Magazine Scienze

Nucleare: decisione della Consulta tutt’altro che negativa per il programma nucleare

Creato il 03 febbraio 2011 da Pdigirolamo

Nucleare: decisione della Consulta tutt’altro che negativa per il programma nucleareNella scelta dei siti dei futuri impianti nucleari, sarà necessario il parere delle Regioni, seppur non vincolante. Lo ha stabilito ieri la Corte Costituzionale, intervenendo sull’articolo 4 del Decreto legislativo sulla disciplina della localizzazione, che invece considerava sufficiente l’intesa con la Conferenza unificata per la costruzione delle centrali. Per la Consulta, non è sufficiente l’accordo di tutte le Regioni su tutti i siti potenziali, è necessario anche l’accordo della Regione interessata sul sito specifico, sulla base del principio di leale collaborazione tra Stato e Regioni. “La decisione della Consulta è tutt’altro che negativa per il prosieguo del programma nucleare” – è stato il commento di Stefano Saglia, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico. Anche il parere di Chicco Testa è positivo; si aprirà così “la strada per una positiva competizione fra le diverse regioni. Fra chi saprà e vorrà assumersi la responsabilità di ammodernare il proprio sistema energetico e produttivo, riducendo l’inquinamento e la dipendenza dai combustibili fossili, e chi continuerà a seguire le vecchie strade”. I contrari al ritorno dell’atomo in Italia hanno, invece, accolto la sentenza della Corte Costituzionale come una vittoria del fronte anti-nuclearista; in realtà, la Consulta ha respinto la maggior parte dei ricorsi presentati da ben 13 Regioni, mentre del Decreto attuativo ha solo contestato lo scarso coinvolgimento di queste nell’iter di localizzazione. Certo, il rischio è che la sindrome di Nimby colpisca ancora: come ha dichiarato il presidente di Assoelettrica, Giuliano Zuccoli, “siamo ormai abituati al Nimby che ha portato il nostro Paese ad essere congelato su certe attività. Siamo preoccupati ma confidiamo anche che, nel rispetto, delle regole si possa arrivare ad un chiarimento”. La priorità, infatti, dovrebbe essere per tutti quella di far ripartire la crescita economica del Paese e la questione energetica, in questo senso, svolgerà un ruolo fondamentale. Sempre secondo Chicco Testa c’è bisogno di un “bagno di realtà” perché “restare fermi è da incoscienti” sia dal punto di vista prettamente economico e occupazionale ma anche per la questione ambientale visto che per il 2020 l’Italia dovrà aver abbattuto almeno il 20% delle emissioni di gas serra.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • C’è un giudice alla Consulta!

    Come molti di voi sapranno, la Corte Costituzionale ha appena dichiarato illegittime le leggi regionali di Campania, Basilicata e Puglia che di fatto... Leggere il seguito

    Da  Lorenzo_gigliotto
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE
  • Nucleare? E’ presto detto!

    Ho letto oggi sulla “Staffetta Quotidiana” un interessante articolo scritto da Carlo Stagnaro, giornalista che apprezzo molto e assolutamente competente riguard... Leggere il seguito

    Da  Lorenzo_gigliotto
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE
  • Benvenuto nucleare

    Il controspot di Greenpeace sul nucleare in Italia. Leggere il seguito

    Da  Shabo
    ECOLOGIA E AMBIENTE, MEDIA E COMUNICAZIONE, SCIENZE
  • Lo sgabello nucleare

    sgabello nucleare

    Nuclear! è uno sgabello da interni realizzato per il 70% con il riciclo di scorie nucleari e per il 30% da resina naturale. La trasparenza dei materiali e la... Leggere il seguito

    Da  Pdigirolamo
    SCIENZE
  • La sentenza della Consulta non è contro il nucleare

    Sentenza della Consulta: altro che sconfitta per il nucleare italiano. Non è chiaro perché gli antinuclearisti abbiano cantato vittoria a seguito della... Leggere il seguito

    Da  Lorenzo_gigliotto
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE
  • Il Nucleare francese scricchiola

    Nucleare francese scricchiola

    Negli ultimi anni si sono moltiplicati piccoli incidenti nelle centrali nucleari d’Oltralpe. La società elettrica EDF, che collabora nel futuro (ma forse no)... Leggere il seguito

    Da  Oblioilblog
    SCIENZE, SOCIETÀ
  • Il problema dell'industria nucleare

    problema dell'industria nucleare

    Questo è uno dei motivo per cui mi spaventa il nucleare civile: il fanatismo (avete un aggettivo diverso?), le convinzioni impermeabili a ogni evidenza da... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    ATTUALITÀ, ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE, SOCIETÀ