Magazine Talenti

Nemo propheta in patria

Da Gio65 @giovanniparigi

In questi giorni ero occupato in una dicussione su un forum americano. La discussione non era stata aperta da me, ma da uno che come me si è cimentato nella cronologia di 1-2Re e nei suoi sincronismi. A questo link potete vedere che la persona in questione ha fatto un lavoro egregio, dimostrando di essere ben qualificata e di conoscere il problema, tanto da stigmatizzare il lavoro del mostro sacro Thiele.

Purtroppo pure lui, cioè l'autore del link, ha commesso il solito errore di dare per buone le cifre della durata dei regni di Giuda e Israele per come ce le presenta il deuteronomista, ossia l'autore di 1-2Re. Di qui la discussione, con io che cercavo di fargli capire l'errore di fondo del suo approccio e lui che controbatteva dicendomi che il ricorso alle coreggenze, inevitabile se si danno per buoni i conti del deuteronomista, è scontato. E' interventuo anche un altro forumista che ha detto che uno come me non può sostenere cose diverse dagli illustri professori, i quali se hanno considerato le coreggenze hanno, in forza del loro titolo e del loro nome, ragione. Un discorso assurdo insomma, come dire che se si ha una brillante carriera alle spalle siamo immuni dagli errori e dalle cantonate.

Prima di dirvi come è andata a finire vi prego di considerare che in America il problema della cronologia di 1-2Re è molto importante. Pensate solo che tutti i più grossi studiosi sono americani, anche se ora è apparso all'orizzonte Galil, ebreo insegnante ad Haifa, Israele. In America , dunque , il problema non solo è sentito (pensate solo alla considerazione che hanno della cronologia biblica i Testimoni di Geova), ma conosciuto, sviscerato e studiato con passione, tanto che, come ho detto, i più grossi studiosi sono americani: Albright e Thiele, i quali hanno compilato una cronologia dei Re ciascuno che è presente in wiki (per intenderci, tre sono le cronologie, di cui due sono americane).

Detto questo capirete con facilità che aver preso completamente ragione (vi dirò dopo con quali parole me l'hanno data) è come avere vinto un torneo di scacchi in Russia. Passo ora a darvi il link per il forum, in cui potete leggere tutti gli interventi della discussione, compreso quello di un semplice lettore, cioè di uno che seguiva la discussione, il quale ha detto, sottolineando l'ammutolimento finale dei miei interlocutori, compreso l'autore del link iniziale, "Ho lasciato che lo Spirito Santo me lo rivelasse. E' davvero così facile". Capite che ho preso ragione su tutta la linea, perchè veramente la mia spiegazione, la mia soluzione è facile: per far quadrare la cronologia dei Re e i suoi sincrinismi bastava solo mettersi a tavolino e con pazienza farsi i conti. Non c'è da calcolare le coreggenze, i Giubilei e quant'altro vi venga in mente. No, solo da farsi conti con calma.

Non so quali possano essere le conseguenze di questa vittoria. Certo che ora in America qualcuno ha capito, qualcuno sa che in Italia hanno la soluzione a un problema millenario. Potenzialmente il mio lavoro potrebbe spiccare il volo, potrebbe catturare l'attenzione di qualcuno che ha autorità, finire su qualche scrivania importante e allora questo blog non sarà stato inutile. Le persone che l'hanno seguito, quelle che si sono abbonate al feed in prticolare, avranno visto risorgere, passo passo, due interi libri della Bibbia: 1-2Re ai quali avremmo ridato forza e onore senza che in Italia la Chiesa abbia mosso un dito per rispondere ad almeno una delle mie mail, neppure a quella in cui, umiliandomi, chiedevo se quella precedente che conteneva la sintesi del problema, fosse stata ricevuta. Solo silenzio, il silenzio con cui si è cercato e si cerca di soffocare il bimbo in culla. Vergogna

Ps: Nel forum gio65, con il suo inglese sgangherato, sono io   


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine