Magazine Cultura

Neil Young & Crazy Horse > Americana

Creato il 12 luglio 2012 da Zambo
Neil Young & Crazy Horse > Americana Americana" /> Americana" border="0" title="Neil Young & Crazy Horse > Americana" />
Furore. Ecco l'aggettivo appropriato per descrivere Americana di Neil Young con i Crazy Horse: Billy Talbot, Ralph Molina, Poncho Sampedro, musicisti il cui nome suona persino onomatopeico, un gruppo con cui il canadese non ha sbagliato un colpo da Gold Rush a Tonight's The Night, da Zuma a Rust Never Sleep a Ragged Glory e Weld (gli ultimi due dischi citati sono quelli che più richiamano il suono di questo Americana). Furore è lo spirito con cui Young imbraccia la Gibson con il jack infilato in un Marshall ed i controlli sul 10 (che chitarrista splendido è Neil Young?). Furore è il fuoco della sua voce, furore è il suono chitarre rabbiose e melodia da 45 giri del '77 dei Sex Pistols. Le undici canzoni sono classici della musica delle radici americane tanto e più di quanto lo furono i brani delle Seeger's Sessions di Springsteen e con altrettanta anima. Non sono però interpretazioni folk, ma rock & roll vissuti dal canadese come se fossero canzoni proprie. Con i rock & roll roots di Americana ci si balla il pogo, ci si saltella per casa mimando una Gibson e ci si canta a squarciagola i cori di Oh Susanna, di My Darling Clementine, di Tom Dula Tom Dula Tom Dula Ton Dula! Get A Job è puro rock & roll anni '50 a la Shocking Pinks. Gallows Pole è il traditional ripreso in modo diverso anche dai Led Zeppelin e riassume i punti di forza del sound di Americana, vale a dire furia rock elettrica e cori melodici, come sui dischi dei Ramones. Jesus Chariot era una canzone religiosa per bambini, mentre la splendida e malinconica Wayfarer Strager è la stessa di Johnny Cash oltre che di una lista di qualche centinaio di artisti che comprende Roger McGuinn e Tim Buckley. This Land Is My Land è quella di Woody Guthrie, il più celebre pezzo folk americano e vero inno dell'altra America, compresa la versione di Springsteen. Ed a proposito di inni God Save The Queen non è quella dei Pistols ma è altrettanto potente e, a pensarci, come inno britannico in defintiva era quello degli americani di prima della rivoluzione. A 66 anni Neil Young non ha perso il gusto per il rock, non ha perso la passione di cantare, non ha perso il furore delle proprie radici. E non ha perso il potere di esaltarmi.
(Blue Bottazzi - SUONO di luglio 2012)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • “Die Young” di Ke$ha sospesa dalla rotazione radiofonica americana

    “Die Young” Ke$ha sospesa dalla rotazione radiofonica americana

    Sembra che negli Stati Uniti, dopo la terribile tragedia alla Sandy Hook School di Newtown, nel Connecticut, lo scorso 14 dicembre per opera del giovane Adam... Leggere il seguito

    Da  Themusik
    CULTURA, MUSICA
  • Americana – Neil Young & Crazy Horse

    Americana Neil Young Crazy Horse

    Non so come dirlo, ma secondo me questa volta ha cannato. Sia chiaro, lo dico da amante folle di Neil Young. E’ tornato a registrare con i suoi immensi Crazy... Leggere il seguito

    Da  Kikuez
    CULTURA, MUSICA
  • War Horse

    Horse

    Anno: 2011 Regia: Steven Spielberg Interpreti principali: Jeremy Irvine (Albert), Peter Mullan (Ted), Emily Watson (Rose), Niels Arestrup (nonno di Emilie),... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • War horse

    horse

    Dopo "Schindler’s list-La lista di Schindler" e "Salvate il soldato Ryan", il Re Mida di Hollywood Steven Spielberg torna a parlare di orrori di guerra con una... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • War Horse – cavallo da guerra

    Horse cavallo guerra

    Ho avuto modo di vedere in anteprima e in lingua originale War Horse di Steven Spielberg grazie a Coming soon e Uci Cinemas, che ovviamente ringrazio. Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Cover Crazy 35

    Cover Crazy

    Buon pomeriggio a tutti, amici lettori=)Mangiato bene?Vi offrirei un caffè, ma non potendo farlo, vi offro un dessert piacevole: 2 copertine tra cui scegliere... Leggere il seguito

    Da  Bookland
    CULTURA, LIBRI
  • War horse

    horse

    (id.)di Steven Spielberg (USA, 2011)con Jeremy Irvine, Emily Watson, Peter Mullan, David ThewlisVOTO: **C'era una volta Steven Spielberg. Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CULTURA