Magazine Cinema

Mr. Hitchcock & Alma Reville

Creato il 18 febbraio 2014 da Monica @lovedlens
Mr. Hitchcock & Alma Reville«Sono quattro le persone che mi hanno dato amore, stima, incoraggiamento e aiuto costante. La prima è una montatrice, la seconda una sceneggiatrice, la terza è la madre di mia figlia Pat, la quarta è la migliore delle cuoche. I loro nomi sono Alma Reville. Se non avesse accettato un contratto a vita, senza riserve, come signora Hitchcock, 53 anni fa, il signore Alfred Hitchcock non sarebbe in questa stanza stasera. Di certo non sarebbe seduto a questo tavolo. Forse in piedi sì, ma come cameriere. Condivido con lei ogni mio premio, oltre alla mia vita».Così affermava Alfred Hitchcock il 7 marzo 1979 in occasione dei ringraziamenti per un premio all'American Film Institute. Ma viviere con un personaggio come Alfred non dev'essere stato esattamente un'impresa facile.Mr. Hitchcock & Alma RevilleAlma era una donna minuta, introversa e poco incline alla vita pubblica. Non le piaceva affatto stare sotto i riflettori (cosa che invece gradiva molto suo marito) e tendeva a nascondere il suo volto dietro a degli occhialini rotondi dallo stile eccentrico. Perché sì, era una donna introversa e riservata, ma il carattere di certo non le mancava, forte della sicurezza del suo valore nel lavoro.Erano nati per il cinema Hitch e Alma e in un certo senso si può dire che sono nati anche con esso, alla fine dell'800. Quando lei inizia a lavorare come montatrice era giovanissima, appena sedici anni. A quell'epoca il montaggio non è un lavoro esaltante anzi è poco creativo e molto noioso, un lavoro che richiede estrema pazienza e precisione. Ma lei è la persona giusta, tanto brava da farsi notare ben presto e diventare segretaria di edizione, lavorando talvolta come aiuto regista. Ha talento e voglia di fare.I due si conoscono agli Islington Studios dove Alma è di casa e Alfred comincia a farsi strada come addetto alla scrittura delle didascalie e dei titoli (il sonoro ancora non esiste). Ma Hitch, anche se aveva notato la ragazza, non la degna di uno sguardo e non le rivolge parola.
Mr. Hitchcock & Alma RevilleLe cose cambiano quando gli Studios chiudono ed Alma si trova senza lavoro. Alfred, che intanto era diventato assistente alla direzione, le propose un lavoro come montatrice per il film al quale stava lavorando. Aveva aspettato di essere in una posizione di potere prima di parlarle.Lavorano a stretto contatto, la stima è reciproca e sboccia anche l'amore. Quando lui le chiede di sposarlo Alma sta malissimo a causa del mal di mare e alla fatidica domanda le viene da vomitare, «L'ho preso per un
sì», afferma con estrema ironia il regista durante un'intervista.I due si sposano e continuano la loro collaborazione. Alma è stimata e molto richiesta ma non si allontana mai troppo dal lavoro del marito. È la prima a leggere le sceneggiature, è coinvolta nei casting ed è una continua fonte d'ispirazione. Nulla le sfuggiva tanto da far circolare ad Hollywood la leggenda dell'Alma test: senza la sua approvazione niente e nessuno arrivava ad Hitchcock.
Tanto affiatati sul lavoro quanto poco intimi nella vita privata. Nutrono affetto e stima reciproca e sono molto legati ma il loro matrimonio non va oltre tutto ciò, ostacolato forse dalle ossessioni che nel tempo coltiva il regista, come quella per le sue attrici: a Tippi Hedren rese impossibile sopportare le riprese del film.Per Hitchcock infatti il rapporto con la figura femminile è sempre stato molto complesso e conflittuale, a causa probabilmente del suo carattere infantile ed insicuro.  Ma Alma ha rappresentato nella sua vita un pilastro, un punto di riferimento nei momenti più bui della sua vita. L'unica donna in grado di sopportare senza drammi la pesante ombra di uno dei più grandi miti del cinema ma soprattutto di un uomo complesso e difficile come Hitch.
Mr. Hitchcock & Alma Reville

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Goodbye Mr. Lou Reed

    Goodbye Reed

    Addio vecchio satanasso del rock! Addio poeta maledetto! Addio colonna sonora della mia vita! Il mio cuore oggi sanguina e non si capacita di come potrà essere... Leggere il seguito

    Da  Theobsidianmirror
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Addio a Joan Fontaine, la Rebecca di Hitchcock

    Addio Joan Fontaine, Rebecca Hitchcock

    Joan Fontaine, una delle ultimissime, grandi dive dell’epoca d’oro di Hollywood, si è spenta questa notte nella sua casa in California, a 96 anni di età. Leggere il seguito

    Da  Filmedvd
    CINEMA, CULTURA
  • Hitchcock (2012)

    Hitchcock (2012)

    Piano piano sto recuperando tutti quei film meritevoli che, nonostante questo, non hanno mai trovato distribuzione dalle mie parti e questa volta è toccato al... Leggere il seguito

    Da  Babol81
    CINEMA, CULTURA
  • Goodbye Mr. Hoffman

    Goodbye Hoffman

    Un lampo a ciel sereno. Nessuno si aspettava una notizia simile eppure ormai è certa: Philip Seymour Hoffman si è spento a soli 46 anni. Pare che la causa del... Leggere il seguito

    Da  Monica
    CINEMA, CULTURA
  • Happy Birthday Mr. Charlot

    Happy Birthday Charlot

    E’ l’icona più famosa del cinema. Irriverente, spassoso ma allo stesso tempo tragico, critico verso l’America di quel tempo, Charlie Chaplin ha rivoluzionato... Leggere il seguito

    Da  Mattiabertaina
    CINEMA, CULTURA
  • La signora scompare - Alfred Hitchcock (1938)

    signora scompare Alfred Hitchcock (1938)

    (The lady vanishes)Visto qui.Una ragazza conosce sul treno che la riporta in Inghilterra da un paese straniero un'anziana signora. Durante il viaggio la lady de... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • Saving mr banks

    Saving banks

    di John Lee Hancok con Emma Thompson, Tom Hanks, Paul Giamatti Usa, 2013 genere, commedia, drammatico durata, 126' La forza del cinema hollywoodiano nella sua... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA

Magazines