Magazine Viaggi

Nella giungla thailandese alla ricerca dei Mon

Creato il 21 settembre 2010 da Chiaretto41
Un'immagine di Kanchanaburi Nel cuore della giungla thailandese, nella zona di Kanchanaburi, si trova il villaggio di una delle popolazioni più antiche del sud est asiatico: i Mon. I loro diritti non sono per niente scontati: solo nel 2006 il governo thailandese ha concesso la cittadinanza a duemila bimbi Mon nati a Sangklaburi. Visitare questo luogo è una di quelle esperienza che segna la propria vita,, facendo aprire iìla mente e colpire il cuore. La storia non è stata generosa con questo popolo. Dopo un periodo d'oro - il regno di Dvaravati, tra il VI e l'XI secolo, durante il quale introdussero nella regione il buddhismo therevada - i Mon hanno avuto vita difficile. Hanno pagato caramente le loro richieste di autodeterminazione, sino a vedere i propri villaggi rasi al suolo. E poi la fuga dal Myanmar, oltre il confine thailandese.

Il villaggio si raggiunge solo via fiume, attraversando il Kwai a bordo di una lancia. Prendendo come riferimento Bangkok, sono 190 chilometri in strada e venti minuti via fiume. Qui nella jungla, lungo sentieri di terra battuta, i Mon hanno costruito case con il tetto in paglia, in stile palafitta, tutte in legno. Fuori, panni colorati stesi ad asciugare davanti alle porte, vicino alle orchidee selvatiche della giungla. E un gran senso di pace. Vivono in un angolo di giungla, lontano dalle tensioni con i birmani ma ancora in bilico tra il Paese da cui sono fuggiti e quello in cui si sono rifugiati (soprattutto tra l'80 e il '97) per scampare agli scontri. Una rivalità secolare, quella tra mon e birmani, che fu cavalcata anche dagli inglesi durante la colonizzazione: con la promessa dell'indipendenza, l'impero britannico ottenne l' appoggio dei Mon contro l'etnia dominante. Neanche il raggiungimento, nel 1974, di uno Stato autonomo Mon - lungo la costa orientale del golfo di Martaban, dalla foce del Sittoung fino all'estremità nord della catena di Tenasserim - è riuscito a tranquillizzare le tensioni. E gli scontri sono proseguiti anche dopo il cessate il fuoco del 1996.

I Mon che vivono in questo villaggio si guadagnano da vivere lavorando come facchini, camerieri e altro in un hotel che si trova a pochi passi: il River Kwai Jungle Rafts. E vendendo qualche oggetto a chi riesce ad arrivare fino a qui. Hanno anche un loro teatro, per mantenere in vita le proprie antiche tradizioni che rischiano di andare perse. Sulle loro origini ci sono varie teorie. Una delle più accreditate è che discendano da indiani emigrati da Kalinga, un antico regno a cavallo di Orissa e Anndhra Pradesh. Insieme a Pyu, furono tra i primi popoli a insediarsi nel territorio del Myanmar sviluppando forme di civiltà molto influenzate dall'India.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Granturco nella nebbia

    Granturco nella nebbia

    I campi sono quasi invisibili. La nebbia bassa, che sembra uscire dalla terra scura arata di fresco, si alza a poco a poco, la vedi espandersi mentre si... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Nella vallata della pace

    Nella vallata della pace

    Il colpo d'occhio di La Paz, arrivando in bus, è da far perdere il respiro, e non solo per i 3.600 metri che ne fanno la capitale più alta del mondo.I... Leggere il seguito

    Da  Fbruscoli
    AMERICA, ITALIANI NEL MONDO, MONDO, VIAGGI
  • Pietrelcina mon amour

    Pietrelcina amour

    Sono dovuto andare a Pietrelcina per lavoro. A parte il fatto che mi sento un uomo nuovo, pieno di vita, che da ora in poi non indosserà più le calze a rete,... Leggere il seguito

    Da  Blogatuasorella
    ITALIA, SUD ITALIA & ISOLE, VIAGGI
  • Brezel mon amour

    Brezel amour

    Io non so voi ...ma e´ impossibile stare a dieta qui in Germania. Le Brezl o pretzel e anticamente brezellina e´ un pane salato,costa pochissimo e insieme ai... Leggere il seguito

    Da  Wanesia
    CUCINA, ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Marrakech: Touche pas à mon pays!

    Marrakech: Touche pays!

    Oggi girando per Marrakech ho visto tantissimi cartelloni pubblicitari stradali, sia quelli che cambiano di immagine che quelli con i led, che propongono... Leggere il seguito

    Da  Paolo
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Nella buona e nella cattiva sorte

    Nella buona nella cattiva sorte

    I miei amici fanno lavori speciali…. Ve lo avevo già detto quiPì è assistente sociale…. Pì il suo lavoro lo ama… gli anziani che lei assiste la divertono….Potre... Leggere il seguito

    Da  Bussola
    VIAGGI
  • Costa ALLEGRA mon amour

    Costa ALLEGRA amour

    Prima di entrare nel vivo del post, desidero augurare al Giappone di riprendersi presto dopo tutto ciò che è accaduto nelle ore scorse. Dopo questa dovuta... Leggere il seguito

    Da  7325
    VIAGGI

Magazine