Magazine Cinema

Onibaba - Le assassine

Creato il 01 febbraio 2011 da Robydick
Onibaba - Le assassine1964, Kaneto Shindo.
Inizio al fulmicotone: 2 uomini in un canneto, fuggono da qualcuno, prede di una battuta di caccia. Dopo titoli di testa con musica jazz si passa a musica incessante, durante questa scena, da Kabuki, tamburi risuonanti eco con delle urla umane, il tutto è spaventoso e immediatamente si piomba in un'atmosfera da vita brutale e selvaggia.
Sono 2 cacciatrici. Per gli uomini non ci sarà pietà, saranno uccisi e gettati in un pozzo che fa da fossa comune, dopo essere stati spogliati di tutto. Uccisi per un sacco di miglio o riso, tanto paga il ricettatore, tanto occorre per sopravvivere. Si ha carne quando capita, un uccello dal canneto o un pesce dal fiume da arrostire. Il Giappone medievale è in guerra, 2 fazioni si contendono il regno ma sembra un tutti contro tutti. Le vittime erano 2 soldati in fuga, passati da una battaglia ad una trappola. Tornerà dalle donne un "loro" uomo, un vicino, non il loro figlio o marito.
Quel pozzo è il simbolo dell'animalità che insorge dalla profondità più nera dell'animo umano e della storia stessa dell'umanità. Umanità spazzata continuamente dal peso della violenza. Quel canneto mai domo, costantemente preda del vento, è una furia. Non c'è amore, solo sesso mascherato come tale, istinto irrefrenabile per la giovane donna e l'uomo superstite, non per questo meno caldo e sensuale. E' qualcosa che sopravvive alla barbarie.
E' la fede che cessa d'esistere. Dove i bisogni primari assillano non c'è spazio per il superfluo, però un legame rimane con lo spirito umano: la preoccupazione di comportarsi "correttamente", il senso di appartenenza alla terra e ad un disegno più grande governato da leggi naturali, il timore che arrivi un demone a punire. La donna più anziana farà leva su questo per non perdere la giovane a vantaggio dell'uomo. Un piano perfetto ma causa-effetto sarà implacabile, le si ritorcerà contro come nemmeno poteva immaginare.
Film di vita rasente la morte ad ogni istante. Non la trama è essenziale, ma le immagini, ed i suoni che le accompagnano.
Olimpo degli Olimpi. Magia pura d'un'arte non classificabile in occidente. Imperdibile!!!
Onibaba - Le assassine
Onibaba - Le assassine
Onibaba - Le assassine
Onibaba - Le assassine
Onibaba - Le assassine
Onibaba - Le assassine
Onibaba - Le assassine

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le "paroline"

    "paroline"

    I miei studenti si lamentano sempre di avere problemi con le PAROLINE italiane. Con paroline intendono sia le preposizioni ed i pronomi, sia tutte quelle... Leggere il seguito

    Da  Scuolasara
    CULTURA
  • Le osterie

    osterie

    A me piacciono gli anfratti bui delle osterie dormienti, dove la gente culmina nell’eccesso del canto, a me piacciono le cose bestemmiate e leggere, e i calici... Leggere il seguito

    Da  Pioggiadinote
    CULTURA, DANZA, PALCOSCENICO
  • Le fumerie

    fumerie

    D’OPPIO tra letteratura e realtà L'oppio è soprattutto conosciuto, per le sue virtù medicinali ma nell'antichità si usava anche nei riti magici. Veniva... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Le Vent.

    Fra cap’e collo, su Ponte Mollobada, te s’arza la sottanasta ariva’ la tramontanaFra cap’e colloSu Ponte MolloTiettelo stretto er foularinoNon è mica er... Leggere il seguito

    Da  Vix
    CULTURA, MUSICA
  • Le reve

    reve

    Spettacolo acquatico che si tiene nel teatro del Wynn.Io non ero mai stata ad uno spettacolo a Las Vegas, ma devo dire che la loro fama ha veramente ottime... Leggere il seguito

    Da  Mery12
    CULTURA, FOTOGRAFIA, LIFESTYLE
  • Le bistecche

    La cortina della nebbia era calata sul paese antico. Nel silenzio di intima quiete di una lunga sera d'inverno, sul lastrico del vecchio corso Soccini, risuonav... Leggere il seguito

    Da  Pinaimperato
    CULTURA
  • Le terra

    terra

    Senza immagine Dio vaga in paradisoma preferirebbe fumarsi un sigaroo mangiarsi le unghie, e così via.Dio è il proprietario del paradisoma agogna la terra, le... Leggere il seguito

    Da  Lulu
    CULTURA, PER LEI

Magazines