Magazine Attualità

Oktoberfest: provare per credere

Creato il 05 ottobre 2011 da Misterbago
OKTOBERFEST: PROVARE PER CREDERE
L' Ocktoberfest è una festa che non ti aspetti. Per quanto tu ne possa aver sentito parlare, non riesci a farti un'idea di quello che è veramente finchè non ci sei dentro.
Come si può spiegare cosa vuol dire essere in mezzo a centinaia di migliaia di persone tutte in festa?
Famiglie, coppie, amici, anziani, tutti ma proprio tutti trovi all'Oktoberfest.
Sono partito di notte da Milano, 
con un pullman carico di 50 persone diretto a Monaco.
C'erano persone di tutte le età e di tutti i generi. Non mancavano coppie di fidanzati, amici e famiglie.
Dopo aver attraversato l'Austria, siamo giunti in Baviera.
Wow! Quanto verde in questa regione: alberi altissimi si innalzano ai lati dell'autostrada.
OKTOBERFEST: PROVARE PER CREDERESi ha la sensazione di essere proprio immersi nella natura.
Alle 8.30 arriviamo presso la zona dell'Oktober con la raccomandazione della nostra accompagnatrice di prendere posto in fretta in uno degli stand, perchè poi sarebbe stato pressochè impossibile.
Quanta verità in queste parole. Ci saremmo seduti solo una volta!
La zona che ospita l'Oktober, è enorme. Nella parte centrale ci sono gli stand (festhalle) dei principali birrifici tedeschi e tutto intorno un mega luna park allestito per l'occasione.
Parlare di stand però non rende l'idea. In realtà le dimensioni sono quelle che hanno in media i palazzetti dello sport.Quindi immaginatevi che dentro ognuno ci stanno almeno 6000 persone.
OKTOBERFEST: PROVARE PER CREDERE
Dopo 45 minuti di tentativi, prendiamo posto accanto a dei simpatici turisti di Asti, a 2 tedeschi e ad una vecchina del luogo.
OKTOBERFEST: PROVARE PER CREDERETale vecchina, alle dieci di mattina, ha già scolato una birra e si  appresta a mangiare un bel pollo tutta da sola.
Presto capiamo come funziona: una birra costa all'incirca 10 euro (mancia inclusa) con boccali da 1 litro; se vuoi mantenere il posto devi ordinare qualcosa non appena hai terminato la consumazione, altrimenti la tedescona cameriera senza mezzi termini ti caccia via.
Dopo un litro di birra, decidiamo di ordinare un bel pollo con patate e formaggi: una vera delizia, non pensavo.
Intanto l'alcol favorisce le amicizie ed in breve si chiacchiera cono tutta la tavolata, ma che dico, con tutta la fila di tavoli.
I brindisi si sprecano, e mi riscopro a saper parlare in 3 o 4 lingue che prima non conoscevo. Sarà l'effetto magico della birra?
Per essere il primo di ottobre, la giornata è decisamente estiva, così decidiamo di alzarci per fare 2 passi e trovare un pò d'ombra.
OKTOBERFEST: PROVARE PER CREDEREIntanto il parco del''Oktober si è popolato e la scena che ci si presenta dalla ruota panoramica è davvero impressionante: una fiumana di persone per le strade dell'oktober ed altrettante che non si vedono sedute negli stand.
Naturalmente non mancano le centinaia di bancarelle che vendono souvenir, cibi e magliette.
Vista la fame ( il pollo l'ho già digerito) decido di prendere nell'ordine: un bretzel gigante ( un tipo di pane tedesco), una mela ricoperta di cioccolato, una banana ricoperta di cioccolato e un gelato ricoperto di cioccolato.
Il tutto innaffiato da un pò di birra.
La birra prodotta dai vari birrifici è molto buona e devo dire anche molto leggera, per questo se ne può bere qualche litro senza sentire particolari effetti collaterali.
Non manca però chi ha bevuto troppo e si addormenta in mezzo alla strada ( pochi) o qualcuno che sdraiato su un isola pedonale, scrive messaggi alla fidanzata.
OKTOBERFEST: PROVARE PER CREDEREDimenticavo di dire che essendo una festa molto sentita ed iniziata nel 1810, la maggior parte dei tedeschi è presente con i vestiti tipici bavaresi.
Che dire? Un'esperienza da provare almeno una volta nella vita a qualsiasi età.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :