Magazine Diario personale

Make-up artist meli pennington and her wild beauty

Da Martiluna @marti7luna
Dear all,
as I have already anticipated a blogpost ago, here is a fantastic surprise for you but first of all for myself.
One of the most famous, skilled and talented make up artist in the New York City area, Meli Pennington, kindly accepted to answer my questions for an interview to be published here on my blog for all my readers. With her blog WildBeauty she wants to express her personality through her job and passions. I love it.
MAKE-UP ARTIST MELI PENNINGTON AND HER WILD BEAUTYMeli Pennington
MAKE-UP ARTIST MELI PENNINGTON AND HER WILD BEAUTY
WildBeauty.com
I was really pleased when I noticed how nice this woman is and how seriously she takes her tasks and how beautifully she answered my questions.
You can follow Meli and her works on Pinterest, Twitter and Instagram (@melimell23) too!
So, ladies and gentlemen, I am honored and super-pleased to publish my interview with Meli Pennington.
The fashionable lounge: Why did you call your blog "Wild beauty"? 

Meli: When I think of beauty and makeup, it's not just which products should I buy or how do I use them. Beauty practices and self-presentation are part of every culture - they're part of who we are as people. Looking at beauty this way, the kinds of topics I can cover go far and wide - I knew when I started this that I would be coloring outside the lines.TFL: What was your vision or what signs did you have which brought you to start your blog? 


Meli: I had thought that this would be a good topic for a TV show. But the way beauty is presented on television is still 'bimbos obsessing about mascara and boyfriends', so I thought I would start the blog and see what the response was.
TFL: Do you remember your first post? What was it about and where were you? 
Meli: My first post was a profile of my friend Gerald DeCock, a hairstylist and fine artist. It took me ages to write it, and I was terrified to post it as well. I went from being self-conscious about posting my writing for other people to being self-conscious about not posting enough!
TFL: I have always thought that make-up is an artistic expression of the makeup artist and of his/her mood and character. Is this a description that works for you? Even when you need to interpret someone else's mood or feature (maybe for a photo shoot or an ad campaign)?
Meli: I don't think that makeup is an artistic expression of me at all. It's always an interpretation - of a face, of a creative direction for a shoot, of a personality. I used to struggle with this - and not feel 'creative' enough - but maybe all creativity is interpretation. I may see a face differently than another artist, and see a different path to beauty, but ultimately it's about the face or the photo, not me and my moods.
TFL: I was attracted by a part of your blog title: "beauty. culture". Do you think beauty is interconnected and linked with culture? Do they have effects on each other? Does this apply to every moment of social history or has it changed in time?
Meli: Beauty is intimately linked with culture - everywhere and at all times. What is considered beautiful has to do with history, economics, technology, trade, geography, and even religion. We humans were wearing makeup and beads before we were using metal tools. It is superficial, in that it's an outer layer and decorative, but what is beautiful in a culture speaks volumes about that culture.

TFL: What does inspire you when you write a post on your blog? Are you happy when you write?
Meli: Funny 
you should ask me that - I'm in the middle of a serious writing block/ resistance. I have always been happy when I have written, but I am not a 'happy writer'. It's not very social, as work goes.


TFL: How much do you love your job, and what does make you happy when you work on a makeup session? What motivates you?
Meli: I'm happy when I find that next level of beauty in a face. People think that makeup is about covering up, but I find that makeup can reveal a face's otherwise unnoticed beauty..
TFL: In your 
blog you mix videos and written parts, but I can see you give more space to written posts and pictures. Why?

Meli: Part of it is that it's just me, and writing and finding pictures is easier than shooting and editing video. Part of it is the blog architecture - I feel that writing reviews and quick posts don't really fit with the longer pieces. I'm working with a developer on a redesign - it will be interesting to see how that affects the kinds of posts I do....
TFL: I love your “Book Reviews” category on your blog, and I know you read. Do you often read books? What books do you like reading?


Meli: I read very widely - lots of nonfiction, on topics from beauty to art to psychology to business to whatever catches my fancy. New York has the best library system in the world, so I'm lucky. I also buy books like some bloggers buy shoes - in my gazillionaire dreams I have a fantastic library of my own. So yeah, I'm one of the 'book people'. On the site, I'm hoping to expand the book reviews into a mini book store for beauty and fashion. 

TFL: A beauty trick for my readers? 


Meli: One great foundation/concealer trick for women who like to look natural is to not cover every flaw. Using foundation or concealer to just cover the few things that are standing out (like redness around the nose, or that pimple that showed up overnight) and leaving the rest if the face natural looks to most people like you're not wearing much of anything, and just have great skin.

TFL: Thank you for your great contribution to my blogpost and thanks for sharing your thoughts with me and all my readers! 
If you want to read more about Meli, have a look at her blog WildBeauty!!! 
If you want to leave comments or ask some questions, feel free to write them in the comment space! 

I really hope my next post will be as exciting as this one: from California !!!

Martina



Carissimi tutti,
come vi avevo anticipato un blogpost fa, ecco qui una fantastica sorpresa per voi, ma prima di tutto per me.
Una delle make up artist più famose e talentuose di New York City,  Meli Pennington, ha deliziosamente accettato di rispondere ad alcune domande per un'intervista da pubblicare sul mio blog per tutti voi. Ecco qui il suo blog WildBeauty , con il quale Meli esprime la sua personalità attraverso il suo lavoro e le sue passioni e interessi. Geniale.
MAKE-UP ARTIST MELI PENNINGTON AND HER WILD BEAUTY
Meli Pennington
MAKE-UP ARTIST MELI PENNINGTON AND HER WILD BEAUTY

WildBeauty.com
Sono stata davvero entusiasta nello scoprire quanto disponibile sia questa donna e di quanto prenda seriamente il suo lavoro, e guardate come ha risposto alle mie domande!
Potete seguire Meli e i suoi lavori su PinterestTwitter e anche Instagram (@melimell23)!
Signore e Signori, è con immenso onore che pubblico la mia intervista a Meli Pennington.
The fashionable lounge: Perché hai deciso di chiamare il tuo blog "Wild beauty"(bellezza selvaggia)? 

Meli: Quando penso alla bellezza e al makeup, non mi chiedo semplicemente quali prodotti dovrei acquistare e come dovrei utilizzarli. Le pratiche di bellezza e di presentazione di noi stessi sono parte integrante di ogni cultura, sono una componente di ciò che siamo come popolo, come persone. Guardando alla bellezza in questi termini, le tipologie di argomenti da trattare diventano innumerevoli, e nello stesso momento in cui mi sono resa conto di ciò, ho avuto la certezza che avrei colorato fuori dai margini.  

TFL: Qual è stata la tua "visione" o i segni che ti hanno fatto pubblicare il tuo blog?


Meli: Pensavo sarebbe potuto essere un tema interessante per uno show televisivo, ma il modo in cui la bellezza viene mostrata in televisione è, purtroppo, ancora "oche giulive ossessionate dal mascara e dai fidanzati", perciò ho voluto dare vita al blog e vedere il tipo di riscontro che avrebbe avuto. 
TFL: Ricordi ancora il tuo primo post?
Meli: Il mio primo post fu il profilo del mio amico Gerald DeCock, hairstylist e grande artista. Ci misi una vita a scriverlo, e la pubblicazione fu altrettanto difficile. Ero terrorizzata! Mi sentivo imbarazzata quando pubblicavo qualcosa che avevo scritto io per gli altri per poi, col tempo, sentirmi a disagio per non pubblicare abbastanza!
TFL: Ho sempre considerato il makeup come un'espressione artistica del makeup artist, che può cambiare in base all'umore e al carattere. Questa descrizione funziona anche per te? Funziona anche quando devi interpretare le caratteristiche o gli umori di altri (per esempio durante uno shooting fotografico o una campagna pubblicitaria)?  
Meli: Non penso che il makeup sia un'espressione artistica di me. Anzi. Lo considero sempre un'interpretazione di un volto, di una direzione creativa durante uno shoot, di una personalità.  Non ho sempre pensato così, a volte mi ritenevo poco "creativa" ma forse ogni creatività è in realtà interpretazione. Posso guardare ad un volto in maniera differente rispetto ad un altro makeup artist, o concepire diversi percorsi di bellezza, ma sono convinta che esca tutto dal volto o dalla foto, e non da me o dai miei umori.
TFL: Mi ha colpito molto una parte del titolo del tuo blog: "beauty.culture" (bellezza.cultura). Ritieni che la bellezza sia interconnessa e legata alla cultura? Ci sono legami/effetti tra le due? Questo legame è sempre presente in ogni momento della storia sociale o si è modificato nel tempo?
Meli: La bellezza vanta un legame molto intimo con la cultura: ovunque e da sempre. Ciò che viene considerato bello ha a che fare con la storia, l'economia, la tecnologia, il commercio, la geografia e perfino la religione. Noi esseri umani abbiamo indossato il makeup e ninnoli di perle molto prima dell'avvento degli strumenti in metallo. Un aspetto superficiale?  Solo perché riguarda lo strato più estremo e decorativo di noi, ma ciò che è bello la dice lunga su ogni cultura. 

TFL: Da cosa trai ispirazione quando scrivi sul tuo blog? Sei felice quando scrivi? 
Meli: strano che tu mi faccia questa domanda: mi trovo proprio nel mezzo di un vero e proprio blocco dello scrittore. Sono sempre stata felice quando scrivevo, ma non mi ritengo una "scrittrice felice". Non è un'attività molto sociale. 
TFL: Ami il tuo lavoro? Cosa ti rende felice quando lavori ad una seduta di makeup? Cosa ti motiva? 
Meli: Mi sento felice quando trovo in un volto il "livello successivo". Le persone pensano che il trucco serva per coprire, in realtà credo che il makeup sia il giusto mezzo per rivelare una parte di bellezza in un viso che altrimenti passerebbe inosservato...
TFL: Nel tuo blog convive un mix di video e di parti scritte ma queste ultime, assieme a fotografie, rivestono il ruolo più importante. Come mai? 

Meli: Uno dei motivi sono semplicemente io: scrivere e trovare immagini è più semplice di girare ed editare un filmato. Un altro motivo è la struttura del blog: penso che scrivere recensioni e post brevi non vada d'accordo con gli articoli più lunghi. Sono al lavoro con uno sviluppatore al momento per portare avanti un restyling, sarà interessante osservare come il cambiamento modificherà anche il tipo di post che pubblico...TFL: Amo la categoria “Book Reviews” (recensione di libri) nel tuo blog, e grazie a quella sezione so che leggi. Leggi molto spesso libri? Che tipologia di libri ti appassionano? 


Meli: Sì, sono un'appassionata lettrice: vado dalla saggistica a pubblicazioni sul beauty, dall'arte alla psicologia, dal business a tutto ciò che attira la mia attenzione. New York vanta il migliore sistema di biblioteche al mondo,  perciò mi ritengo molto fortunata. Inoltre, acquisto libri tanto quanto alcune blogger acquistano scarpe, pensa che nei miei fanta-sogni possiedo una fantastica biblioteca tutta mia! Quindi sì, sono proprio una di quelle persone che soffrono di dipendenza da libro. A proposito del sito, vorrei tanto espandere la sezione "book reviews" per farla diventare un piccolo book store di bellezza e moda.  

TFL: E per finire: hai un consiglio di bellezza per i miei lettori?  


Meli: Un trucco grandioso riguardo al fondotinta/correttore per le donne che vogliono un risultato naturale è quello di non coprire tutte le imperfezioni. Utilizzando un fondotinta o un correttore semplicemente per coprire quelle imperfezioni più evidenti (per esempio il rossore attorno al naso, o un piccolo brufolo spuntato durante la notte) e lasciare il resto del volto al naturale, farà apparire l'incarnato come se non fosse coperto proprio da nulla, per una pelle grandiosa. 

TFL: Grazie infinite per il tuo contributo al mio blog e grazie per aver condiviso i tuoi pensieri con me e con i miei lettori!
Se volete saperne di più su Meli, date un'occhiata al suo blog WildBeauty!!! 
E se vi va di lasciare commenti o farle delle domande, sentitevi liberi di scriverle qui sotto nello spavin commenti! 

Spero tanto che questo post vi sia piaciuto, e spero che anche il prossimo (dalla California) sarà così interessante! 

Martina


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Naked palette make up

    Naked palette make

    Oggi vorrei parlarvi di make up, perchè anche il trucco che decidiamo di realizzare può fare la differenza in un outfit, al pari degli accessori. Leggere il seguito

    Da  Anna Pernice
    DIARIO PERSONALE, VIAGGI
  • Beauty Uk Make Up

    Beauty Make

    Questa settimana parliamo ancora di make up. Questa volta, però, voglio presentarvi un marchio inglese "Beauty Uk" conosciuto per caso sul web. Il loro... Leggere il seguito

    Da  Anna Pernice
    DIARIO PERSONALE, VIAGGI
  • L'arte del make-up

    L'arte make-up

    Senza pretendere di fare una grande rassegna sull'arte...ci mancherebbe, sono completamente ignorante in materia, vi volevo proporre una carrellata di immagini... Leggere il seguito

    Da  Fara Serra
    TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • Oli-B: Illustrator and Street Artist

    Oli-B: Illustrator Street Artist

    Ormai si è capito che adoro il colore. Oggi ho scoperto Oli-B, illustratore e street artist belga. Io un giro sul suo sito lo farei. Leggere il seguito

    Da  Folliacreativa.com
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • MINI Cooper: Don’t make up and drive

    Dopo il Don’t drink and drive arriva il Don’t make up and drive. Molte donne in Messico sono solite truccarsi mentre sono alla guida di un’auto, provocando degl... Leggere il seguito

    Da  Folliacreativa.com
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Dessange make-up and hair-style

    Dessange make-up hair-style

    Dessange, una marca, un'identità. Presente in tutto il mondo e nota alle donne come artefice della bellezza: coiffeur, hair spa, maquillage, una gamma... Leggere il seguito

    Da  Camillina
    LIFESTYLE, MODA E TREND