro richiesta, perché la nostra risposta al nucleare è sempre la... Leggere il seguito

    Da  Lalternativa
    SOCIETÀ

COMMENTI (1)

Da Filli
Inviato il 21 giugno a 21:45
Segnala un abuso

L'incontrada ha ragione , tutti almeno una volta si sono spogliati , ma esistono i modi