Magazine Società

Non leggete questo post

Creato il 07 maggio 2011 da Alblog
Non leggete questo post 
Ci sono giorni, per fortuna anche solo attimi, in cui la vita assume le sembianze di un grumo oscuro di colpe. Senza possibilità di redenzione. A volte si è quasi risucchiati in questo vortice di afflizioni che ti segnano per tutta la vita. Una sensazione claustrofobica e cupa, sovente suggerita da episodi minimi, come quella che ho vissuto non più tardi di qualche giorno fa, durante la compilation di episodi vuoti – catalogato dagli ideatori di palinsesti come “il meglio di “ – della trasmissione “L’isola dei Famosi”.
Buona parte della puntata – che, vi giuro, è andata in onda in prima serata, su un canale nazionale e per due ore abbondanti -  verteva su liti di media intensità tra Nina Moric e Eleonora Brigliadori. Spesso intervenivano con parole di luciferina vuotaggine anche Simona Ventura e Vladimir Luxuria. Le loro cazzate si spingevano nei meandri della psicologia, andando a tastare il terreno minato delle cause dell’eterno dibattito tra il bene e il male. Ero quasi impietrito davanti allo schermo, incapace di premere il tasto del telecomando per evitarmi questa agghiacciante performance. Nonostante la mia paralisi fisica il mio cervello continuava ad arrovellarsi.
Ho pensato nell’ordine che il direttore di rete ha fatto male a concedere il benestare a questo insulso spettacolo. Che, una volta che sciaguratamente hanno concesso l’andata in onda, avrebbero dovuto almeno vietarla ai minori; non tanto per i lati B e le tette concesse a piene mani, quanto per il terrificante messaggio della trasmissione. Che ho fatto male a pagare il canone.
Poi ho pensato che la Moric e la Brigliadori hanno fatto male ad aprire bocca. Che Simona Ventura ha fatto male ad invitarle, anche se erano l’attrazione dell’Isola. Poi ho pensato che ho fatto male a non cambiare canale (anche se le mie dita erano come anchilosate e la pila funziona ad intermittenza). Che faccio male, in generale, a guardare la televisione e i reality in particolare. Che forse ho fatto male a comprare la televisione. Che la vita non ha senso. Che fa più male un’ora di Simona Ventura che due settimane nella città più inquinata del mondo. Che infine moriremo tutti quanti (Nina Moric, Eleonora Brigliadori, Vladimir Luxuria e io) segnati per sempre dall’insensato attimo vissuto insieme.
Infine penso che ho fatto malissimo a dedicare queste righe all’Isola dei Famosi. E che voi avete fatto malissimo a leggerle...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Non ditemi che non lo sapevate…

    ditemi sapevate…

    Capirai che scoop e che notizie nuove! Per quanto riguarda il nostro paese non mi pare che le rivelazioni promesse da Wikileaks siano così tanto sconvolgenti,... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    SOCIETÀ
  • "Non fatemela vedere!"

    "Non fatemela vedere!"

    Nemmeno il tempo di togliere le Carfagne dal fuoco, che c'è la bella Stefania da pelare. Tra le lacrime (di coccodrillo) della Ministra si ode un lamento che... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • Ma non chiamiamolo ricatto

    Anche oggi, alla collocazione dei nuovi titoli Fiat in borsa, l'AD di Fiat è tornato sull'argomento.«Se vince il 'no' con il 51%, la Fiat non fa alcun... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Non spingete

    spingete

    Eccola lì che galleggia: la parola “Gnocca” a metà della home page dell’Unità. È stata inserita all’interno di un simbolo elettorale, con il fondo azzurro e il... Leggere il seguito

    Da  Femminileplurale
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Non passa lo straniero

    passa straniero

    Pare, anzi è morto un altro Alpino in quel di Bala Murghab. Sono partite quindi le solite e retoriche dichiarazioni politiche, compreso un minuto di silenzio... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Vado o non vado

    “Se vengo ancora intercettato, lascio questo paese”. (Silvio Berlusconi, 2.4.2008) “E' normale in una normale democrazia che il presidente del Consiglio sia... Leggere il seguito

    Da  Demopazzia
    SOCIETÀ
  • Non impareranno mai

    “C’è un senso di smarrimento, c’è un involgarimento del discorso pubblico”, disse a un certo punto Massimo D’Alema. Era lo scorso 28 ottobre e teneva un... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ

Magazine