Magazine Cultura

Perché non lo facciamo per la strada?

Creato il 31 maggio 2014 da Zambo
Perché non lo facciamo per la strada?
La data ufficiale di pubblicazione è il 21 giugno, primo giorno d'estate, ma l'eBook è già disponibile in anteprima su Amazon, Book Republic, Ultima Book. 
Per la versione cartacea bisognerà attendere la data ufficiale (i negozi che intendano ordinarla possono scrivere a questo indirizzo). 
Perché non lo facciamo per la strada racconta di quando il rock’n’roll era la colonna sonora e la cultura di una generazione di giovani, dai juke-box, i mangiadischi, i 45 giri dei Rokes, i riff di chitarra di Louie Louie, Wild Thing, Smoke On The Water e Cocaine, la vexata quaestio Beatles o Rolling Stones, le radio libere, Londra, i mod e i rocker, i concerti, i negozi di dischi, i vinili, le etichette multicolori e le copertine che si aprivano dei long playing, le cassette C90, le riviste, le interviste, il cinema, i miti di Springsteen, Belushi e Willy DeVille, il punk, le groupie, le canzoni d’amore e quelle di sesso, in un lungo affascinante viaggio fino ai giorni nostri, nel racconto di Blue Bottazzi, il più giovane cronista del Mucchio Selvaggio, la più autorevole rivista nazionale di rock. La storia di una o due generazioni che non si sono ancora arrese.
31 capitoli ad alta gradazione rock, due extra ed una quantità di decaloghi musicali.
Indice:Prefazione (di Paolo Vites)Salvato dal R&RAbbiamo un riffLa radio Beatles o Rolling Stones?LondraTeddy Boys ParoleConcerti Classifiche Doppi dal vivo C9045 giri JazzQuestione di etichetta Secondo ascolto Punk InitiationIl Mucchio Selvaggio Guida spirituale John BelushiCinemaDoppi in studioInterviste Il successo Il boss e il pirata The Big EasyIl vinileLe donne del rock MediocriPerché non lo facciamo per la strada?Canzoni d’amore e di sesso Shepherd Bush 
Extra: Il rock del 2000 Little Italy 
Decaloghi:10 canzoni per un party perfetto nei seventies10 grandi riff di chitarra10 sigle per una trasmissione radio 10 canzoni sulla radio 10 Beatles e Rolling Stones10 canzoni su Londra New Wave Essentials 10 cantautori 10 grandi bis i 10 dischi rock più amati in Italia i leggendari dischi dal vivo10 canzoni da ascoltare on the road 10 singoli10 dischi fra jazz e rock le 10 copertine più belle10 dischi da ascoltare (almeno) due volte l’albero genealogico10 must have i dischi del 197810 dischi Soul10 film rock 10 grandi dischi doppi 10 grandi libri rock 10 outsider10 dischi di Bruce & Willy 10 dischi dalle parti di New Orleans 10 grandi vinili10 canzoni di groupie10 pezzi facili 10 dischi del mio cuore 10 dischi per Miss E 10 dischi dal cuore spezzato 10 dischi dei sobborghi 10 dischi per gli anni 2000
Blue Bottazzi nacque nel 1978 sulla copertina di Blue Valentine di Tom Waits, quando, dopo aver considerato di battezzarsi Valentine, decise per Blue, che è il singolare di blues. Giovane cronista nel Mucchio Selvaggio, la più autorevole rivista italiana di musica rock, si ritagliò un seguito con lunghi epici articoli su Springsteen, Tom Petty, DeVille, Graham Parker, Greg Kihn e altri. Pubblicò occasionalmente anche su altre riviste come Rockerilla, Feedback, Suono, Jam e inventò la fanzine Texas Tears che negli anni si è trasformata nel blog Beat. È l’autore di una corposa, ambiziosa e romanzata storia del Rock, intitolata Long Playing. Troppo stonato per poter diventare un musicista, anglofilo, motociclista vintage in giacca di pelle, vive a Woodstock Valtrebbia, si definisce cronista musicale e adora la musica rock e la musica jazz.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog