Magazine Lifestyle

Marc Jacobs non andrà da Dior / Marc Jacobs is not going to Dior

Creato il 29 novembre 2011 da Sandfashionblog

Per ora nessuna nomina. Così, a quanto pare, Bill Gaytten rimarrà alla guida di Dior ancora per un po’.

There are no takers so far. So it looks like Bill Gaytten may stay at the helm of Dior for a while longer.

Una fonte vicina alla vicenda ha dichiarato che Marc Jacobs ha “rifiutato” definitivamente di assumere il timone creativo di Christian Dior a “metà novembre”. LVMH gli aveva proposto la posizione a luglio dopo la disastrosa sfilata couture di Bill Gaytten ma, qu

Marc Jacobs non andrà da Dior / Marc Jacobs is not going to Dior
ando sembrava che l’accordo fosse ormai soltanto una questione di tempo, le negoziazioni tra il ceo di LVMH Bernard Arnault, il presidente di Dior Sidney Toledano e Marc Jacobs si sono interrotte per motivi economici e per la richiesta del designer americano di portare con sé i collaboratori che attualmente lo affiancano da Louis Vuitton, una mossa che danneggerebbe il brand, in modo da “trasferire l’estetica da una maison all’altra”. In questo modo, si spiegherebbe la svolta decisamente più giovane della collezione primavera-estate 2012 di Louis Vuitton. Tra l’altro, neanche Phoebe Philo, attualmente alla guida stilistica di Céline e la più quotata per la successione di Jacobs, sembra particolarmente interessata a questo passaggio.
Non c’è, quindi, alcuna certezza, su chi potrebbe sostituire John Galliano come direttore creativo della fashion house francese. Ultimamente, dopo Alexander Wang e Jason Wu, il nome che circola è quello di Tom Ford ma una possibile nomina è ancora molto lontana. Del resto, non è facile ridare nuova vita ad una griffe che continua a vivere all’ombra dell’immagine che le è stata conferita da Galliano.
“Gli stilisti – ha commentato la fonte – probabilmente hanno rifiutato il lavoro perché LVMH non ha mostrato alcuna gratitudine nei confronti di John Galliano che è riuscito a rimodernizzare la maison e a donarle l’immagine che ha tuttora oggi nonostante lo scandalo. Tutti continuano a pensare a Dior attraverso la visione eccessiva, romantica, glamour e innovativa di Galliano. Vedere come sia stato dimenticato dai dirigenti della casa di moda in modo così ingrato non attirerebbe nessuno che abbia un po’ di autostima”.
E, se magari bisognerà aspettare più di un anno prima che LVMH nomini il successore di Galliano, Bill Gaytten continuerà a rimanere alla guida di Dior ancora per un po’. Almeno, così pare.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :