Magazine

Marco Antonio

Creato il 28 agosto 2010 da Lucalun
File:Marcus Antonius.jpg
Antonio nacque a Roma il 14 gennaio dell'83 a.C.; suo padre, Marco Antonio Cretico, era figlio del grande oratore Marco Antonio Oratore, ucciso dai sostenitori di Gaio Mario nell'86 a.C.; per parte di madre, Giulia Antonia, era nipote di secondo grado di Gaio Giulio Cesare. Suo padre morì in giovane età nel 71 a.C., lasciando lui ed i suoi fratelli, Lucio e Gaio e la sorella Antonia, alle cure della madre, che sposò Publio Cornelio Lentulo Sura, un politico coinvolto nella congiura di Lucio Sergio Catilina e giustiziato nel 63 a.C.Secondo Plutarco, la giovinezza di Antonio fu caratterizzata da uno stile di vita dissoluto, tanto che prima di compiere 20 anni sembra che avesse già contratto debiti per una somma di circa 250 talenti (1 talento equivale a 26,2 kg di argento).Dopo questo periodo Antonio andò in Grecia per studiare retorica. Poco dopo si arruolò nella cavalleria dell'esercito del proconsole Aulo Gabinio diretto in Siria. Nel ruolo di comandante della cavalleria si distinse per coraggio e sprezzo del pericolo. Fu durante questa campagna che visitò per la prima volta Alessandria d'Egitto.  


Carriera politica (54-44 a.C.)




Diventato accanito sostenitore di Cesare, grazie all'aiuto di questi nel 50 a.C. fu eletto tribuno della plebe e augure. Durante questo anno Antonio sostenne Cesare nel conflitto con il senato e Pompeo, che avrebbero voluto che il generale romano si dimettesse dal proconsolato e lasciasse il comando dell'esercito prima di richiedere l'assegnazione del consolato.Nel 54 a.C. Antonio si unì allo stato maggiore dell'esercito di Giulio Cesare in Gallia, dove fu questore nel 52 a.C.Il 19 novembre Antonio fu espulso dalla Curia, lasciò Roma e raggiunse Cesare sul Rubicone. Durante la guerra civile, mentre Cesare marciava su Roma, Antonio, assunto il comando di un reparto, occupò Arezzo e poi Ancona.Nel 49 a.C. Antonio ebbe l'imperio propretorio per l'Italia. In seguito prese parte alla battaglia di Farsalo e, quando Cesare venne nominatodittatore, fu fatto magister equitum, carica che prevedeva la direzione della politica militare ed interna della penisola.La condotta di Antonio come amministratore portò ad un raffreddamento dei rapporti con Cesare, che lo rimosse dalle responsabilità politiche. Egli infatti fu responsabile di una strage di cittadini romani, quando il senato varò il Senatum Consultum Ultimum e gli diede ordine di fermare le squadracce di Dolabella che era intenzionato a promulgare una legge di annullamento dei debiti a costo di spargere il terrore per tutta Roma. Antonio fece uccidere le prime cinquanta persone che trovò nel foro, senza neanche verificarne l'identità. Secondo una fonte non obiettiva (Le Filippiche ciceroniane), tentò addirittura di uccidere Cesare, perché in teoria sarebbe dovuto diventare suo erede.Nonostante ciò Antonio nel 44 a.C. fu eletto console, carica che ricoprì avendo come collega Cesare. Nel febbraio dello stesso anno, durante la festa dei Lupercali, il console offrì pubblicamente a Cesare un diadema, che questi rifiutò. Questo gesto fu calcolato per debellare le voci secondo cui Cesare avrebbe voluto instaurarsi come un nuovo re di Roma, cosa che avrebbe danneggiato irreparabilmente la sua reputazione, in quanto ancora alla sua epoca la parola "rex" era pregna di connotazioni negative (eccezion fatta per il rex sacrorum). Il diadema era un simbolo di potere regio sin dai tempi delle antiche monarchie ellenistiche, ed il rifiuto di Cesare di indossarlo costituiva un rifiuto simbolico del ruolo di re. Il 15 marzo 44 Giulio Cesare fu assassinato da un gruppo di senatori, capeggiato da Gaio Cassio Longino e Marco Giunio Bruto.Per guadagnare tempo, Antonio scese a compromessi con i cesaricidi: con un abile mossa permise che il senato concedesse l'amnistia ai congiurati e cercò il dialogo proprio con la massima assemblea romana. In cambio, il Senato votò la concessione dei funerali di stato per Cesare. Durante le celebrazioni accadde però che la vista del corpo del dittatore e del sangue sulla sua toga, la lettura del suo testamento generoso verso i romani ed il discorso ad effetto di Antonio, accendessero d'ira l'animo del popolo contro gli assassini.
Nel 42 a.C., in seguito alla vittoria nella battaglia di Filippi ed il suicidio di Bruto e Cassio, i triumviri procedettero alla spartizione delle rispettive sfere d'influenza. Lepido ottenne il controllo dell'Africa, Ottaviano, al quale erano toccate le province occidentali, rimase in Italia per garantire l'assegnazione di terre ai veterani ed Antonio ebbe le province orientali. Questi, partito per sedare una rivolta in Giudea, durante il viaggio incontrò la regina Cleopatra a Tarso nel 41 a.C. e la seguì ad Alessandria, dove rimase con Cleopatra, della quale era divenuto l'amante, fino all'anno successivo.Nel frattempo Ottaviano aveva divorziato da Clodia ed aveva dovuto fronteggiare una rivolta interna, capeggiata dalla moglie di Antonio, Fulvia. Nel 40 a.C. Ottaviano ed Antonio negoziarono un trattato di pace a Brindisi, suggellato dal matrimonio tra Antonio e Ottavia Minore, sorella di Ottaviano.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Antonio Palladino

    Antonio Palladino

    Avevo già visto le creazioni di Antonio Palladino sul blog Sea of Shoes, e Atlantis Home (la mamma di Jane di Sea of Shoes). Poi le ho viste dal vivo, in una... Leggere il seguito

    Da  Rockandfiocc
    CREAZIONI, LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Marco Travaglio a Londra

    Marco Travaglio Londra

    Ommioddio!! Uno dei miei idoli sará in visita nella mia cittá, non so se piangere o svenire. Marco Travaglio sará a Londra il 5 maggio, piú... Leggere il seguito

    Da  Obyinlondon
    ITALIANI NEL MONDO
  • L’indovinello di Marco Polo

    L’indovinello Marco Polo

    Mettete alla prova le vostre abilità logiche con questo rompicapo: gli strani abitanti della Cina, i Mao e i Tung, stanno dando un brutto grattacapo al giovane... Leggere il seguito

    Da  Ciraolo
    CURIOSITÀ
  • Divise forate, Antonio Santoro

    'Non provo odio per Battisti', conclude Alessandro Santoro [figlio della guardia penitenziaria].'Ma nno credo che riuscirò mai perdonarlo. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Intervista a Marco Salvador

    Intervista Marco Salvador

    Di Morgan Palmas Marco Salvador e la scrittura Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Marco Travaglio

    Marco Travaglio

    Ieri al Teatro “Al Massimo” Marco Travaglio ha presentato il suo libro Ad personam…subito dopo sarebbe partito per Marsala in occasione del 2° Festival di... Leggere il seguito

    Da  Roripalazzo
    FOTOGRAFIA, ITALIA, LIFESTYLE, VIAGGI
  • Intervista a Marco Missiroli

    Intervista Marco Missiroli

    Di Morgan Palmas Marco Missiroli e il metodo Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI