Magazine Bellezza

Maledetto raffreddore, non mi avrai!

Creato il 04 novembre 2011 da Amelieinparis01
Vabbé, l'autunno, il freddo, la pioggia, io che mi ostino ad andare al lavoro in bici (ci metto 10 min invece dei 20 presunti che ci metterei prendendo i mezzi)... Quindi, non si scappa: ho avuto un raffreddore fulminante per una settimana.

Maledetto raffreddore, non mi avrai!

Lo so, la foto è terribile, al limite del kitch, però è irresistibile e rappresenta bene il mio recente raffreddore.


Il che significa avere, oltre agli occhi lagrimanti come quelli di una tossica, anche il naso, e in particolare la zona intorno alle narici, e sopra il labbro superiore, completamente screpolati e fastidiosamente doloranti.
Quindi, siccome ho da rendermi comunque presentabile in questi giorni per una serie di impegni di lavoro, vi racconto come sono riuscita a salvare l'insavabile.
Un solo, unico, economico, impagabile alleato per una notte, anzi due: il burro di karité puro al 100%.
Maledetto raffreddore, non mi avrai!

Ne avevo un barattolino nell'armadio delle creme, che mi è stato gentilmente regalato da Naturmed, una casa cosmetica che ho scoperto per lavoro e che mi ha mandato da provare una serie di prodottini mica male.
Maledetto raffreddore, non mi avrai!

Ho tirato fuori questo barattolino magico, ho preso una bella dose del mitico burro, e l'ho spalmata generosamente sulla parte rossa e irritata, appena prima di addormentarmi: ho subito sentito la sensazione di lieve, lievissimo bruciore, segno che il burro e il karité stavano penetrando nel derma e quindi agendo per idratare la parte disidratata.
Trasparente, inodore, veloce, efficace: tempo due notti due, rossore scomparso, ma soprattutto pelle reidrata e fastidiose screpolature scomparse.
Quindi, regola beauty n°1 per l'inverno: tenere sempre a portata di mano un barattolino di puro di karité purissimo. Costa poca, è efficace, e può salvarvi la pelle. In senso stretto, ovvio.
Maledetto raffreddore, non mi avrai!

Ps: parlavo di burro di karité su questo blog circa un anno fa, date uno sguardo qui 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :