Magazine Cinema

Mike Cahill

Creato il 14 settembre 2011 da Alejo90
Another Earth (2011) - 2,5/5
Cahill (1979), americano, è laureato in economia. Dopo aver lavorato per il National Geographic, ha collaborato alla realizzazione di svariati documentari. Another Earth è il suo lungometraggio d'esordio, ed è il suo primo film di finzione.
-Another Earth
USA 2011 - sentimentale/fantascienza - 92min.

Rhoda (Brit Marling) è una studentessa entusiasta: ha appena ricevuto la notizia di essere stata ammessa al programma di astrofisica del MIT. La sua esistenza viene sconvolta, come quella di tutte le persone, dalla notizia dell'avvistamento di un nuovo pianeta del tutto simile alla Terra, che si avvicina sempre più. Mentre è in macchina, persa nella contemplazione del misterioso pianeta già visibile ad occhio nudo, causa un incidente che stermina la famiglia del conducente di un'altra vettura, John Burroughs (William Maphoter), brillante compositore che a seguito del fatto si ritira a vita privata. Rhoda sconta la sua pena in carcere in preda al rimorso e decisa, una volta uscita, di riparare in qualche modo al suo gesto.
Another Earth dimostra la sua volontà di essere originale commistionando due generi lontani fra loro, la fantascienza ed il dramma esistenzial-sentimentale. L'idea è interessante, ed il regista Mike Cahill (anchemontatore e sceneggiatore) si impegna nel costruire una vicenda realistica (anche se a tratti un po' scontata) che si poggia su un avvenimento fantastico: la comparsa di un pianeta speculare al nostro, morfologicamente e forse demograficamente. L'altra Terra rappresenta la possibilità di un nuovo inizio, la classica seconda chance che tutti vorrebbero avere per riparare agli errori compiuti.
Tuttavia questa seconda chance richiede un allontanamento, una partenza verso un altro luogo solo potenzialmente uguale al nostro, che richiede una certa dose di coraggio nel lasciarsi alle spalle la vita che si è vissuta fino a quel momento per avventurarsi lungo un sentiero ignoto dall'ignota destinazione. La fuga da questo mondo per rifugiarsi in un altro lasciandosi alle spalle tutto e tutti sembra l'unica possibilità prospettata dal regista per far fronte agli sbagli ed errori commessi: tale soluzione, abbastanza egoistica se vogliamo, suona molto come una fuga dalle proprie responsabilità.
Ecco allora che Rhoda troverà il modo di tradurre una potenziale fuga dalle proprie colpe in un'occasione di espiazione che si tramuti in un riscatto per colui che ha danneggiato, in un finale che è sì prevedibile, ma non ha quel sapore zuccheroso stile "e vissero tutti felici e contenti" da Hollywood ending. Tralasciando il lato fantascientifico, che non è altro che un pretesto per iniziare e far procedere la narrazione (e infatti il film, con qualche lieve aggiustamento, avrebbe potuto funzionare benissimo anche senza questo elemento fantastico), la pellicola altro non è che un film sentimentaleconnotato da un inizio altamente drammatico, e pertanto si regge principalmente sulle interpretazioni dei due protagonisti, entrambi oppressi da due macigni psicologici: la colpa nel caso di lei, la perdita nel caso di lui. Due esistenze mutilate che, in modo poco verosimile (ma d'altronde è la magia del cinema) arrivano a completarsi a vicenda, tornando a vivere.
Tecnicamente il film è nella media, senza presentare vezzi di rilevo: la fotografia si concentra spesso su mezze figure e primi piani dei due protagonisti; il montaggio è ben fatto, anche se avrebbe potuto essere più veloce in alcuni passaggi; girato spesso in notturna o comunque con poca luce, presenta generalmente colorazioni fredde e spente, ovviamente metaforiche degli stati d'animo dei personaggi. Scenografia e colonna sonorasono funzionali, senza elementi di spicco, mentre la presenza di un altro pianeta sempre più vicino nella volta celeste è un esempio di effetti specialinon invasivi ben implementati. Nel complesso Another Earth è un film interessante nella volontà di combinare due generi che hanno poco da spartire l'uno con l'altro, che risalta per la recitazione dei due attori principali mentre lascia sostanzialmente indifferenti dal lato tecnico. Inoltre il concept stesso lascia qualche dubbio: il sospetto è che l'unica trovata originale del film sia appunto l'altra Terra, in mancanza della quale ci saremmo trovati di fronte ad un film in tutto e per tutto convenzionale.
Voto: 2,5/5

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Biloxi Blues - Mike Nichols

    Biloxi Blues Mike Nichols

    Da una pièce teatrale e semi-autobiografica di Neil Simon, Mike Nichols (regista di film come Chi ha paura di Virginia Woolf? e Closer) ha tratto questo... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Mike Nichols

    Mike Nichols

    Chi ha paura di Virginia Woolf? (Who's Afraid of Virginia Woolf?) (1966) Il laureato (The Graduate) (1967) Teach Me! (1968) - Cortometraggio Comma 22... Leggere il seguito

    Da  Alejo90
    CINEMA, CULTURA
  • Setup - Mike Gunther

    Setup Mike Gunther

    Eh! Da dove comincio? Setup fa schifo! Lo so che è un modo brutale ma, per me, è totalmente insalvabile. Parlo da fan del genere, se mai siete capitati da quest... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Mike Newell

    Mike Newell

    Alla 39ª eclisse (The Awakening) (1979) Ballando con uno sconosciuto (Dance with a Stranger) (1985) The Good Father - Amore e rabbia (The Good Father) (1985)... Leggere il seguito

    Da  Alejo90
    CINEMA, CULTURA
  • Superheroes - Mike Barnett

    Superheroes Mike Barnett

    Vi avevo già accennato di Phoenix Jones, un tipo che si traveste da supereroe e pattuglia le strade di Seattle, in coda al post di di Kick-Ass. A quanto pare... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • The Yes Men Fix the World - Andy Bichlbaum, Mike Bonanno, Kurt Engfehr

    World Andy Bichlbaum, Mike Bonanno, Kurt Engfehr

    Gli Yes Men sono i due integerrimi attivisti, sbeffeggiatori e burloni, Andy Bichlbaum e Mike Bonanno. I due hanno escogitato un'interessante modo per portare... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • "Beginners" di Mike Mills

    "Beginners" Mike Mills

    Di Beginners avevo già scritto qualche riga lo scorso giugno, proponendovi il bellissimo trailer originale, di per sé già un gioiellino. Leggere il seguito

    Da  Luca Ottocento
    CINEMA, CULTURA

Magazines