Magazine Cultura

Note di prosa - 8

Creato il 07 ottobre 2010 da Sulromanzo
Di Anna Costalonga
"Un'Epistola" di Henrik Ibsen
E voi mi chiedete, caro, perché così sia?Non avete compreso che qualche cosa stava per avvenire?Non avete compreso che un'epoca finiva,e che con quest'epoca se ne andavano la tranquillità e la speranza?La causa? Oh! Essa non appare ancora in piena luce,ma udite tuttavia la piccola verità che su queste cose conosco:una notte mi son trovato solo, qui, a poppa.Quella notte era calda, calma, seminata di stelle;il vento, pieno di squisite carezze,aveva tagliate le sue ali.Tutti i viaggiatori, io eccettuato, erano andati a coricarsi;nelle cabine morivano le lucie un calore soffocante regnava, snervandoi viaggiatori esausti di fatica.Il loro sonno era agitato. Io li vedevo nettamenteper le finestrine socchiuse:un uomo di stato, dalle labbra convulse,abbozzava un sorriso che finiva in smorfia,un professore sapiente si contorceva febbrilmente,come se litigasse con la propria coscienza;un teologo si copriva la fronte col suo copripiedi,quest'altro nascondeva la testa sotto l'origliere,e qua e là alcuni artisti e alcuni scrittori, tormentatida orribili sogni, si agitavano in una inquieta attesa.Su tutte queste creature sonnolente, un calorepesante e greve si propagava in una nuvola rossastra.Distolsi gli occhi da quella visione penosae andai verso prora a respirare l'alito fresco della notte.Guardavo verso oriente, dove già il pallore del giornoincominciava a offuscare lo splendore delle stelle.Allora alcune parole uscite dalle cabine, risuonarono al mio orecchio.Esse mi colpirono mentre mi appoggiavo all'albero.La voce che le pronunciava con forzapareva uscire da un incubo e diceva:— Credo che portiamo un cadavere nella stiva.

Edvard Grieg, Da "Peer Gynt", basato sull'omonima commedia di Henrik Ibsen, La Morte di Åse

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Note di prosa - 1

    Di Morgan Palmas Quante volte abbiamo letto un romanzo ascoltando una canzone? Perché una sinfonia si accompagna benissimo a un certo autore? Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI, MUSICA
  • Note di prosa - 2

    Di Anna Costalonga Ad Anna Achmatova O musa delle lacrime, fra tutte la più bella!Tu, spirito vagante della notte bianca!Tu sulla Russia scateni una nera... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI, POESIE
  • Note di prosa - 4

    Di Anna Costalonga "O come quando un treno sotterraneo nella metropolitana si ferma troppo a lungotra due stazioni e la conversazione sorge per poi a poco a... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa -3

    Di Morgan Palmas "La strada di Swann" di Marcel Proust "Esaminando il suo male con sagacità non minore che se se lo fosse inoculato per studiarlo, si diceva... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa - 5

    Di Morgan Palmas "Mosè era il giovane più pacifico e tranquillo di tutto il paese ma da profugo, a Torino, aveva ascoltato i comizi dei socialisti e anche... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa - 6

    Di Anna Costalonga Trilussa, L'elezzione der Presidente Un giorno tutti quanti l’animalisottomessi ar lavorodecisero d’elegge un Presidenteche je guardasse... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Note di prosa - 7

    Di Morgan Palmas "Il suo sguardo mi lasciò e cercò la cima illuminata dei gradini dove Three O'Clock in the Morning, un piccolo valzer lindo e triste di... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI