Magazine Libri

Mamma a tempo pieno

Creato il 09 marzo 2011 da Eramegliounpescerosso
Vi è mai capitato di sentirvi sotto accusa perchè siete mamme a tempo pieno? Immagino di sì. Quando vivevo in Spagna e altre mamme mi chiedevano che lavoro facessi rimanevano inorridite alla mia risposta "non lavoro, faccio solo la mamma" e la reazione era "ma come non lavori? E come resisti tutto il giorno con il bambino?". Il 99% delle mie amiche spagnole avrebbe preferito lavorare 24 ore al giorno piuttosto di passare una giornata intera con i propri figli. Per loro il lavoro sembrava non tanto un modo per realizzarsi quanto una via di fuga dalla deprimente vita quotidiana fatta di pannolini, rigurgiti, nasi colanti e quant'altro. Qui in Italia la situazione è diversa, quando rispondi che non lavori gli occhi a palla sono gli stessi che in Spagna ma normalmente quello che pensano è "bella vita..." che ha due possibili significati:
-questa non fa un tubo dalla mattina alla sera
-beata lei, quanto piacerebbe anche a me
Ora, ciò che mi lascia perplessa è che il tema arrivi a toccare anche mostriciattoli di cinque anni... Mio figlio da tempo ormai chiede spiegazioni sul perchè gli altri bambini debbano andare al doposcuola e lui no o sulla figura della baby-sitter che per lui rappresenta un mondo sconosciuto. Gli ho spiegato che alcune mamme dei suoi compagni lavorano e quindi non potendo andare a prendere i figli alle 16 li lasciano al doposcuola o mandano la baby-sitter. Mi sembrava che Edoardo avesse recepito il messaggio senza grossi problemi, solo un po' turbato dal fatto che lui difficilmente avrà una baby-sitter (la baby-sitter della sua amica F. avrà si e no 20 anni ed è molto carina...). Come sempre mi sbagliavo...vuoi che mio figlio non approfondisca il tema cercando un confronto con i suo compagni? E no, ci mancherebbe, bisogna sempre investigare a fondo!
Quindi stamattina mi dice:
"Mamma, ho detto a R. che non lavori e non ci credeva allora siamo andati a chiedere alla maestra."
Io già mezza alterata ma cercando di nasconderlo e pensando adesso quando arrivo a scuola gliene dico quattro: "ah sì...e cosa vi ha detto?"
Edo: "Ha detto che non è vero che non lavori perchè le mamme che stanno a casa in realtà fanno un sacco di cose e lavorano tantissimo per far stare meglio bambini e papà"
Quasi mi sono commossa! Poco ci mancava che mi scendesse una lacrimuccia... Questa donna è un mito!!! Ho accompagnato Edo alla scuola materna e appena l'ho vista non ho potuto resistere e le ho detto "vieni qui che ti meriti un abbraccio!"

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine