Magazine Cultura

Note di prosa - 74

Creato il 02 febbraio 2011 da Sulromanzo

“Aforismi sulla saggezza del vivere” di Arthur Schopenhauer

 

Un temperamento calmo e sereno derivante da una salute perfetta e da una buona costituzione, un’intelligenza chiara, vivace, penetrante e obiettiva, una volontà moderata e flessibile e quindi una coscienza tranquilla – sono pregi che nessuna posizione sociale e nessuna ricchezza possono sostituire.

Infatti quello che un uomo è per se stesso, che lo accompagna nella solitudine, e che nessuno gli può dare o togliere è per lui evidentemente più essenziale di tutto il resto che egli possiede, o di tutto quello che egli può essere agli occhi degli altri. Un uomo dotato intellettualmente, in completa solitudine, può intrattenersi in modo assai dilettoso con i propri pensieri e le proprie fantasie, mentre il continuo avvicendarsi di trattenimenti, spettacoli, gite e divertimenti non riesce a difendere da una tormentosa noia un uomo ottuso.

Un carattere buono, moderato, mite, può essere contento anche in condizioni precarie; mentre non lo è un carattere avido, invidioso, e maligno, nonostante tutte le ricchezze.

Ebbene, proprio per colui che ha in stabile godimento una individualità fuori del comune, spiritualmente eminente, la maggior parte dei piaceri in genere vagheggiati sono del tutto superflui, anzi molesti e fastidiosi. Così Orazio dice di se stesso:

 

Gemmas, marmor, ebur, Tyrrhena sigilla, tabellas,

argentum, vestes Gaetulo murice tinctas,

sunt qui non habeant, est qui non curat habere*

 

e Socrate, alla vista di oggetti di lusso messi in vendita, disse: “Quante cose ci sono di cui io non sento il bisogno”.

Per la felicità della nostra vita quindi è ciò che noi siamo, la personalità, in assoluto la cosa preminente e la più essenziale, già per il fatto che è attiva costantemente e in ogni circostanza; inoltre, essa non è soggetta al destino.

 

*Gemme, marmo, avorio, statuette etrusche, quadri, / argento, vesti colorate con la porpora dei getuli, / c’è gente che non ne possiede, e c’è chi non cura di averne (Epist. II, 2, 180-182).

 

***

Kitaro – The Silk Road

See video

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Note di prosa -3

    Di Morgan Palmas "La strada di Swann" di Marcel Proust "Esaminando il suo male con sagacità non minore che se se lo fosse inoculato per studiarlo, si diceva... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa - 5

    Di Morgan Palmas "Mosè era il giovane più pacifico e tranquillo di tutto il paese ma da profugo, a Torino, aveva ascoltato i comizi dei socialisti e anche... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa - 6

    Di Anna Costalonga Trilussa, L'elezzione der Presidente Un giorno tutti quanti l’animalisottomessi ar lavorodecisero d’elegge un Presidenteche je guardasse... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa - 7

    Di Morgan Palmas "Il suo sguardo mi lasciò e cercò la cima illuminata dei gradini dove Three O'Clock in the Morning, un piccolo valzer lindo e triste di... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa - 8

    Di Anna Costalonga "Un'Epistola" di Henrik Ibsen E voi mi chiedete, caro, perché così sia?Non avete compreso che qualche cosa stava per avvenire?Non avete... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa - 9

    Di Morgan Palmas “Un’indicibile brutalità è nel rapporto momentaneo della massa con l’artista. Le confessioni di quest’ultimo, che si rifugiano inermi nelle... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa - 10

    Di Anna Costalonga Da Friedrich Hölderlin: Diotima Vieni e placami questo Caos del tempo, come una volta,Delizia della celeste musa, gli elementi hai conciliato! Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI