Magazine

Off line marketing: serve ancora? - I

Creato il 07 febbraio 2014 da Dallenebbiemantovane

Potrei discuterne per ore e citarvi pareri molto più autorevoli del mio. Ma la verità è che preferisco basarmi più possibile sulla mia esperienza, e quindi la risposta è: non molto.

In cosa consiste, oggi, una strategia di marketing off line, nell'ottica di un'impresa turistica?
Be', le azioni che potete mettere in atto sono sostanzialmente ...:
1) fiere
2) materiale promozionale cartaceo
3) pubblicità di tipo tradizionale sui mass media (stampa, radio, tv)
4) volantinaggio e stampa di cartellonistica pubblicitaria
5) coupon
6) eventi istituzionali.

Immaginate ad esempio di avere un agri-ippoturismo, cioè una struttura agricola nella quale si offrono alloggio, ristoro, spazio per tende e camper, maneggio e passeggiate a cavallo.
Potete fare le azioni che ho elencato sopra?
Certo. Il problema è che hanno tutte un costo monetario sicuro, a fronte di un ritorno non altrettanto certo.
Analizziamole in dettaglio, cominciando dal punto 1 e proseguendo nei prossimi giorni con i punti da 2 a 6!

1) fiere. Possono essere locali (es. fiera agricola del paese, sagra del santo patrono...), nazionali (di solito di settore. Quindi ci rivolgeremo a fiere turistiche, come la BIT di Milano che tra parentesi si svolge la settimana prossima) o internazionali. Più ampio è il raggio, più costa la partecipazione, maggiore è l'impegno personale e psicofisico, maggiore è inoltre la preparazione occorrente anche in termini di pianificazione a lungo periodo. Conviene?
Secondo me, poco, se non nell'ottica di frequentarle per prendere contatti con operatori del settore, ad esempio agenti di tour operator stranieri che vengono in Italia una o due volte l'anno apposta per prendervi parte. Ma allora, è possibile entrare pagando il biglietto e andando a visitare altri espositori o incontrarli negli incontri business (se è una fiera seria, ci sono), senza sostenere il costo di allestire uno stand.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog