Magazine Informazione regionale

Non si può votare per amore o odio, e basta col refrain del bene comune

Creato il 11 dicembre 2012 da Cremonademocratica @paolozignani

Smascheriamo con don Pizzarro il nuovo politichese del “bene dell’Italia” e del voto per amore o odio dell’avversario. Quanta retorica dannosa agli elettori! E quando scoccherà il dies irae in cui solo persone preparate professionalmente entreranno in Parlamento? Mai? Ecco lo sferzante don Pizzarro:

“… per il bene e nell’interesse del Paese”. Dalla bocca di chi l’avete sentita più spesso? E “prima di tutto c’è il bene dell’Italia”? Esce di solito dalla stessa di prima.

Gli occhi sono lo specchio dell'anima

Gli occhi sono lo specchio dell’anima

“Non pensiamo agli interessi di bottega, ma al bene collettivo”. Quindi anche al mio, tuo, suo, in teoria. Idem. Capisco che – come diceva un tale – ciò che più spaventa degli uomini politici non è quello che dicono bensì ciò che non dicono, ma non se ne può più di questo refrain buono per tutte le stagioni, tutte le situazioni, tutti i momenti. Per di più un ritornello falso e purtroppo destinato a fare da colonna sonora alle prossime settimane pre-elettorali. Capisco (ma, beninteso, se comprendo non giustifico) anche che – in alcune fasi politiche, il bene collettivo possa essere momentaneamente subordinato a calcoli (non li chiamerei giochi perché sa troppo di pastetta) di palazzo. Calcoli, già: per la creazione di alleanze, per la formazione delle liste…
Ma il politico che sostiene a ogni piè sospinto di fare quella cosa “nell’interesse del Paese” non si può proprio più sentire.
Quando poi, superandosi, parla di “esclusivo” interesse del Paese, allora significa che sta partorendo qualcosa di veramente terribile. Berlusconi, che è tra quelli che utilizza più spesso, per far presa, simili espressioni, motivò
così un anno fa le sue dimissioni: “Lascio il governo per senso di responsabilità e per amore del mio Paese”. Amore per il mio paese, disse. Al di là della sincerità o meno nel manifestare amore per il proprio Paese, che ogni
individuo naturalmente può esprimere in tutte le forme che preferisce, ciò che vorrei sottolineare è come – a mio parere – in politica non dovrebbe esservi spazio né per l’amore, né – specularmente – per l’odio. Provo a spiegarmi,
sperando di non essere frainteso.
Il privato cittadino può amare il suo Paese, l’uomo politico, un buon politico, naturalmente (che forse è il politico ideale), dovrebbe fare ciò che è meglio per esso. Al di là di ogni considerazione sul concetto di amore. Un sentimento che infatti potrebbe condizionarlo negativamente, costringendolo a decisioni controproducenti che, con una valutazione più fredda e distaccata, più responsabile, non avrebbe mai
preso. Mutatis mutandis lo stesso vale, e forse in maniera maggiore, all’inverso, nel rapporto elettore-politico. Anche se a volte è difficile fare analisi scevre da condizionamenti di carattere emotivo (nel bene o nel male,
s’intende), un cittadino dovrebbe ‘astenersi’ dall’amare o dall’odiare un uomo politico. Pena la perdita di obiettività nella valutazione. Obiettività, non oggettività: è naturale, infatti, che un personaggio politico può andare bene a qualcuno e non piacere a qualcun altro.
L’importante è che lo si possa valutare, giudicare e magari votare con la massima libertà e il massimo
distacco sul piano emozionale. Capisco che dopo vent’anni di berlusconismo è un discorso che potrebbe (ma non dovrebbe) lasciare il tempo che trova, ma un uomo politico va scelto non sulla base dei parametri di amore e odio, bensì sulla scorta di una valutazione, sì soggettiva, sulla sua capacità di perseguire al meglio i miei interessi, quelli della mia categoria, in senso lato del mio Paese. Mentre con l’arrivo di Berlusconi, e finora solo con lui, al netto di qualsiasi considerazione sulla sua persona, la dialettica politica purtroppo si
è polarizzata attorno alla concezione dell’amore contrapposta a quella dell’odio. Come a dire: se mi ami sei con me, altrimenti sei contro di me. E se mi ami, questo è il messaggio peggiore tra quelli passati, votami.

Don Pizzarro


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Foibe, per non dimenticare

    FOIBE 1918 - 1922 Dopo la vittoria arriva il fascismo La conclusione della prima Guerra mondiale con il conseguente disfacimento dell’Impero asburgico,... Leggere il seguito

    Da  Bernardrieux
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • Come rendicontava Maroni? “Non rendicontava”

    “L’onorevole Maroni, quale capogruppo alla Camera, nel 2006 instauro’ la prassi di non comunicare il conto della gestione a fine anno al partito in quanto... Leggere il seguito

    Da  Cremonademocratica
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA ITALIA
  • E se De Bona non si dimettesse?

    Bona dimettesse?

    L’assessore alla cultura è inquieta, sta riflettendo. Una tempesta di pensieri. Ci sono motivi personali e familiari che inducono alle dimissioni, come trapelat... Leggere il seguito

    Da  Cremonademocratica
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA ITALIA
  • Le dieci domande che non avranno risposte

    Vedo con piacere che una pur minima discussione sul tema elettorale non riesce a decollare così come auspicato dalle invitanti note di Paolo Giardina. Segno... Leggere il seguito

    Da  Canicattivi
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA ITALIA
  • ... non basta avere i numeri

    basta avere numeri

    ... e parliamo di politica Insisto. La necessità del sistema partitico di riguadagnare consensi deve fare i conti con il fatto che i partiti stessi sono molto... Leggere il seguito

    Da  Bernardrieux
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • Bersani: non chiederò a D’Alema di ricandidarsi

    Bersani ha dichiarato di non voler più candidare D’Alema. “Non gli chiederò di ricandidarsi. Non c’era bisogno di Renzi per il rinnovamento che sarebbe... Leggere il seguito

    Da  Cremonademocratica
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA ITALIA
  • L’Istat non rileva gli animali domestici

    …e non vende cibo italiano all’estero Come testimoniato e leggibile sul sito dell’Istat stesso, l’istituto delle ricerche statistiche non effettua alcun... Leggere il seguito

    Da  Tucson
    CONSIGLI UTILI, INFORMAZIONE REGIONALE