Magazine Diario personale

Mandarin International Hotels Limited e l'Oriental Hotel.

Creato il 21 agosto 2011 da Fabiofabbri
Oriental Hotel, la storia.

Mandarin International Hotels Limited e l'Oriental Hotel.

Sawadee.

Mandarin Oriental, è un albergo a cinque stelle che si trova a Bangkok, sulle rive del fiume Chao Phrayain, parte di proprietà e gestito dal Gruppo Mandarin Oriental Hotel. Ha aperto nel 1879 e la struttura originale è stato il primo albergo costruito in Thailandia. Oggi, l'hotel è uno delle due proprieta' ammiraglie della Mandarin Oriental Hotel Group ed è noto per il servizio, che lo pone costantemente tra i migliori hotel del mondo.  Quando il Siam apri' al commercio con l'estero dopo la firma del trattato Bowring gli equipaggi delle navi che commerciavano con Bangkok avevano bisogno di un alloggio nella citta'. Per soddisfare questa domanda, il capitano Dyers, un americano e il suo partner JE Barnes aprirono un hotel sulla riva del fiume, lo chiamarono Oriental. L'Oriental brucio' nel 1865, fu un incendio gigantesco che distrusse almeno settanta edifici nell'area compresi ambasciate e consolati, mercati, edifici commerciali. Il fuoco divampo' facilmente dato che la maggior parte degli edifici in quel periodo erano fatti in legno.Diversi anni dopo una partnership di capitani danesi apri' un nuovo hotel in sostituzione di quello bruciato. Nella publicita' del tempo si puo' leggere: "Camere e stanze, sistemazioni per famiglie. American Bar. Sala biliardi. Bagni. Giornali. Barche in affitto. Menu' a prezzo fisso. Colazione ore 09:00. Pranzo ore 13:00. Cena ore 19:00". Certo che da quando sono state scritte queste parole l'Oriental ne ha fatta di strada! Basti considerare che l'edificio continuava ed essere in legno e conteneva circa una dozzina di camere che si aprivano su di un bacone. I bagni di cui si parla erano rappresentati da un piccolo scuro cubicolo equipaggiato con grandi giare di terra contenenti l'acqua e li vicino un'orribile toilet. Era un luogo frequentato piu' che altro da marinai ubriaconi e persone che bazzicavano intorno al porto. Nel 1870 il consiglio di amministrazione dell'Oriental decise l'apertura di una nuova ala sul fiume, il 1876 e' considerata la data ufficiale della costituzione dell'Oriental Hotel.Nel 1881, Hans Niels Andersen, un uomo d'affari danese di 29 anni acquisto' i locali. Tre anni dopo fondo' la East Asiatic Company, una societa' che continua ad operare ancora oggi, ponendo un elegante ufficio vicino all'albergo. La societa' ando' benissimo, si sviluppo' e Andersen arrivo' ad avere un'imponente flotta con navi che si trovavano nei principali porti del mondo.Egli fu commerciante e diplomatico con importanti connessioni internazionali. Si incontro' con Re Giorgio, il ministro degli esteri britannico, lo zar Nicola I, il kaiser e il cancelliere di Germania. Le sue vaste attività imprenditoriali e le sue conoscenze lo portarono a diventare un membro molto rispettato della comunità occidentale in Siam, tanto tanto che fu l'unico danese, se si esclude la famiglia reale a essere decorato con l'Ordine dell'Elefante Bianco dal re del Siam. Andersen individuo' la necessità di creare un albergo rispettabile con una buona sistemazione, un bar e un menù occidentale per soddisfare le esigenze dei viaggiatori e uomini d'affari in visita al Siam. Incoraggiato dal principe Prisdang Jumsai, Hans Niels Andersen formo' una partnership con Peter Andersen e Federico Kinch per costruire un hotel di lusso. L'albergo fu progettato da Cardu & Rossi, un team di architetti italiani che vivevano in Thailandia. L'hotel fu inaugurato il 19 maggio 1887 e fu il primo hotel di lusso in Siam. Aveva 40 camere e caratteristiche tali che all'epoca non si erano mai viste al di fuori di un palazzo reale: aveva un secondo un piano, fatto eccezionale in un periodo in cui tutti gli edifici erano a un solo piano, corridoi in moquette, stanze per fumatori e per le donne, una sala biliardo e un bar in grado di ospitare 50 clienti. Una loggia al primo piano permetteva di accedere a un giardino interno in cui si trovavano cinque gorgoglianti fontane. Le camere erano eleganti e decorate in fin-de-siecle con letti in mogano, carta da parati fatta arrivare da Parigi e inoltre erano completamente ammobilisate. Una scala a spirale ad ogni lato dell'edificio permettevano di accedere al tetto a terrazza che aveva una magnifica vista sul fiume. Per garantire il successo del ristorante e un livello soddisfacente di servizio i proprietari adescarono, con un lauto contratto lo chef e il maggiordomo che lavoravano all'ambasciata francese.Il primo grande evento ospitato dall'hotel si tenne il 24 maggio 1888, un grande banchetto per celebrare il Giubileo d'oro della Regina Vittoria. Nell'autunno dello stesso anno il principe Jumsai Prisdang diede uno splendido banchetto all'Oriental, a iniziare dal 2007 il Manger dell'Oriental ha ricreato quest'evento col primo Prince Prisdang Annual Dinner presieduto graziosamente dalla Sua Reale Altezza Maha Chakri Sirindhorn. L'executive chef Norbert Kosner replico' il menu' originale della lontana cena. Dopo aver personalmente ispezionare le strutture dell'hotel, nel dicembre 1890, re Chulalongkorn decise che l'hotel era all'altezza degli standard necessari per ospitare visite di ospiti reali. I primi ospiti reali dell'hotel furono le persone al seguito del principe ereditario Nicola di Russia, poi zar Nicola, nel mese di aprile 1891.Nel 1982 l'hotel cambio' ancora di mano questa volta ne divenne proprietario Louis Leonowens, il figlio della famosa Anna, dal cui libro "La governante inglese alla corte del Siam" sono tratti i film : "Il re ed io", famoso specialmente quello interpretato da Yul Brinner. Egli ritorno' in Siam nel 1882 ed fu nominato ufficiale di cavalleria dal discepolo di sua madre re Chulalongkorn. Il suo contabile era una persona sciatta e leggende dicono che Leonowens guido' il suo cavallo su per le scale dell'Oriental per licenziarlo sul posto.All'inizio del secolo scorso l'hotel era diventato una specie di club informale con spettacoli di marionette, thai boxing e incontri di cricket, nella sala da pranzo era arrivata la corrente elettrica ed era stato costruito un palcoscenico e la Banda della Marina Siamese ogni lunedi' sera suonava musica occidentale. Ci fu poi una successione di proprietari che fino a che duravano poco tempo. fino a che l'hotel non arrivo' nelle mani di Marie Maire che ne assunse la proprietà nel 1910. Marie si mise immediatamente al lavoro facendo rivivere l'albergo. Mise suo marito alla gestione del bar, installo' un buon cuoco francese in cucina, ridecoro' le stanze e rese tutti i concerti gratuiti. L'anno successivo l'albergo fu letteralmente preso d'assalto da personaggi reali per l'incoronazione di Re Rama V, Chulalongkorn. Tutte le quaranta camere furono prenotate dal principe William di Svezia, dal principe Waldemar di Danimarca, dal granduca Boris di Russia e dal loro seguito, compresi giornalisti. A questo avvenimento segui' la visita del famoso gioielliere Peter Carl Faberge', personaggio famoso dato che lavorava alla corte russa. Faberge' espose i suoi capolavori' e attiro' tutta la nobilta' del paese. Anche Rama V fece acquisti, fra cui un'immagine di Buddha che e' conservata a Wat Phra Keo, il Tempio del Buddha di Smeraldo. Maire gestiva ancora l'albergo quando Somerset Maugham arrivo' a Bangkok nel 1923 e anche quando vi torno' nel 1925. Su questo periodo Maugham scrisse: "The Gentleman in the Parlour. A Record of a Journey from Rangoon to Haiphong". Tuttavia Maugham non parlo' bene dell'hotel di Marie tanto che il suo libro si dice abbia influenzato Noel Coward a scegliere il Phya Thai Palace Hotel quando si reco' a Bangkok nel 1930. Marie vendette l'albergo ai giapponesi nel 1934. Durante la seconda guerra mondiale l'albergo fu affittato all'esercito giapponese che lo uso' come un club ufficiali, sotto la direzione del Hotel Imperial di Tokyo, ai locali non era piu' permesso entrare. Alla fine della guerra fu utilizzato per ospitare i prigionieri di guerra alleati liberati, che nella convinzione che fosse una proprietà giapponese saccheggiato l'edificio.Alla fine della II guerra mondiale sei persone formarono una societa', ponendo un capitale di 250 US$ ognuna, e comprarono l'albergo. La societa' era costituita da Germaine Krull (1897-1985), il principe Bhanu, il generale Chai Prateepasen, Pote Sarasin (un avvocato thailandese), John Webster e Jim Thompson, due americani che avevano servito in nell'Organizzazione per la Sicurezza Strategica (OSS) degli Stati Uniti e che, alla fine della guerra erano rimasti in Thailandia.Germaine Krull Krull assunse la posizione di direttrice, nonostante l'assenza di una precedente esperienza nel settore alberghiero, nel 1947. Uno di questi giorni meritera' sicuramente raccontare la sua storia, dato che sembra uscita da un romanzo, qui accontentiamoci di sapere che era nata in Polonia, che negli anni si era fatta conoscere come fotografa poi aveva prestato servizio nella zona del Pacifico come corrispondente di guerra per l'Agenzia France Press. L'hotel era veramente in rovina dopo il periodo bellico e la partnership inizio' subito il restauro della struttura lavoro che permise a Thompson di usare le sue abilità artistiche e architettoniche.L'hotel riapri' il 12 giugno 1947 e la Krull rivelo' subito di possedere tutte le doti di un'albergatrice e durante la sua gestione l'Oriental diventa il primo albergo in Thailandia. Thompson, piu' interessato alla seta, lasciò la partnership abbastanza presto anche perche' non era d'accordo su un piano per costruire una nuova ala, mantenne comunque la residenza presso l'albergo per qualche tempo. Per competere con i club e in modo particolare con un nuovo bar chiamato Chez Eva, la Krull apri' il Bamboo Bar, che divenne ben presto uno dei bar principali di Bangkok.Nel 1958 furono costruiti i dieci piani dell'Ala Giardino, qui fu installato il primo ascensore della citta' e qui trovo' subito sede il famoso ristorante Normandie. Nel 1967 ci furono timori che la Thailandia potesse cadere in mano ai comunisti e la Krull vendette la sua quota a Italthai che a quel tempo era gia' sulla buona strada per diventare uno dei gruppi mercantili piu' significativi del paese. Questa societa' oggi ha circa 60 aziende coinvolte in quasi tutti gli aspetti dell'economia thailandese.L'Italthai era stata fondata a metà degli anni Cinquanta da Giorgio Berlingieri, un italiano nato a Genova e il dottor Chaijudh Karnasuta, un tailandese. Berlingieri riteneva che l'Oriental aveva cominciato a riposare sugli allori e che era sceso rispetto ai suoi concorrenti e voleva fare in modo che l'Orientale tornasse ad essere il miglior albergo in Thailandia e uno dei migliori alberghi del mondo. Troppo coinvolto con i suoi diversi affari per trovare il tempo da dedicare al progetto, Berlingieri nel novembre 1967, nomino' il trentenne Kurt Wachtveitl (1937 -), a quel tempo direttore di Nipa Lodge, un hotel di Pattaya di proprieta' della Italthai, direttore generale dell'Oriental. Nel 1972 l'hotel acquisto' una proprietà adiacente, l'odierna River Wing, su cui furono erette 350 camere.
Mandarin International Hotels Limited e l'Oriental Hotel.
Mandarin Oriental Hotel Group ha iniziato la sua attivita' nel 1963 con l'apertura della sua proprietà di punta, l'Hotel in Hong Kong che ben presto si costrui' una reputazione per il servizio di lusso. Nel 1974, Mandarin International Hotels Limited è stata costituita come società di gestione alberghiera. L'intenzione del Gruppo era di espandersi in Asia e operare hotel che riflettessero gli standard del servizio che aveva reso famosa la loro proprietà a Hong Kong.Nel 1974 gli interessi dell'azienda si espandono ulteriormente con l'acquisizione di una partecipazione del 49% di The Oriental, Bangkok. The Oriental, costruito nel 1876, era già una proprietà leggendaria e riconosciuta come uno dei grandi alberghi del mondo. Attraverso la gestione di entrambi gli alberghi, il The Mandarin a Hong Kong e The Oriental a Bangkok, il gruppo era nell'insolita posizione di avere due "fiori all'occhiello", due hotel il cui nome rappresentava il massimo dell'ospitalità. Nel 1985, la Società razionalizza la sua struttura aziendale, prende il nome di Mandarin Oriental Hotel Group e cambia poi anche il nome di queste due proprietà famose.L'albergo ha aperto le sue celebri terme orientali nel 1993 e finito una ristrutturazione completa delle sue camere e suite nel 2003. Nel 2006, The Oriental, Bangkok ha celebrato il suo 130° anniversario. Nel settembre 2008, l'hotel formalmente ha cambiato nome da The Oriental, Bangkok a Mandarin Oriental, Bangkok.Mandarin Oriental Hotel Group.
Mandarin International Hotels Limited e l'Oriental Hotel.
Oggi Mandarin Oriental Hotel Group (MOHG), un membro del Jardine Matheson Group, è un gruppo che investe in hotel internazionali e si occupa di gestione di alberghi di lusso, resort e residenze in Asia, Europa e nelle Americhe. Il gruppo ha ricevuto riconoscimenti per il servizio e la gestione, così come per le stazioni termali e i ristoranti situati in molti dei suoi hotel e resort.Nel 1987, il Mandarin Oriental Hotel Group comincio' ad essere quotato alla Borsa di Hong Kong sotto il nome di "Mandarin Oriental International Limited". Mandarin Oriental International Limited, è incorporato nelle Bermuda, e quotata anche alla Borsa di Londra, di Singapore e delle Bermuda. La societa' principale opera da Hong Kong e gestisce le attività degli alberghi del Gruppo.Oggi Mandarin Oriental Hotel Group gestisce o ha in fase di sviluppo, 41 hotel per oltre 10.000 camere in 27 paesi, con 18 alberghi in Asia, 12 nelle Americhe e 12 in Europa e Nord Africa. Inoltre, il Gruppo gestisce o ha in fase di sviluppo, 13 Residences al Mandarin Oriental, collegati alle proprietà del Gruppo.Gli alberghi sono cosi' distribuiti: Asia: Hong Kong (3), Macau(2) e Sanya (Cina); Manila (Filippine); Tokyo (Giappone); Giacarta (Indonesia); Kuala Lumpur (Malesia); Singapore; Bangkok e Chiang Mai (Thailandia).Europa: Monaco (Germania); Londra (Gran Bretagna); Praga (Polonia); Barcellona (Spagna); Ginevra (Svizzera).America: Boston, Las Vegas, Miami, New York, San Francisco, Washington DC (USA); Riviera Maya (Messico); Bermuda.Fra queste le piu' recenti proprieta' proprietà del gruppo sono quelle di Barcellona e Las Vegas cha hanno aperto i battenti rispettivamente il 26 novembre 2009 e 4 Dicembre 2009.Hotel che la societa' sta attualmente sviluppando si trovano in:Asia: Guangzhou, Pechino, Shanghai, Taipei (Cina;) Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti); Maldive; Doha (Qatar). Europa: Parigi (Francia); Milano (Italia); Mosca (Russia); Marbella (Spagna).America: Costa Rica; Dellis Cay (Isole Turks e Caicos - Inghilterra); Grand Cayman (Inghilterra); St. Kitts (Saint Kitts e Nevis).Un futuro albergho progettato da Frank Gehry e' attualmente previsto per Bunker Hill, nel centro di Los Angeles.Le persone piu' importanti sono: Simon Keswick, presidente, Edouard Ettedgui, direttore generale del gruppo, Stuart Dickie, capo ufficio finanziario; Michael Hobson, Direttore Commerciale e Marketing; Terry Stinson, direttore sviluppo e presidente zona Americhe. Per chiamare il gruppo dall'Italia Tel. 00 800 2828 3838. Website: http://www.mandarinoriental.com/Facebook: http://www.facebook.com/MandarinOrientalTwitter: http://twitter.com/#!/MO_HOTELS Youtube: http://www.youtube.com/MOHotels. Flickr http://www.flickr.com/photos/mandarinoriental/collections/.

Il Mandarin Oriental Hotel oggi.

Mandarin International Hotels Limited e l'Oriental Hotel.

Mandarin Oriental Bangkok.

L'hotel dispone di 358 camere e 35 suite uniche. Ciascuna stanza e' squisitamente decorata con ricche sete thai, bellissimi legni massello, il tutto accentuato da decorazioni dorate. Tutte le suite del Mandarin Oriental, Bangkok sono decorate singolarmente. Non ci sono due suite uguali. Anche le composizioni floreali, oggetti decorativi e accappatoi thailandesi in seta sono unici per ogni suite. Durante il periodo di Natale, ogni suite ha il suo albero di Natale completo con ornamenti che corrispondono all'arredamento della suite. Gli ospiti sono qui curati da un attento sfaff di 1,000 persone, l'hotel per quanto riguarda il personale ha uno dei piu' alti rapporti stanza/dipendenti con 3 persone di personale per ogni camera. L'albergo ha al suo interno 8 ristoranti: Le Normandie, cucina francese; Lord Jim’s, pesce: Sala Rim Naam, cucina thai; The China House, moderna cucina cantonese; Riverside Terrace e The Verandah, cucina internazionale; Ciao, cucina italiana; L'Espace. Due sale bar: la Sala degli Autori in stile coloniale, che serve tè inglese tradizionale nel pomeriggio; The Bamboo Bar con bande che suonano musica jazz dal vivo. Le strutture dell'albergo comprendono: l'Oriental Spa, 2 piscine, un centro salute, campi da tennis e da squash, sentieri per jogging, sauna, sauna a vapore, scuola di cucina, sale e strutture per conferenze, accesso a Internet a alta velocita', centro di assistenza. Una speciale flotta di limousine BMW 7 con autisti sono a disposizione dei clienti.La scuola di cucina offre lezioni sulla piu' fine cucina thaialandese, con classi limitate a 15 studenti in modo da porre l'accento sull'insegnamento personalizzato e sull'informazione.L'Oriental Spa e' stata votata "La migliore Spa al mondo" da Travel & Leasure magazine e "Miglior Spa d'oltreoceano nel 2005" da Conde Nest Traveller, una rivista inglese. La spa si trova in una vecchia casa costruita con legno teak e ha solo 14 suite private per assicurare il massimo del lusso e dell'esclusivita'. I gentili terapisti della spa sono stati appositamente addestrati nell'antica arte dei rimedi naturali thai.

Mandarin International Hotels Limited e l'Oriental Hotel.

Mandarin Oriental Hotel.

L'unica struttura rimasta della struttura originale del XIX secolo sono i due piani dell'Ala degli Autori, qui si trovano suite che portano i nomi di scrittori famosi che li hanno soggiornato. L'Ala Fiume (River Wing) contiene suite deluxe con due camere da letto che prendono il nome di ex-ospiti e personaggi associati all'albergo tra cui Barbara Cartland, Gore Vidal, Graham Greene, Wilbur Smith, John le Carré, Jim Thompson, Norman Mailer, lo scrittore e primo ministro thailandese Kukrit Pramoj. Altre suite prendono il nome delle navi associate con i commerci del primo periodo di Bangkok come la Otago, una volta capitanato da Joseph Conrad, HMS Melita, Vesatri e Natuna. Il Mandarin Oriental Bangkok e' l'hotel preferito da celebrita' di livello mondiale in visita a Bangkok, cosi' era nel passato cosi' e' nel presente. Per quanto riguarda il passato l'albergo nell'Ala degli Autori ha ospitato Joseph Conrad, Somerset Maugham, Noel Coward Graham Greene, John le Carré, Barbara Cartland, e James A. Michener. Per quanto riguarda il presente hanno soggiornato nell'albergo personalita' altrettanto famose del mondo contemporaneo come: la regina Sofia di Spagna, principessa del Galles e il principe Carlo, Audrey Hepburn, David Beckham, Elizabeth Taylor, George HW Bush, Helmut Kohl,, Henry Kissinger, Jacques Chirac, Lady Diana, Lauren Bacall, Mel Gibson, Mick Jagger, Michael de la Force, Michael Jackson, Neil Armstrong, Niki Lauda, Omar Sharif, Pelé, Richard Nixon, Sean Connery, Sophia Loren, Yehudi Menuhin, Václav Havel. Fra i tanti premi che l'hotel ha ricevuto e' stato eletto per 10 anni consecitivi (dal 1981 al 1990) "Miglior Albergo al Mondo" da Institutional Investor.fra i premi piu' recenti:No. 3 in Top 20 International City Hotels da Andrew Harper’s Hideaway Report, Settembre 2008.No. 13 in Spas in Overseas Hotel da Condé Nast Traveller, Ottobre 2008No. 8 in Overseas Leisure Hotels - Asia & the Indian Subcontinent da Condé Nast Traveller, Ottobre 2008.
Mandarin International Hotels Limited e l'Oriental Hotel.
One of the 400 Best Hotels da Forbes Traveler, Novembre 2008.Urban Spa of the Year da AsiaSpa Magazine, Novembre 2008.Best City Center Hotel Spa Worldwide da Luxury Travel Advisor, Dicembre 2008.“Best City Hotel in Asia” and one of the “Top 20 Hotels Worldwide” da Travel e Leisure's annual World Best Awards 2009.Indirizzo: 48 Oriental Avenue, Bangkok 10500. 
Tel. +6626599000. 
Fax +6626590000.
Email: [email protected].
Website: http://www.mandarinoriental.com/bangkok/. Facebook: http://www.facebook.com/MandarinOrientalBangkok. Twitter: http://twitter.com/#!/MO_BANGKOKFlickr: http://www.flickr.com/photos/mandarinoriental/collections/.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • True Corporation Public Company Limited.

    True Corporation Public Company Limited.

    Logo di True. True Corporation e' stata incorporata nel 1990 con un'operazione di accumolo di trasferimenti come provider di servizi telefonici a linea fissa... Leggere il seguito

    Da  Fabiofabbri
    ASIA, DIARIO PERSONALE, ITALIANI NEL MONDO
  • Hotel Africa

    Hotel Africa

    L’artista austriaco Uwe Jäntsch, che vive a Palermo ormai da diversi anni, da altrettanto tempo dedica la sua attenzione a luoghi dimenticati della Sicilia.... Leggere il seguito

    Da  Lucamangogna
    CULTURA, VIAGGI
  • Hotel Ecosostenibili

    Hotel Ecosostenibili

    : la lista di ALTROCONSUMO.Quando si sceglie un hotel in cui soggiornare ognuno ha i suoi criteri di valutazione: il costo, dove si trova, i servizi offerti,... Leggere il seguito

    Da  Viaggilowcost
    VIAGGI
  • Secret hotels: risparmiate fino al 50% prenotando un hotel "segreto" a londra!...

    Secret hotels: risparmiate fino prenotando hotel "segreto" londra! ecco come fare:

    Ecco in sintesi le caratteristiche di questa nuova iniziativa promossa sul sito visitlondon.com per risparmiare il 50 sul vostro soggiorno a Londra in un... Leggere il seguito

    Da  Benny82
    EUROPA, VIAGGI
  • Hotel Patria

    Hotel Patria

    Mario Calabresi in questo periodo è ovunque. In TV con Hotel Patria, in libreria con “Cosa tiene accese le stelle. Storie di italiani che non hanno mai smesso d... Leggere il seguito

    Da  Aronne
    CONSIGLI UTILI, VIAGGI
  • Hotel Basico

    Hotel Basico

    Se less is more fosse il principale comandamento di una religione, l’Hotel Basico ne sarebbe la Chiesa – inteso come edificio – più importante. Leggere il seguito

    Da  Redazione
    VIAGGI
  • Hotel Hermitage

    Hotel Hermitage

    L’atmosfera della riviera francese degli anni ’50 rivisitata da un hipster per gli hipster. Senza offesa però. Re-inventato dalla mano di Andrè Saraiva che per... Leggere il seguito

    Da  Redazione
    VIAGGI