Magazine Cinema

Michael Haneke: Amour

Creato il 03 dicembre 2012 da I Cineuforici @ICineuforici
Michael Haneke: AmourMICHAEL HANEKE Amour (Austria/Francia 2012, 127 min., col., drammatico)
Questa recensione vorrebbe essere in realtà qualcosa di simile a ciò che qui è stato già fatto con Bella Addormentata: un mix tra articolo-riflessione unito ad uno sguardo più approfondito sul film, specialmente sui pro e contro con un certo riferimento ai Cahiers Du Cinema che qui sui Cineuforici seguiamo abbastanza volentieri. A proposito dei Cahiers: come si è detto poco fa Amour è stato massacrato dalle velenose penne francesi che avrebbero preferito vedere impalmato Carax. Noi (plurale maiestatis, ma conoscendo l'esimio Collega suppongo sia d'accordo con il sottoscritto) la pensiamo uguale, ma sorge una domanda: sarebbe stato massacrato con uguale irruenza anche se non avesse vinto la Palma? Io penso di no. Perchè quello di Haneke è davvero un bel film; perchè massacrare un bel film è una cosa da imbecilli; perchè di solito tra chi dice meraviglioso e chi dice orribile di qualcosa, la verità sta nel mezzo. Quindi, a voi il giudizio...:
PERCHE' SI
Haneke si trasferisce in Francia portando con sè il suo carico di genialità sadica per adattarla ad una storia terribile e commovente (tanto terribile quanto commovente perchè potrebbe toccare ad ognuno di noi). Mostra il ritrovamento di un cadavere e poi risale al principio, passando per lo sguardo frontale di un pubblico ad uno spettacolo, che per inciso siamo noi. I due protagonisti, Georges ed Anne, rientrando a casa e scoprono che la porta è stata violata: qualcosa è entrato, non ha rubato niente, ma sappiamo che da qui in poi cambierà tutto. Il resto lo sappiamo. Il calvario di Anne, colpita da un ictus, che perde progressivamente contatto con le sue facoltà vitali, il declino fisico, l'umiliazione, il gesto disperato finale di Geoges; in tutto questo Haneke non dimostra il minimo cenno di tenerezza (su questo tema sono già stati girati altri lavori, ma tutti affrontati con la stessa forma di compassione) regalandoci una fredda ricostruzione cronologica per mezzo del suo marchio di fabbrica: dolorosi piani sequenza a inquadratura fissa. Questa volta attinge anche all'onirico con sequenze di pura angoscia. Per chi non ha visto il film: prepararsi a rimanere ingabbiati, da questa casa non si esce se non cambiati. Secondo me il film raggiunge il picco negli ultimi 10-15 minuti, quelli successivi all'"ultimo atto" (sto facendo di tutto per evitare spoiler!) di puro silenzio e vuoto. Non spreco parole per i due attori e per la loro interpretazione, non ne sono degno. Amour ha il pregio di mostrare la morte (quella che più temiamo: la vecchiaia, la malattia...) al pubblico occidentale che di morte non ne vuole nemmeno sentire parlare.
PERCHE' NO

La Palma d'Oro per un film come Amour è quasi inspiegabile se non fosse che dietro alla macchina da presa ci sia Haneke, e a lui perdoniamo tutto. Amour è un dramma da camera abbastanza convenzionale, ed è vecchio (scusate l'indelicatezza verso il tema del film...) in partenza. Qui parliamo di 127 minuti, dico 127 minuti di agonia pura, in cui succede poco o nulla che non ci aspettiamo già. Va bene poi che tutta la pellicola si regge sugli sguardi e sui gesti, ma a parer mio il film non è scritto benissimo, (i dialoghi non sono certo indimenticabili, basti pensare a: "Non posso credere che oggi non ci siano possibilità di trattare questi casi in modo più efficace!"). Alcuni personaggi, che sono conoscenti o parenti della coppia, sono inseriti nel film in modo abbastanza meccanico e alcuni di loro sembrano essere riempitivi (ma è una opinione di pancia, probabilmente andrebbero studiati meglio). E poi Isabelle Huppert (che pronuncia la frase di prima), che è una grande attrice, ma che cavolo è come il prezzemolo, la vediamo praticamente in ogni film "d'autore" che ci capita sotto mano...
Stefano Uboldi


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Amour (?)

    Amour

    Quali sono le responsabilità di un regista?Come vanno interpretate le sue scelte stilistiche, il soggetto che tratta, il modo in cui decide di girare le scene? Leggere il seguito

    Da  Zaziefromparis
    CINEMA, CULTURA
  • Amour

    Amour

    si genera direttamente dall’ultima inquadratura de Il nastro bianco: la platea costituita dagli abitanti di un villaggio tedesco per la Palma del ’09, la... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • Amour

    Amour

    (id.)di Michael Haneke (Austria/Francia/Germania, 2012)con Jean-Louis Trintignant, Emmanuelle Riva, Isabelle HuppertVOTO: ***/5"La cosa più brutta della... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CINEMA, CULTURA
  • Haneke mon Amour

    Haneke Amour

    Condividi "Ammazza, mon amour, sei proprio uguale a lei..." Amour (Austria, Francia, Germania 2012) Regia: Michael Haneke Sceneggiatura: Michael Haneke Cast:... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CINEMA, CULTURA
  • Amour ( 2012 )

    Amour 2012

    Georges e Anne sono due insegnanti di musica oramai in pensione che hanno passato le ottanta primavere e le cui uniche aspettative sono una vecchiaia serena e... Leggere il seguito

    Da  Bradipo
    CINEMA, CULTURA
  • “Amour”: il colpo basso di Michael Haneke

    “Amour”: colpo basso Michael Haneke

    Amour è un film che ti sfonda sin dalla sequenza iniziale, con quella esile porta fracassata da un ariete della polizia che ci conduce senza preavviso in un... Leggere il seguito

    Da  Onesto_e_spietato
    CINEMA, CULTURA
  • La National Society of Film Critics premia "Amour" di Michael Haneke; "The...

    National Society Film Critics premia "Amour" Michael Haneke; "The Master" ottiene riconoscimenti l'attrice protagonista fotografia

    Sabato scorso la National Society of Film Critics, organizzazione cui fanno parte 60 tra i critici più noti degli Stati Uniti, ha annunciato i suoi... Leggere il seguito

    Da  Luca Ottocento
    CINEMA, CULTURA

Magazines