Magazine Basket

Nuovo accordo NBA-Adidas

Creato il 09 aprile 2010 da Basketcaffe @basketcaffe

adidas-nba basketballMentre la stagione regolare NBA si avvia a grandissimi passi verso la conclusione con ancora un bel po’ di verdetti da decidere, soprattutto nella Western Conference, la Lega si muove anche fuori dal campo per continuare la sua opera di internazionalizzazione del marchio. Se il mercato cinese e orientale è quello che al momento fa più gola al Commissioner David Stern essendo anche quello con maggior margini di crescita, il grande capo della NBA non si è lasciato sfuggire la possibilità di continuare a mantenere vivi anche gli interessi in Europa, e per farlo ha sfruttato la voglia dell’Adidas di entrare a far parte sempre più nel profondo del mondo del basket americano.

Qualche giorno fa infatti, il 24 marzo per la precisione, la NBA e il gruppo Adidas hanno annunciato l’ampliamento del proprio accordo globale con l’assegnazione ad Adidas dei diritti esclusivi di distribuzione della linea di abbigliamento per il basket sull’intero territorio europeo a partire dalla stagione 2010-11. Il noto marchio d’abbigliamento metterà a disposizione degli appassionati una collezione di capi che comprende le maglie autentiche, le swingman e quelle replica delle divise dei giocatori NBA, oltre alla linea di prodotti per l’NBA Hardwood Classics Nights, comprendenti le divise indossate in passato dalle più grandi leggende della Lega.

logo adidas
L’11 Aprile 2006 Adidas e NBA hanno firmato un contratto di 11 anni per la fornitura di prodotti di merchandising a livello mondiale che ha consacrato il marchio con le “tre righe” fornitore ufficiale delle uniformi e dei capi di abbigliamento ufficiali per NBA, WNBA (Lega femminile) ed NBA Development League (Lega di sviluppo) a partire della stagione 2006-07; con questo accordo, quindi, entrambe le parti si impegnano a portare avanti una collaborazione redditizia grazie ad un mix di campagne marketing globali, iniziative mediatiche - tra le quali l’esclusivo NBA Europe Live presentato nel 2010 dall’EA SPORTS - ed eventi che interesseranno tutti i 215 paesi nei quali la Lega distribuisce i propri contenuti.

L’occhio di riguardo che la National Basketball Associations dà al mercato globale è ben esemplificato da questi dati: le 200 aziende titolari delle licenze per la commercializzazione di prodotti di consumo dedicati alla lega stessa ed ai suoi giocatori producono, vendono e distribuiscono i prodotti a marchio NBA (tra cui videogiochi, abbigliamento, calzature, prodotti per lo sport e figurine) pubblicizzati in tutto il mondo e commercializzati in più di 100.000 punti vendita in 100 nazioni e 6 continenti. Il 30% delle vendite, poi, vengono generate dal mercato estero (al di fuori degli Stati Uniti). Numeri che non mentono: l’interesse di tutto il mondo per il basket statunitense sta crescendo enormemente e quindi è giusto che Stern continui in questa sua opera di internazionalizzazione del prodotto.

Ovviamente grande soddisfazione è arrivata da entrambe le parti chiamate in causa in questo accordo: L’NBA è l’Olimpo del basket – tutti i ragazzi del mondo che sognano di diventare dei professionisti non possono che aspirare a raggiungere questo livello,” ha dichiarato Lawrence Norman, Vice Presidente della divisione Adidas basket. “Ora, con questi diritti di distribuzione a livello mondiale, saremo in grado di collaborare con NBA per diffondere ulteriormente l’amore per questo sport regalando anche solo un frammento di quel sogno a chiunque condivida la nostra passione per NBA“.

nba-logo
E gli ha fatto eco Sal LaRocca, Vice Presidente Esecutivo di NBA Global Merchandising: “L’ampliamento dei diritti di Adidas ha reso, con l’inclusione dell’Europa, la nostra collaborazione una realtà veramente globale, perfettamente in linea con la comune volontà di impegnarsi nella promozione del gioco del basketball. Mentre la popolarità di NBA continua a crescere in Europa, l’autentica linea d’abbigliamento Adidas NBA sarà messa a disposizione di un numero sempre maggiore di fan“.

Insomma, in una Lega che negli ultimi anni ha visto prime scelte assolute al draft un cinese, un australiano e un italiano, e che ha dato il premio di MVP stagionale a un tedesco e di MVP delle Finali a un francese, è ovvio che confermarsi anche nel mercato estero sia diventato un obbligo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :