Magazine Cultura

Periferia IV

Creato il 01 luglio 2011 da Watanabe
Dagli Ace of Base alla discoteca il passo è lungo.
In ogni neo-adolescente rispettabile prima o poi arriva la scoperta del rock. Ad un certo punto scopri un mondo di suoni e musica che prima non faceva parte della tua vita. Se questa scoperta non arriva è giusto preoccuparsi. La probabilità di diventare un divertente tamarro di periferia aleggia fortemente su di te. Ringrazio un Dio a caso, per avermi fatto sentire il suono delle chitarre e aver scacciato via quel pericoloso destino fatto di occhiali catarifrangenti, vestiti aderenti, musica assordante e tutta una serie di manie e fisse discutibili.Io lo posso dire, alcuni di voi no. Io non ho mai avuto le Buffalo
Periferia IV
All'epoca spaccavoìano di brutto fra i 15enni coglioni. Erano le scarpe più brutte mai prodotte dall'uomo e costavano pure tantissimo. Io non ce l'avevo ed ero un po' sfigato per questo. Alla luce di ciò avrete capito che non frequentavo la gente giusta. Non ancora. Mi sono perso. Torno al punto di partenza.La scoperta del rock. Tutto ad un tratto sparirono dalla mia testa gli Ace of Base e le varie Hit Mania Dance Estate e arrivò il fenomeno Nirvana. Con grande ritardo scoprivo Kurt Cobain, il Grunge, la depressione e il suicidio con fucilata in testa. Il biondino di Seattle era solo l'inizio, c'era tutto un mondo da scoprire ed era tutta roba incredibile.In quegli anni però bisognava prendere una posizione (almeno dalle mie parti), il Brit Pop e i nuovi idoli targati Regno Unito non ammettevano scelte multiple. Oasis Vs Radiohead. I moderati erano per i fratelli Gallagher e gli alternativi per Thom Yorke e soci. Di musica non ci capiva un cazzo nessuno, ma era come votare a destra o sinistra. A 18 anni voti ma non ti fai molte domande.Io all'epoca Oasis tutta la vita, in piena adolescenza non avevo voglia di esser triste, già c'erano i coglioni con le Buffalo se ci aggiungevo No Surprises era la fine. Intanto gli anni passano, il fisico cambia e la discussione musicale si sposta sul passato. E' il momento degli anni '70. Lì tutti i gruppi vanno bene, perché sono tutti troppo meglio. Fanculo il presente, è Woodstock la nuova mecca spirituale. Era una gara a chi ne sapeva e ascoltava di più, internet non c'era (almeno a casa mia) e la cultura te la facevi a forza di libri, speciali su MTV e dischi masterizzati. Se avevi i soldi te li compravi, ma chi ce li aveva i soldi?! (intanto avevo cambiato amici)Si parlava di tanti gruppi, chitarristi mondiali, cantanti drogati, e quando la discussione si faceva accanita si finiva sempre per tirare fuori lui. Frank Zappa. Parlare di Zappa faceva molto spocchia, era da intenditori e tutti ne parlavano un gran bene. Frank lì, Frank là, è un mito, ha fatto questo e quello. Ok ma diciamocelo: ma chi cazzo l'ascoltava Frank Zappa? Tutti a parlarne ma alla fine non se lo inculava nessuno. Povero Frank si meritava meno parole e più dischi comprati.Dopo gli anni '70 sapete anche voi cosa c'è. Purtroppo si. Il Metal. Ragazzi ve lo giuro io ci ho provato, ho ascoltato tutto quello che c'era da ascoltare. Perdonatemi. A me gli assoli di 5 minuti, gli urli, i rimandi satanici e quant'altro mi fanno profondamente cagare. 
L'arrivo del Metal segna nuova svolta. I capelli lunghi, gli anfibi, il giacchetto di pelle, le Tshirt dei Metallica e tutto rigorosamente nero. D'inverno hai freddo e d'estate hai caldo. Mai una ragazza e quando c'erano era un qualcosa di veramente lontano dal mio concetto di donna affascinante.Allora ho provato con il Punk.
Ho abbandonato subito.
Non ero tagliato per la vita da Punk. Odiavo vestirmi da poveraccio, bere vino terribile alle tre del pomeriggio e vomitare mezz'ora dopo. La musica non era così trascendentale, e ad eccezione di qualche gruppo mi sembrava tutta uguale. Intanto fiorivano tutte queste cover band improvvisate dove l'importante non era suonare ma essere Punk. Io non lo ero.
Quindi.Fanculo il Punk. Fanculo il Metal. Fanculo le cover band. Avevo scoperto il Cinema, Bob Dylan, Sinatra e un sacco di roba non schierata. Mi vestivo come cazzo mi pareva ed avevo abbandonato diversi gruppi di amici. Ero tornato all'ovile agli amici storici, quelli di paese che se ne fregano delle convenzioni sociali e vogliono divertirsi. Avevamo la macchina e avevamo scoperto la discoteca, musica brutta e fastidiosa, ma c'era una cosa che il Metal non aveva e che in quegli anni contava più di tutto. Non era certamente l'ecstasy.
Conclusione:Se non avete mai ascoltato All That She Wants non potete capire gli anni '90.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Siamo gli uomini vuoti IV

    Siamo uomini vuoti

    Gli occhi non sono quiQui non vi sono occhiIn questa valle di stelle morentiIn questa valle vuotaQuesta mascella spezzata dei nostri regni perdutiIn quest'ultim... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • IV mese di spaziokultura

    2500 click, 40 commenti: ecco i numeri del IV mese di spaziokultura. Numeri che raccontano di un blog vivo grazie all'interazione con gli utenti che lo hanno... Leggere il seguito

    Da  Spaziokultura
    CULTURA
  • 27 aprile-1 maggio 2011: BEN HUR Una storia di ordinaria periferia

    aprile-1 maggio 2011: storia ordinaria periferia

    BEN HUR Una storia di ordinaria periferiaDi:Author: Gianni Clementi Scene:Set: Francesco Montanaro Costumi:Costumes: Isabella Rizza Regia:Director: Nicola... Leggere il seguito

    Da  Sarettacecia
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • Periferia IX

    E' venerdi notte, sono rientrato alle 2, ma non ho sonno. Leggo Blankets. Lo finisco. Oggi è sabato, e scrivo questo post sull'onda della graphic novel di... Leggere il seguito

    Da  Watanabe
    CULTURA
  • Periferia VIII

    Periferia VIII

    L'Italia è un giardino di cemento.Giorni fa a casa mia, il campanello suona. E' un uomo sulla 50ina che non conosco. Esco fuori per sentire cosa vuole.E'... Leggere il seguito

    Da  Watanabe
    CULTURA
  • Periferia VII

    Quando facevo il commesso in videoteca. Scuse, frasi tipiche, e fauna locale.Un classico intramontabile.-Ciao, scusami, volevo.. sai volevo un film per un... Leggere il seguito

    Da  Watanabe
    CULTURA
  • Periferia VI

    Erano le 3 del mattino, ed ero appena arrivato a casa. Prima di entrare, un piccolo boato nelle vicinanze attirava la mia attenzione. Forse un incidente,... Leggere il seguito

    Da  Watanabe
    CULTURA