Magazine Società

Mario Monti contro l’apartheid

Creato il 18 novembre 2011 da Leone_antonino @AntoniLeone
Mario Monti contro l’apartheidIntervista a Pietro Ichino di Ettore Maria Colombo, pubblicata su il Riformista il 18 novembre 2011Palazzo Madama, interno giorno. Il Senato della Repubblica sta discutendo e votando la prima fiducia al governo Monti, che ha appena tenuto il suo primo discorso in Parlamento proprio qui, in Senato. In una saletta che si trova tra l’aula e il (piccolo) Transatlantico del Palazzo, il senatore del Pd Pietro Ichino siede assieme con il neoministro al Welfare e al Lavoro, Elsa Fornero, per una lunga e approfondita chiacchierata. La conversazione, è evidente, tocca tutti i punti di scottante attualità oggi sul tappeto e, alla fine, una torma di giornalisti si avvicina al senatore, e professore, Ichino per strappargli brandelli di notizie. Dopo il ministro, tocca al Riformista. Il Professore è guardingo, scandisce le parole, alla fine vorrà rileggere tutta l’intervista, ma – dice chi lo conosce bene – “fa sempre così, eppoi è un timido”. In ogni caso, Ichino non è diventato ministro, ma una cosa è certa: il suo ruolo e le sue idee peseranno sempre di più. Dentro il governo e, già che ci siamo, pure nel Pd. Dove non tutti la pensano come lui, anzi: dove le sue proposte scatenano polemiche. Infatti, è solo sull’ultima domanda che Ichino pensa a lungo, prima di rispondere. Senatore, cosa ne pensa del discorso programmatico di Monti?É stato un esempio straordinario di buona politica. Un discorso sobrio, ma vibrante di passione civile. Ha tracciato un quadro organico ed equilibrato di misure efficaci e incisive, destinate a gravare progressivamente su chi più ne è capace. Inoltre, Monti ha individuato molto lucidamente i difetti del nostro Paese che è più urgente correggere.
Ha promesso equità e rigore. Arriveranno in pari misura? Non ho motivo di dubitarne. Le migliori premesse perché ciò accada ci sono tutte: sia la qualità delle persone che compongono questo governo sia, e in particolare, la qualità di chi lo guida. Conosco Mario Monti da molto tempo e so bene che il suo primo scrupolo sarà di fare esattamente quello che promette.
Senatore, lei ha lungamente parlato con il neo-ministro Fornero. Come la giudica? È una grande conoscitrice del sistema del welfare e ha le idee chiarissime su quello che occorre fare. Attuerà le politiche che Monti ha enunciato nel suo discorso al Senato. Conosco bene anche lei: è una riformista di razza.
Una parte del Pd e la Cgil temono ‘imboscate’… Ma quali imboscate? Più alla luce del sole di così non si potrebbe operare. Il Primo ministro ha detto chiaro e tondo che non verrà toccato l’articolo 18 per chi oggi ha un rapporto di lavoro stabile e regolare. Verrà invece ridisegnato un diritto del lavoro capace di voltar pagina rispetto al regime attuale, che è di apartheid tra lavoratori protetti e non protetti. Ma questo nuovo diritto si applicherà soltanto ai rapporti di lavoro che si costituiranno da qui in avanti. Quindi, nell’immediato, nessun licenziamento, tantomeno ‘ondate’ di licenziamenti come dice chi ne parla senza conoscere il progetto, ma soltanto assunzioni a tempo indeterminato più facili. In futuro, dove si applicherà il nuovo regime, a chi perderà il posto di lavoro verrà offerta una protezione, sul mercato del lavoro, ai livelli dei Paesi più avanzati d’Europa.
Vincerebbe il ‘modello Ichino’, dunque? Modello Ichino lo chiama lei. Io preferisco chiamarla flexsecurity alla danese.
E per quanto riguarda le pensioni? Saranno toccate? E come? Andremo progressivamente alla piena applicazione del modello contributivo ‘pro-rata temporis’ anche per i pensionati ‘di serie A’ della riforma Dini del 1995, e cioè per coloro che hanno cominciato a lavorare prima del 1978. Lo si applicherà, finalmente, anche ai vitalizi dei parlamentari.
Ultima domanda, ma importante. In un’intervista rilasciata proprio al Riformista, Matteo Orfini, esponente della segreteria del Pd, ha definito ‘una provocazione’ la possibilità che lei potesse fare il ministro e ‘largamente minoritarie’ le sue idee, all’interno del Pd. Come risponde? A Orfini ricordo che il mio progetto di riforma del mercato del lavoro è stato presentato, qui in Senato, con la firma della maggior parte dei senatori del Pd, e in perfetta coerenza con il manifesto di Politica del Lavoro con cui il Pd nel 2008 ha preso il 33,3% dei voti alle elezioni politiche. Nel Pd non sono affatto isolato: la pensano come me non soltanto le due grandi minoranze che fanno capo a Walter Veltroni e a Ignazio Marino, ma anche diversi esponenti della maggioranza. A mia volta, però, chiedo a Orfini di studiarsi meglio il mio progetto di legge prima di rilasciare, su di esso, affermazioni avventate. Poi vorrei fare io una domanda a lui.
La faccia. Ora che i senatori democratici hanno votato la fiducia al Governo Monti su di un programma che contiene idee molto vicine al mio progetto, che cosa intende fare? Li bollerà tutti come social-traditori?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Mario Monti: manifesto e anagramma

    Mario Monti: manifesto anagramma

    Condivido e faccio girare, come da suggerimento della fonte di questo manifesto montiano (Nomfup), insieme all'anagramma bartezzaghiano: insomma l'anagramma di... Leggere il seguito

    Da  Paopasc
    SOCIETÀ
  • Chi è Mario Monti

    Classe 1943, qualcuno ci ricorda che fa parte di quei milanesi con il loden verde che si prendono la rivincita sul modello “cumenda” dei Berlusconi e dei... Leggere il seguito

    Da  Cristiana
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Mario Monti al Quirinale con Napolitano

    Mario Monti Quirinale Napolitano

    Giornata movimentata oggi per Napolitano, ora confronto con Monti. Probabilmente domani la lista con i nuovi ministri. Berlusconi orgoglioso del lavoro fatto. Leggere il seguito

    Da  Mondoinformazione
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • Chi è Mario Monti? Breve scheda di ‘Rivolta il Debito’

    Mario Monti? Breve scheda ‘Rivolta Debito’

    Volantino distribuito venerdi 11.11.11 durante ‘Occupy Brescia’: MARIO MONTI: UNO DEI PRINCIPALI RESPONSABILI DELLA CRISI Chi è : Dal 1981, Monti riveste divers... Leggere il seguito

    Da  Marco4pres
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Mario Monti e i sacrifici

    Nessuno sa esattamente come verrà composto il governo che creerà Mario Monti, alcuni parlano di un governo di tipo tecnico, altri di un governo maggiormente... Leggere il seguito

    Da  Alessandrobaldini
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Citando… Mario Monti

    Citando… Mario Monti

    “È un caso in cui l’Europa non è solo uno spazio economico ma è l’Europe puissance cara ai suoi padri. Dimostrando di saper agire anche nei confronti delle... Leggere il seguito

    Da  Fabiosiena
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Mario Monti e il consenso popolare

    Per far risollevare un paese nella maniera più adeguata, bisogna per prima cosa, poter conquistare un largo consenso popolare, gli italiani sono stanchi,... Leggere il seguito

    Da  Alessandrobaldini
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ