Magazine Architettura e Design

Moda da Oscar!

Creato il 24 febbraio 2015 da Harimag

- Miglior film: «Birdman» di Alejandro González Iñárritu  

- Miglior attrice protagonista: Julianne Moore per «Still Alice» 

- Miglior attore protagonista: Eddie Redmayne per «The Theory of Everything» 

- Miglior regia: Alejandro Gonzalez Inarritu per «Birdman» 

- Miglior sceneggiatura non originale: Graham Moore per «The Imitation Game» 

- Miglior sceneggiatura originale: Alejandro G. Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris Jr. e Armando Bo per « Birdman» 

- Miglior colonna sonora: Alexandre Desplat per il film «Grand Budapest Hotel» 

- Miglior canzone: «Glory» di John Stephens e Lonnie Lynn nel film Selma 

- Miglior documentario: «CitizenFour» di Laura Poitras, Mathilde Bonnefoy e Dirk Wilutzky

- Miglior montaggio: Tom Cross per il film « Whiplash» 

- Miglior fotografia: Emmanuel Lubezki per il film Birdman 

- Miglior scenografia: Adam Stockhausen e Anna Pinnock per il film «Grand Budapest Hotel» 

- Miglior film d’animazione: Don Hall e Chris Williams per il film «Big Hero 6» 

- Miglior cortometraggio d’animazione: «Feast» di Patrick Osborne 

- Migliori effetti speciali: Paul Franklin, Andrew Lockley, Ian Hunter e Scott Fisher per il film «Interstellar» 

- Miglior attrice non protagonista: Patricia Arquette per «Boyhood»

- Miglior sonoro: Alan Robert Murray e Bub Asman per «American Sniper» 

- Miglior montaggio: Craig Mann, Ben Wilkins e Thomas Curley per «Whiplash» 

-Miglior corto documentario: «Crisis Hotline: Veterans Press 1» di Ellen Goosenberg Kent e Dana Perry 

- Miglior corto: «The Phone Call» di Mat Kirkby e James Lucas 

- Miglior film straniero: è il film polacco «Ida» diretta da Pawel Pawlikowski 

- Miglior trucco: Frances Hannon e Mark Coulier per il «Gran Budapest Hotel» 

- Migliori costumi: l’italiana Milena Canonero per il film «Grand Budapest Hotel»

- Miglior attore non protagonista: J.K. Simmons per «Whiplash»

Suppongo abbiate già capito di ciò che stiamo parlando; sono proprio loro, gli Oscar 2015! Al Dolby Theatre di Los Angeles si è conclusa la cerimonia di premiazione dell’87esima edizione degli Academy Awards. Subito ci preme ricordare che l’italiana Milena Canonero ha portato a casa l’Oscar nella categoria miglior costumi per il film di Wes Anderson «Grand Budapest Hotel». Ma conclusi gli omaggi a questa icona nazionale, divertiamoci svelando i promossi e bocciati in fatto di stile. Attrici e personaggi dello star system aspettano questo momento da un anno intero e chissà da quanto tempo cercano l'abito giusto per questa occasione; ma non sempre l'attesa fa bene, infatti molte di loro sono scivolate sulla cosiddetta buccia di banana!

Andiamo a scovare i look vincenti e quelli che... ehm come dire, potevano fare di più!

Iniziamo dalle bocciate!

Sarà anche da oscar in fatto di costumi, ma Milena Canonero è andata a ritirare il suo con un look Armani da impiegata in un giorno di pioggia! Altro scivolone scintillante per Nicole Kidman in Louis Vuitton con cintura alla vita "sobria" e scarpe di un altro colore ancora... Chissà a cosa pensava quel giorno!

Moda da Oscar!
Moda da Oscar!

Voi direste che in queste situazione se vuoi andare sul sicuro si sceglie l'accoppiata black&white; e l'idea poteva anche andare, ma non addosso a Patricia Arquette in Rosetta. Pessima scelta anche per Gina Rodriguez, abito più da matrimonio in paese della cugina che per Los Angeles.

Moda da Oscar!
Moda da Oscar!

Forse il ruolo di mamma sta stretto a Scarlett e così osa un look total green di Atelier Versace con una chioma da ventenne rockettara. Nessuna di queste però vince in questione di bocciatura se a sfilare sul red carpet c'è un look simile by Givenchy, indossato dalla coraggiosa Jessica Chastain.

Moda da Oscar!
Moda da Oscar!

E poi c'è chi indossa un Miu Miu con una femminilità inesistente, signori, è il caso di Chloe Grace Moetz e una Karolina Kurkova che vuole passare inosservata. Bianco lo sfondo, bianca lei e bianco praticamente il vestito Marchesa.

Moda da Oscar!
Moda da Oscar!

Dalle bocciate, ma che almeno han fatto parlare di sè, alle insignificanti in fatto di moda. Una Dakota Jhonson in rosso Saint Laurent ed in nero la mamma Melanie Griffith.

Moda da Oscar!

Finalmente è il turno delle promosse, evvai!

Manteniamo i colori di prima, rosso e nero, ma qui lo stile non si discute. Arriva una Cate Blanchett favolosa in Maison Martin Margiela Couture e lo diventa ancor di più con la collanan firmata Tiffany. Di rosso invece Solange Knowles in Christian Siriano, un abito che gioca tra lungo e pantalone... Peccato solo per quel collo.

Moda da Oscar!
Moda da Oscar!

Vincono anche Keira Knightley in un dolcissimo sia di colore che fantasia Valentino Couture e Jennifer Lopez con un principesco Elie Saab Couture.

Moda da Oscar!
Moda da Oscar!

Spettacolari le scelte di Lady Gaga in Azzedine Alaïa (no secco per i guanti) e di Jamie Chung in Yanina Couture che vuole essere, mi sa, un omaggio a "Firework" di Katy Perry!

Moda da Oscar!
Moda da Oscar!

Con lei il black&white; vince, il Tom Ford di Reese Whiterspoon, eleganza minimal da oscar. Sofisticata più che mai la bellissima Gwenyth Paltrow in un abito dal rosa delicato firmato Ralph & Russo Couture. Luminosa Anna Faris in Zuhair Murad Couture.

Moda da Oscar!
Moda da Oscar!
Moda da Oscar!

E poi ci sono loro, i vincitori.

Questa volta Julianne Moore ha studiato bene e se per i BAFTA l'abbiamo bocciata, per gli Oscar la premiamo anche noi. Lo sapeva di essere lei la protagonista della serata e l'ha sottolineato con un regale Chanel Couture. Bravo, bello ed elegante; Eddie Redmayne sceglie Alexander McQueen per andare a ritirare il suo Oscar.

Moda da Oscar!
Moda da Oscar!

Foto: Getty Images

Patricia Arquette -

in Rosetta

Patricia Arquette -

in Rosetta


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Allarme moda: Zx Flux!

    Allarme moda: Flux!

    Adidas Originals festeggia il suo compleanno lanciando una collezione da urlo: Zx Flux. Le ultime nate delle marca con le tre strisce sono un tributo ai... Leggere il seguito

    Da  Sarenza
    LIFESTYLE, MODA E TREND