Magazine Lifestyle

Non esistono più gli uomini di una volta.

Creato il 12 luglio 2012 da Oohlala
Ovvero: menswear e tendenze maschili dell'uomo contemporaneo che non teme il rosa.  Non esistono più gli uomini di una volta.
"C'era una volta il principe azzurro, con il suo bianco destriero.. " è così che siamo cresciute, immaginando il nostro prode cavaliere, l'uomo dei nostri sogni agghindato a principe, abbigliamento medievale e total-look blu. Fantasticare sull'amore della vita che indossa una calzamaglia color carta da zucchero e una vistosa piuma bianca sul copricapo era già abbastanza strano e ambiguo, ma i tempi non si sono fermati e l'uomo contemporaneo ha toccato vette inverosimili.
Superato lo scetticismo verso la calzamaglia per uomo in era moderna, le mode maschili hanno sdoganato il rosa per il guardaroba di lui, hanno approvato i jeans (molto) skinny per gli indie di mezzo mondo e hanno dato via libera ai pattern floreali. L'uomo è ormai libero di esprimere al massimo tutta la sua fashion attitude, svincolato dalle catene culturali e dai tabù della società. Si sa, questa è l'epoca della Metrosexuality e gli uomini ci sguazzano dentro che è una meraviglia, senza paura di esternare il loro lato più femminile e glamour. Vedere uomini più depilati di me, più truccati di me, più magri di me e vestiti meglio di me mi provoca ancora degli scompensi, soprattutto per la mia autostima e il mio essere donna, ma questa nuova frontiera dei ruoli sessuali mi affascina e l'approvo (anche se il mio stereotipo di uomo ideale deve mantenere una buona dosa di mascolinità).
Riflesso della società e vetrina dei nuovo mutamenti culturali-estetici, la moda interpreta i bisogni stilistici-esistenziali di noi mortali, anche quando il guardaroba da rivoluzionare è quello di lui. Abbandonati i rigidi diktat dei canoni maschili, gli stilisti danno ormai libero sfogo alla loro più perversa immaginazione e non hanno più paura di osare, sperimentare. Una gonna indossata da un modello non fa più scalpore, è storia ormai vecchia. E le ultime sfilate di menswear ne sono la prova. 
Prima di partire con le mie solite polemiche e con la mia incompresa ironia, ci tengo a precisare che sono una fanatica sostenitrice dell'innovazione e del coraggio che molti stilisti riversano nelle loro creazioni, mi autoproclamo protettrice di tutti i geni ribelli che popolano il fashion system, che propongono interessanti collezioni con la giusta dose di audacia e follia. Sono pochi (ma buoni) gli shows che hanno presentato queste caratteristiche durante le ultime sfilate spring/summer 2013 menswear, tuttavia ci sono ancora molti fenomeni estetici che ancora non capisco. Chiamatela ignoranza o latente vena tradizionalista, ma io sono rimasta alquanto perplessa davanti ad alcune proposte, che voglio condividere con voi.
1) SANDOKAN
EtroNon esistono più gli uomini di una volta.Non esistono più gli uomini di una volta.
Jean Paul GaultierNon esistono più gli uomini di una volta.Non esistono più gli uomini di una volta.Il centro pulsante del mondo si sposta verso oriente ed ecco che anche la moda fa altrettanto: per la prossima primavera anche l'uomo occidentale farà sfoggio del turbante. Se Etro ci propone uno stile elegante, un dandy eccentrico e amante dell'india, Jean Paul Gaultier reinterpreta il turbante in chiave urbana, il dettaglio esotico per un look sportivo e easy-to-wear. E non fatevi distrarre dalla gonna lunga e dalla giacca bondage, il protagonista indiscusso è il turbante! 
Invidia. Sono anni che cerco un turbante per me, con scarsi risultati, e adesso mi toccherà subire una miriade di ragazzi modaioli che ne sfoggiano uno con vanto e trionfo. 
2) FINTI TATUAGGI
DsquaredNon esistono più gli uomini di una volta.Non esistono più gli uomini di una volta.Benché ci sia molto da dire su questa collezione di Dsquared, in stile poliziotto dei Village People, mi voglio soffermare su un solo dettaglio: calze e manicotti effetto tatuaggio. 
Non credevo ai miei occhi, ma poi mi sono documentata e ho avuto la triste conferma. A parte il fatto che le ragnatele tatuate non vanno più di moda dall'87, ma soprattutto l'idea del manicotto effetto tattoo è vecchia. E, diciamolo, non ha avuto molto successo.
3) GIGOLO'
MuglerNon esistono più gli uomini di una volta.L'ultimo lavoro di Nicola Formichetti si ispira al mondo acquatico, che si esprime nei colori e nei tessuti utilizzati. Una collezione che si concentra sulle forme strutturate, i tagli geometrici e il rigore sartoriale; minimalismo cromatico e dettagli cutout definiscono il tutto armonicamente. Impeccabile,  se non fosse per gli autoreggenti che si sono materializzati sulle gambe di un modello. E stanno meglio a lui che a me, tra l'altro.
4) NUOVI ROCKY BALBOA
VersaceNon esistono più gli uomini di una volta.Non esistono più gli uomini di una volta.La collezione s/s 2013 di Versace attinge al mondo del pugilato. Donatella immagina il suo uomo come un eccentrico erede di Hulk Hogan, un sexy gladiatore moderno che trascorre le sue giornate tra un bagno in piscina a Miami e pazze serate in locali gay esclusivi. Bocciata l'intera collezione, soprattutto per l'uscita in total-look pink. 
Donatella, io e te proprio non ci siamo capite. Ribadisco che aspetto Settembre per vedere cosa riesci a fare di meglio.
5) CONTADINE MINIMALISTE
J. W. AndersonNon esistono più gli uomini di una volta.Non esistono più gli uomini di una volta.La collezione uomo spring/summer dilata il concept della linea femminile. Può essere tradotta come un'estensione della precedente collezione Resort Womenswear di J. W. Anderson. Non abbiamo bisogno di Style.com per capirlo, le immagini parlano chiaro. Una collezione femminile, come si può dedurre dai materiali utilizzati e dalla scelta delle tonalità, che gioca sulle forme decise e sulle proporzioni. Predominanza di look monocolore dalle tinte sature, con l'eccezione di trasparenze e t-shirt stampate. Sono gli accessori che fanno la differenza: pochette matelassé e foulard "alla contadinella" a coprire la testa. 
Una collezione dai tratti unisex che unisce maschile e femminile. Anzi, che avvicina l'uomo al suo lato più femminile. 
6) ANNI '90 CON FURORE
Comme Des GarçonsNon esistono più gli uomini di una volta.Il capospalla è il protagonista indiscusso della collezione menswear s/s 2013. Perfino il classico chiodo e una felpa casual si allungano per diventare eleganti cappotti. Colori neutri e giacche, anch'esse extra long, nere con dettagli e profili a contrasto caratterizzano questo "Poor King", come è stato nominato. Sotto si celano completi-pigiama camouflage, animalier e monocromo. Il tocco discutibile si trova altrove:
Non esistono più gli uomini di una volta.Capelli arancioni in stile Aqua + passata simil corona in pelle con borchie. 

7) CAPPELLAIO MATTOWalter Van BeirendonckNon esistono più gli uomini di una volta.Non esistono più gli uomini di una volta.Non esistono più gli uomini di una volta.Questo stilista è sempre stato affascinato da tutto ciò che è "behind closed door", dicesi. Questo suo voyeurismo intellettuale è dunque percepibile nelle sue creazioni: perversioni, oscuri segreti, infantilismo e riti privati. Gli accessori bondage, i richiami alla Massoneria e i vistosi copricapi ne sono la prova. Il privato e tutto ciò che è dissimulato devono essere indagati e resi protagonisti principali. Il discorso non fa una piega, ma io quei cappelli li avrei lasciati dietro la porta...In conclusione: adesso noi ragazze dobbiamo temere anche la concorrenza di voi maschietti. Come se le fighe di legno non bastassero a calpestare la mia autostima. Zoolander non è mai stato così reale.Non esistono più gli uomini di una volta.C.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Non incartatevi!

    incartatevi!

    Mancano esattamente 10 giorni all’ora x e quindi non possiamo assolutamente farci trovare impreparati. Perché quando il momento dei regali e degli acquisti... Leggere il seguito

    Da  Annaulaola
    HOBBY, LIFESTYLE, MODA E TREND
  • LuisaViaRoma alle blogger "discriminate": non facciamo beneficenza

    LuisaViaRoma alle blogger "discriminate": facciamo beneficenza

    “Non facciamo beneficenza e non siamo un istituto di formazione per fashion blogger” è la risposta di Nicola Antonelli, project manager di LuisaViaRoma, al... Leggere il seguito

    Da  Patriziafinuccigallo
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Dove c'è gusto non c'è perdenza

    Dove gusto perdenza

    Gli anziani ovviamente dicono che i loro tempi erano i migliori, che la loro generazione non ha nulla a che fare con i giovani di oggi, e questo discorso si... Leggere il seguito

    Da  Mriitan
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • M’ami o non Tulimami?

    M’ami Tulimami?

    Tulimami da vita a bellissimi mostriciattoli grazie alla sua creatività e li anima con la sua passione sincera e profonda. Noi l’abbiamo incontrata al Festival... Leggere il seguito

    Da  Annaulaola
    HOBBY, LIFESTYLE, MODA E TREND
  • «D&G non scomparirà»

    «D&G scomparirà»

    Dolce e Gabbana assicurano che il marchio D G non scomparirà. Lo scorso settembre il duo creativo ha annunciato la chiusura della sua seconda linea dopo 17 anni... Leggere il seguito

    Da  Dg_victims
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Non è estate se..

    estate se..

    Non sappiamo davvero perchè, ma le cose non finiscono mai insieme! Mi spiego: Lunedì finisce il sapone, Mercoledì finisce lo shampoo, Giovedì finisce... Leggere il seguito

    Da  Zuckerfrei
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Non è tendenza, è smania!

    tendenza, smania!

    Uno pensa che con l'avvento di un nuovo inizio, le cose possano andare decisamente meglio o quanto meno è ciò che credono quei pochi ottimisti rimasti in vita. Leggere il seguito

    Da  Giadamusumeci
    LIFESTYLE, MODA E TREND