Magazine Cultura

Non voglio questo “Futuro”

Creato il 18 luglio 2011 da Albertocapece

Non voglio questo “Futuro”I conti non sono affatto a posto e anzi sono l’unica cosa di color rosso rintracciabile nel Paese, i tagli sono orizzontali e miopi,  la manovra si è rivelata non solo iniqua, non solo banale, ma anche inutile come del resto avevano profetizzato molti osservatori. E tuttavia Tremonti ha un partito nel cassetto, con simbolo già depositato. E con un nome agghiacciante: “Futuro”, giustamente senza aggiunta di libertà visto che già Fini ci aveva pensato e che comunque è del tutto inessenziale al progetto.

Su L’Unità si possono leggere  i particolari di un’operazione messa in piedi nell’ultima parte del 2010, nel momento in cui sembrava potesse sfasciarsi tutto e portata avanti in gran segreto anche se si mormorava di un “tesoretto” che Tremonti andava accumulando. Qualcuno sostiene che l’idea sia venuta al ministro quando si è reso conto che la maggioranza mediatica e servile del Cavaliere non avrebbe resistito all’impatto delle misure che l’Europa e i mercati avrebbero richiesto all’Italia. Anzi che il Cavaliere stesso sarebbe stato disarcionato.

A questo punto entriamo nell’assurdo: visto che Tremonti  era ed è il responsabile della politica economica italiana e dunque il maggior imputato per non essere riuscito né a mettere in sicurezza i conti, né a a tentare un minimo di  rilancio dell’economia, il suo partito nel cassetto quale futuro può offrirci? Che senso ha?  E cosa può suggerirci alla luce di una sciatta manovra dalla tempistica elettorale, con i soliti tagli orizzontali e senza nemmeno il tentativo simbolico di recuperare un po’ di evasione che è il vero cancro devastante dei nostri conti? In cosa si potrebbe differenziare dal Pdl o dalla Lega?

In niente certo, anzi quel suo partito cinico potrebbe chiamarlo Passato e Sciatteria per quel che vale. Ma il ministro non è uomo che fa nulla e per nulla e se non ha ricette per un diverso futuro del Paese, può fare molto invece per il suo personale avvenire. Forse non è un caso che la notizia del partito nel cassetto sia trapelata proprio in questo periodo di isolamento e di scontro sia con Silvio che con Bossi. Tremonti  cerca forse un qualche salvagente nell’opposizione, che certo non si è mostrata mai avara nelle operazioni di salvataggio in extremis. E quindi non so come si svilupperà la cosa.

Ma sia ben chiaro: voglio un futuro senza nessuno di questi  inquietanti Futuri che vengono da chi per 15 anni ha lavorato a sottrarcelo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Non abbiamo risposte

    Come può un capo minare la certezza dei fedeli?Minando le basi della sua fede. La risposta titubante di Benedetto XVI, insolita per un Pontefice, potrebbe dare... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Amore non ne avremo

    Amore avremo

    Nubi di fiato rappreso S’addensano sugli occhi In uno stanco scorrere Di ombre e ricordi: una festa, un frusciare di gonne, uno sguardo, due occhi di rugiada, u... Leggere il seguito

    Da  Malacarne_nonconunlamento
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Non è successo nulla

    "Non è successo nulla" è il titolo di un documentario che verrà proiettato il 28 maggio prossimo per ricordare la strage del 28 maggio 1974 in Piazza Loggia a... Leggere il seguito

    Da  Marcotoresini
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Non siamo dei Draghi

    siamo Draghi

    Viviamo in tempi deprimenti, ma basta un niente per farci gonfiare il petto. Così all’annuncio che anche la Germania dava il via libera a Draghi alla Bce, si è... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Non possiamo

    alterare l'inerzia di un corpomodificando l'ambiente che lo circonda.Tutto è cambiato, le città sono sparitela somma delle forze individualitende a zero. I... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Non esco

    Non esco. Fin che vivrò a Milano, in questa città con la M maiuscola (dove l'iniziale M sta per qualche altra cosa, senza offesa per il sindaco Giuliano Pisapia... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Noi non dimentichiamo

    Sono trascorsi quattro anni da quando, nella notte del 6 dicembre, alcunioperai furono investiti da un rogo infernale divampato alla linea cinque... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines