Magazine Africa

Oggi in Marocco (e non solo) importanti decisioni sul "caso" Libia

Creato il 08 giugno 2015 da Marianna06

1-3-l_arrache-cc593ur-boris-vian-100x100cm-20121

Al via oggi, a Skhirat, in Marocco, una nuova tornata di colloqui mediati dall’Onu tra le fazioni libiche: incontri definiti “decisivi” dalla stessa organizzazione internazionale, che mira a formare un esecutivo di unità nazionale.

Durante il negoziato, aveva reso noto nei giorni scorsi la missione di sostegno dell’Onu in Libia (Unsmil), verrà discussa “una nuova bozza di accordo politico, basata sui contributi ricevuti dalle parti”.

L’invito a trovare una “soluzione politica” alla crisi libica è arrivato anche dal Cairo, dove il ministro degli Esteri egiziano Sameh al-Shoukri ha incontrato i suoi omologhi italiano, Paolo Gentiloni, e algerino, Abdelkader Messahel. Il capo della diplomazia egiziana, tuttavia, ha invitato la comunità internazionale a “smettere di perdere tempo” e a sostenere il governo internazionalmente riconosciuto (con sede a Tobruk, contrapposto a quello d’ispirazione islamica istituito a Tripoli dalla fazione Fajr Libia).

In particolare, al-Shoukri ha chiesto che alle istituzioni di Tobruk non sia applicato l’embargo in vigore sulle armi, in modo che le autorità possano concentrarsi sulla lotta alle milizie che hanno proclamato la loro affiliazione al sedicente Stato islamico (Is).

           a cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog