Magazine Atletica

New York giorno 6 (e colazione del settimo)

Creato il 10 novembre 2010 da Ironfrankie
Altre foto (dal sito Terramia): Carla in azione,
New York giorno 6 (e colazione del settimo)
New York giorno 6 (e colazione del settimo)
io sul Verrazzano bridge
New York giorno 6 (e colazione del settimo)alla fine medagliati!
New York giorno 6 (e colazione del settimo)
Oggi solo il trasferimento dallo Hyatt, hotel che sicuramente ha avuto un momento di splendore in passato (molto in passato) al nuovo, intimo 414 Hotel sulla 46ima west. Naturalmente (e nell'ordine) abbiamo prima pensato diprendere un taxi, poi calcolato il percorso su Google map e scoperto che erano appena (appena?) 20 minuti di cammino abbiamopreso i nostri bagagli e ci siamo avviati. Prima in direzione sbagliata ed infine nella giusta direzione. E' tutta colpa della location dello Hyatt, messo al contrario di come si guarda una cartina di manhattan, e quindi se uno pensa di dover andare a sinistra deve andare a destra.
Comunque passata Time Square (e addocchiato L'Aeropostal, altro negozio fashion) ci infiliamo sulla 46ima e dopo un po' arriviamo al nostro hotel. incastrato fra tanti ristoranti (la maggior parte italiani). L'hotel e' chiaramente piu' modesto dello Hyatt, ma innanzitutto ha la WIFI "complimentary" (omaggio, allo Hyatt 10 dollari al giorno, 'sticazzi) ed anche la colazione inclusa nella tariffa, che gia' di listino e' la meta' (229 dollari + le tasse)
La stanchezza oggi e' arrivata come un macigno: alle 3 siamo in stanza e non ne usciremo piu', rinunciando alla cena dopo aver mangiato per pranzo 2 fette di pizza (vabbe', chiamamola cosi') bevuto un Frapppuccino e aver camminato 3 ore in attesa del check in dell'hotel.
L'hotel, proprio a trovargli un difetto, ha gli spazi comuni un po' piccoli. Quindi ci si ritrova a fare colazione su un tavolone in 6 nella hall, stretti fra un camino, la postazione internet, il corridoio di accesso e una parete con le masserizie.
Scendiamo e la situazione e' questa: dalla parete in senso oraio: ragazzone pelato su lato largo (lo faccio notare), di fronte a lui la moglie, posto libero, posto vuoto ma con tazzona e libro aperto, sedia rossa vuota in angolo, postazione internet occupata, giovane tedesca che mangia piu' lentamente di un bradipo (8 minuti per una fetta di mini bagel con marmellata, cronometrati) a fianco marito segaligno con espressione da criceto (e pure l'intelligenza) con maglia di finisher della maratona) con sguardo perso e nulla piu' da mangiare.
faccio accomodare Carla nella sedia vuota, poi con il fare da cannibale cui sono avvezzo mi pongo nella sedia rossa in angolo a puntare quella vuota occupata da libro e tazza. Con un lampo di genio colui che occupava la postazione web si accroge che non ha senso occupare anche l'altra sedia e la libera, ma il tedesco continua a guardarsi attorno perso nel suo mondo, pur avendo esaurito la sua colazione. Insomma alla fine solo il pelatone (figlio di italiani emigrati in canada) capisce tutto e si offre di "servirci" gli altri girano a vuoto le rotelle del cervello finoa che finiamo la colazione prima di tutti.
Insomma, BUONGIORNO A TUTTI!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • NBA: riscatto New York, Chicago torna prima

    NBA: riscatto York, Chicago torna prima

    Solo tre gare nella notte NBA, iniziamo dai Knicks, in striscia negativa e sommersi dalle critiche per le ultime prestazioni, i ragazzi di D’Antoni scendono in... Leggere il seguito

    Da  Basketcaffe
    BASKET, SPORT
  • Leaving New York – Rem

    Leaving New York, never easy canta Michael Stipe.E come dargli torto. Mi ricordo ascoltandola ora e sempre, seduto fuori dal JFK a fumare una sigaretta in attes... Leggere il seguito

    Da  31canzoni
    CULTURA, MUSICA
  • New York Cerca un Chief Digital Officier

    York Cerca Chief Digital Officier

    Potremmo definirlo il Digital Zar della città.E' uscita una interessante offerta di lavoro per una nuova posizione di Chief Digital Officer della Grande Mela. Leggere il seguito

    Da  Robven
    INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • New York Harbor

    York Harbor

    °La prima immagine si riferisce al modello della nave da crociera svedese "Gripsholm" ed è stata pubblicata nel 1975 sulla rivista "Allt om Hobby". Leggere il seguito

    Da  Ciompi
    CREAZIONI, HOBBY
  • New York calling...

    "Certo che fa male, quando i boccioli si rompono.Perché dovrebbe altrimenti esitare la primavera?Perché tutta la nostra bruciante nostalgiadovrebbe rimanere... Leggere il seguito

    Da  Eileen
    ITALIANI NEL MONDO
  • L'Olanda va a New York

    L'Olanda York

    Sembra un fiore, in realtà è il NY400 Dutch Pavilion un’opera di Ben Van Berkel, architetto olandese fondatore di UnStudio, per festeggiare 400 anni di... Leggere il seguito

    Da  Gio
    ARCHITETTURA E DESIGN, LIFESTYLE
  • Rosemary’s baby-Fiocco rosso a New York

    Rosemary’s baby-Fiocco rosso York

    La vicenda si svolge a New York, sul finire degli anni sessanta. Rosemary, una giovane donna appena uscita dal college e suo marito, Guy Woodhouse, attore di... Leggere il seguito

    Da  Paultemplar
    CINEMA, HORROR

Magazines