Magazine Cultura

Paolo Melissi, un napoletano a Milano

Creato il 02 febbraio 2011 da Pupidizuccaro

Milano senza vie di mezzoNon la solita guida di Milano, non lo sproloquio del primo “esperto” di turno sulla capitale economica dell’Italia. “Milano senza vie di mezzo” di Paolo Melissi (Editore Pendragon) si pone a metà fra i due poli. “Lo stimolo principale – racconta l’autore – è stata l’assoluta libertà che l’editore mi ha garantito. Così sono riuscito a scrivere di ciò che mi sta veramente sullo stomaco”. Articolato in un elenco di pagine “si” e “no”, il libro offre un’ampia panoramica dei mille elementi che vivono nella città. Otto le sezioni: Luoghi, Tendenze&Lifestyle, Cibarsi, Shopping, Arte&Cultura, Vita Notturna, Eventi, Protagonisti.

Gustosissime, com’è ovvio, le pagine “no”, che colpiscono soprattutto “la Milano di plastica, quella più appariscente, vistosa, rumorosa. La città delle griffe, del lifestyle, dello status symbol, della fuffa tutta forma e niente contenuto”. Alcuni esempi? La Settimana della Moda, la Milanesiana, i vernissage alla Triennale, il via vai in zona Duomo, le schicchissime via Montenapoleone e corso Como, certi locali e negozi, come Baci&Abbracci, Biffi, Dolce&Gabbana e tanti altri.

Celebrati nelle pagine “si”, invece,  tutti gli elementi che secondo l’autore rendono Milano “una  città malgrado tutto affascinante. Che nonostante il suo essere stramoderna, all’avanguardia, riesce a mantenere tante cose che rimandano ad un passato spesso dimenticato o semplicemente a stili di vita meno frenetici e più umani”. Come l’atmosfera, o la buona cucina, di alcuni locali – che l’autore indica con nome e indirizzo – o luoghi come il Castello Sforzesco, il quartiere Isola, o quell’angolo tra via Cappuccio e via Luini in cui si può ammirare nientemeno che una khatchkar, una lapide armena.

Ma la sezione più interessante è quella dedicata ai Protagonisti. L’autore promuove personaggi come Moni Ovadia, Vinicio Capossela, il graffitaro Marvin Crushler, Elio e le Storie Tese, ma anche i venditori dei mercati di zona e il vecchio milanese doc.

corrado fumagalli
Tutte da leggere le pagine delle stroncature. Il re del sesso nelle tv locali Corrado Fumagalli (nella foto). L’ “audace  e iperattivo vicesindaco”  Riccardo Di Corato, esperto di sgomberi, “con specializzazione nel settore campi nomadi e centri sociali”. Leone di Lernia, ovvero “il tamarro che avanza, che intende prendersi il suo spazio a colpi di pancia”, che ha fatto propria “l’estetica del buzzurro”. Alfonso Signorini, paragonata ad una vecchia zabetta, “pettegola” in milanese. Infine l’autore se la prende pure con la sciura milanese, la cui apparenza è tutta “rispettabilità, finto aplomb, sussiego, decoro”, convinta che “tutto le sia dovuto, di avere, per posizione ed estrazione, naturale precedenza rispetto agli altri”, e con il bauscia “che crede di saperla lunga”. “Il bauscia deve dire e fare (non sarebbe tale altrimenti), ma soprattutto dire, vantarsi, parlare più degli altri, tenere banco nella discussione, volgere quanto prima il discorso a suo favore o almeno in modo che lo metta in evidenza”.

Il libro è stato presentato giovedì 27 gennaio alla Feltrinelli di Corso Buenos Aires, a Milano. Interventi dell’autore e di Gian Paolo Serino. Paolo Melissi è un napoletano emigrato a Milano nel 1995. Blogger, redattore della rivista Bookshop, collaboratore della rivista “Sul romanzo”, ha fondato il Kommando McDonald’s, gruppo di esploratori urbani che scoprono la città tramite la scrittura e la fotografia. Alla sua seconda pubblicazione, il suo primo libro è MetroMilano, edizioni Historica. (Nino Fricano)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Paolo Tosti a Fano

    Paolo Tosti Fano

    Fano – Lo scultore Paolo Tosti per la “Giornata del Contemporaneo 2010” dell’AMACI di Paolo Maria Rocco, critico d’arte e curatore di Mostre d’Arte,... Leggere il seguito

    Da  Fasterboy
    ARTE, CULTURA
  • Cinque domande a Paolo Domeniconi

    Cinque domande Paolo Domeniconi

    Paolo Domeniconi nasce a Crevalcore in provincia di Bologna, “paese famoso per le rane e la nebbia” dice nella sua presentazione. Ha pubblicato con Mondadori,... Leggere il seguito

    Da  Centostorie
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Paga sempre Paolo

    Paga sempre Paolo

    Insomma, alla fine paga sempre Paolo i guai del presidente.Nel watergate all'italiana (i nastri Fassino Consorte), si arriverà mai al Nixon della storia?Va... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Paolo brosio fatti ricoverare

    Paolo brosio fatti ricoverare

    Abbiamo scoperto un altro unto del signore, dopo Berlusconi anche Paolo Brosio si autodefinisce "apostolo del cristo". Sky TG24 gli confeziona un servizio su... Leggere il seguito

    Da  Flyguyit
    SOCIETÀ
  • Milano downtown

    Milano downtown

    Azione pubblica e luoghi dell’abitaredi Massimo Bricocoli e Paola Savoldi et. al /edizioni pp. 288 cm 15 x 21 ISBN 978-88-6463-018-2Contributi di: Giovanni... Leggere il seguito

    Da  Catone
    CULTURA
  • L'antica Milano

    La fondazione della città di Milano viene normalmente fatta risalire attorno al VI a.C.per opera della tribù celtica degli Insubri. Secondo la tradizione... Leggere il seguito

    Da  Pierluigimontalbano
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • “Bambini bonsai” di Paolo Zanotti

    “Bambini bonsai” Paolo Zanotti

    Di Carlotta Susca “Bambini bonsai” di Paolo Zanotti - Ponte alle Grazie - non convince il lettore Definita “romanzo di formazione”, questa storia lo è anche,... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI