Magazine Arte

Parigi: Art is good for you

Creato il 30 giugno 2014 da Sara
Parigi: Art is good for youParigi: Art is good for youQualche ora nei quartieri "alti" del XVI° per far vedere all'amica Marina due luoghi che ritengo meritino. Il primo è la Fondazione Pierre Bergé-Yves Saint Laurent, (fermata al métro Alma Marceau) e il secondo, il Museo Baccarat. Nel piccolo curatissimo gioiello che è il luogo dedicato a Yves Saint Laurent, demiurgo innovatore della moda e dell'universo femminile, c'era la mostra "Femmes berbères du Maroc". Un'esposizione duplice: da una parte i manufatti, tappeti e tessiture, delle mani antiche e sapienti di queste donne che abitano il cuore montagnoso del Marocco, dall'altra i loro abiti quotidiani e festivi, cappe, copricapo, costumi, monili, oggetti conservati nel Museo Berbero del Giardino Majorelle a Marrakech, altro luogo assolutamente meraviglioso gestito dalla Fondazione che ho avuto la fortuna di visitare. (http://www.saranathan.it/2011/05/di-questi-intensi-quattro-giorni.html)
Parigi: Art is good for youParigi: Art is good for youParigi: Art is good for youParigi: Art is good for youA parte l'allestimento "magico", sfilavano costumi e parure che non hanno solo finalità funzionali e ornamentali, ma anche simboliche: l'abbigliamento è come un circostanziato biglietto da visita della condizione della donna, se nubile, sposata o vedova, il suo gruppo tribale di appartenenza, informazioni visive che dicono il suo posto in seno a una comunità. Fino all'arrivo del cotone all'inizio del '900, per vestirsi, le donne berbere hanno indossato per secoli solo la lana delle pecore dell'Atlas. Nel corso della storia, in Marocco come in quasi tutto il globo, sono sempre state le donne le garanti della perennità delle tradizioni e della lingua, loro quelle che hanno assicurato la salvaguardia dell'eredità culturale delle varie tribù.  Parigi: Art is good for youParigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for youParigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for youParigi: Art is good for youDistante neanche dieci minuti a piedi, il Museo Baccarat, notevole a vari titoli: 1- la sede espositiva, ovvero quello che è stato un tempo l'hôtel particulier della viscontessa di Noailles leggendaria figura della Parigi dell'intelligentzia. Come una Madame de Sevigné del '900, accogliendo pittori, scrittori, musicisti, personalità politiche, la sua casa e la sua ospitalità hanno funzionato da ambitissimo centro di cultura, fucina di idee, scambio e certamente mondanità.
Parigi: Art is good for youParigi: Art is good for youParigi: Art is good for youParigi: Art is good for youParigi: Art is good for you 2- la Maison Baccarat,  prestigiosa manifattura di lavorazione del cristallo in tutte le sue declinazioni, fornitrice da sempre di case reali, zar e maharajah,  che ha acquistato questo edificio per farne la sua sede direzionale e che con l'attuale esposizione celebra le creazioni più significative dei suoi  250 anni di storia. Si deve al re Luigi XVIII°  l'inizio della fama internazionale della Maison: in visita alla manifattura il sovrano ordina un servizio di bicchieri che sarà ammirato dalle teste coronate presenti alla sua tavola.
Parigi: Art is good for you 3- la firma del grande designer francese Philippe Starck. Fra grandi volumi e ambienti di fascino (rispettata integralmente la sala da ballo stile palazzo napoletano del XVIII° secolo con le boiserie rococò e il soffitto dipinto da un allievo del Tiepolo) Starck ha avuto carta bianca e certamente un bel gruzzolo per restaurare e rinnovare secondo le esigenze del committente questo luogo d'eccezione.

Parigi: Art is good for you

lo spazio "Alchimia" decorato dal pittore Gérard Garouste


Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
Al  numero 11, place des Etats Unis, la sede Baccarat propone le sue tre boutique con le varie collezioni attualmente in vendita, un ristorante dove ho sentito dire che fa molto chic mangiare, la sua Galleria-Museo con i pezzi più famosi sia per l'originalità della fattura che per il prestigio dei committenti. Si passa da testimonianze delle arti decorative secondo la sensibilità del momento storico a profili modernissimi firmati anche dal nostro Ettore Sottsass. Linee e forme purissime dove il cristallo diventa vera e propria architettura e, coniugando curve e linee, sembra giocare con la geometria. 
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
E poi non voglio fare quella che ha sempre il pallino dei "cessi", ma io un lavandino di quella forma, in rame o ottone non so, e delle applique così chic sopra la tazza del water, proprio non li avevo mai visti. Comunque anche Philippe Starck ama i bagni particolari perché ricordo che a Hong-Kong gli uomini facevano a gara per andare a fare la pipì al bagno dell'ultimo piano dell'hotel Peninsula rifatto dal designer francese. Invece di una normale finestra una parete tutta vetro che sembra proiettarsi direttamente in mezzo alla baia.
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
Le due visite in programma per il pomeriggio erano finite, ma strada facendo, al 19 di avenue d'Iéna, ci ritroviamo davanti all'insegna del Panthéon Bouddique. -"E qui cosa c'è?"- chiede Marina, - "E che ne so?"- rispondo-"Non ci sono mai stata". A ingresso gratuito e inaugurata nel 1991 da Jack Lang scopriamo che si tratta di un'appendice del favoloso museo di arti asiatiche Guimet, nel cortile interno anche un giardino zen e un padiglione del tè. L'annesso è situato nell'hotel particulier Heidelbach, dal nome del banchiere che l'ha fatto costruire a inizio '900. Conserva una collezione unica in Europa di 250 opere giapponesi raccolte da Emile Guimet nel corso del suo viaggio nell'arcipelago del Sol Levante nel 1876 a cui sono stati aggiunti anche delle sculture provenienti dalla Cina.
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you

Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
In epoca molto più tardiva rispetto alla figura storica e reale del saggio indiano Sakyamuni, colui che raggiungerà il Nirvana diventando il Buddha, "colui che ha conosciuto il risveglio", il fervore religioso e spirituale dei fedeli aggiungerà altre figure mitiche oggetto di venerazione, devozione e suppliche, forse la stessa funzione dei santi nella religione cristiana. Ho visto per la prima volta e mi ha colpito la figura di Kishimojin o Hâriti  che lavorando certo di fantasia mi ha evocato l'idea di  una Madonna asiatica con in braccio il suo Bambino. Ho letto che dipinta inizialmente come un'orchessa che divorava i bambini, grazie alla conversione rivolta al bene che il Buddha ha operato su di lei, si sarebbe trasformata nel tempo nella protettrice riconosciuta di madri e bambini.
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you
Per quel giorno basta cultura, urge decomprimere e un po' di superficiale leggerezza. Davanti alla Madeleine, una favolosa cascata di fiori blu, veri, mentre quelli di una vetrina di Dior sono rigorosamente rossi, finti e giganteschi,  ma l'effetto delle vetrine è bellissimo lo stesso. In rue Mazet vedremo poi una divertente insegna: "Art is good for you". "Sacré Paris!", non finisce mai di sorprendere, ma meno male che riparto, qui c'è troppo da vedere..
Parigi: Art is good for you
Parigi: Art is good for you


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • London Art Fair 2014

    London Fair 2014

    London Art Fair - internoStanchi della pioggia e del freddo? Afflitti dalla depressione post-natalizia? Allora è tempo di tirarsi su il morale alla London Art... Leggere il seguito

    Da  Vita Da Museo
    VIAGGI
  • Frozen Art

    Frozen

    Eccomi tornata! Non ho tempo di scrivere ultimamente sto studiando troppo;_;VI presento la mia ultima fan art di Frozen finita a stento tra un capitolo e... Leggere il seguito

    Da  Sarasenpai
    DISEGNI, LIFESTYLE, TALENTI
  • Pop Art Design, Barbican Art Gallery

    Design, Barbican Gallery

    Bocca sofa designed by Studio 65 (1971). Photograph: Alberto Peroli/BarbicanAlzi la mano chi non ha mia sentito parlare di Andy Warhol e Roy Lichtenstein,... Leggere il seguito

    Da  Vita Da Museo
    VIAGGI
  • Make up..is art!

    Make up..is art!

    In ogni epoca il trucco è stato utilizzato e inteso come un vero e proprio modo di comunicare. Ed ecco un viaggio indietro negli anni, in perfetto stile... Leggere il seguito

    Da  Harimag
    ARCHITETTURA E DESIGN, LIFESTYLE
  • Parigi - Non solo Louvre

    Parigi solo Louvre

    Nella lista dei musei più visitati al mondo il primo posto spetta inequivocabilmente al Louvre che dall'alto dei suoi novemilionisettecentoventimila visitatori... Leggere il seguito

    Da  Dede Leoncedis
    CULTURA, VIAGGI
  • Trend alert: modern art

    Trend alert: modern

    Con queste giornate meravigliose e con la primavera alle porte è arrivato il momento di iniziare a scoprire tutti i trend della prossima stagione. Leggere il seguito

    Da  Colorblock
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Art Dubai 2014

    Dubai 2014

    Aspettando le milanesi, Miart e Step, mentre prosegue il successo del Tefaf di Maastricht (http://www.tefaf.com/), della quale si narrano cose mai viste... Leggere il seguito

    Da  Roberto Milani
    ARTE, CULTURA