Magazine Musica

PHURPA, Mantras Of Bön

Creato il 04 settembre 2014 da The New Noise @TheNewNoiseIt

Phurpa

E così, dopo la Brave Mysteries, il collettivo russo dei Phurpa finisce nelle oscure grinfie della polacca Zoharum. Attivo dal 2007, sostanzialmente la sua proposta musicale si può assimilare a una sorta di drone-vocal, ispirato dal mistico e sacro rituale del mantra Bön, secondo l’antica tradizione buddista del lontano Tibet, il tutto accompagnato anche da strumentazione di quei luoghi.

È risaputo: il ghiaccio secco rimane a quote basse perché è più pesante dell’aria. Per questo, se proprio bisognasse dare delle coordinate al sound di questi schizzati pseudomonaci, si potrebbe scrivere che i loro drone, per quanto sono intensi e stratificati, starebbero sotto all’anidride carbonica nel corso del suo processo di brinamento. Questi mantra religiosi e interminabili, però, alla lunga rischiano di annoiare, ma per nostra fortuna i Phurpa ci vengono incontro –solo per la versione live – attraverso la vocalist d’eccezione Alissa Nicolai. La sua performance inconsueta – isterica e demoniaca – rende il rituale quantomeno ascoltabile e più fascinoso, avvicinandolo a certe litanie di Satana di Diamanda Galas. L’album, dunque, è un concentrato, una pozione magica composta da brani rivisitati e registrazioni di performance tenute a San Pietroburgo, Mosca e Berlino qualche anno indietro.

Quei poveracci degli umani, in fin dei conti, sono solo delle antenne che, simultaneamente, ricevono e trasmettono strani impulsi o frequenze elettromagnetiche. Ascoltando uno dei tanti mantra Phurpa – sempre se avete un buon apparato radiotrasmittente – c’è il serio rischio di entrare in un profondo stato di meditazione, per poi risvegliarsi all’interno di un tempio buddista, vestiti d’abito color arancione, ceri accesi e antichi manoscritti sparsi un po’ ovunque. Se, invece, la vostra parabola disfunziona, potreste mettervi in contatto con spettri maligni o perfino risvegliare quelle entità metafisiche – anche dette Tulpa – tanto care a Federico Zampaglione (Tiromancino).


Share on Tumblremailprint

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • PALLBEARER, Foundations Of Burden

    PALLBEARER, Foundations Burden

    Profound Lore è una label indipendente cui piace mescolare stili e porre l’attenzione sulle sfumature. Le tonalità si sovrappongono, ma sono parte di un unico... Leggere il seguito

    Da  The New Noise
    MUSICA
  • Best of 2014

    Ecco i 30 dischi scelti tra quelli recensiti da IYE nel corso del 2014: ogni collaboratore ha segnalato i tre lavori migliori che ha avuto modo di descrivere. Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    MUSICA
  • Best of STEFANO CAVANNA

    Best STEFANO CAVANNA

    L’approssimarsi della fine dell’anno come sempre spinge a fare dei consuntivi e, talvolta, si rivela utile per tirare le somme di ciò che è accaduto oltre... Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    MUSICA
  • My best of 2014

    best 2014

    Finalmente posso iniziare diversamente questo MY BEST OF THE YEAR, contrariamente agli ultimi anni il 2014 ha regalato (si fa per dire) ottimi dischi e splendid... Leggere il seguito

    Da  Maurozambellini
    CULTURA, MUSICA
  • Recensione - STORY OF JADE

    Recensione STORY JADE

    Loony BinBlack TearsC'è del talento negli Story Of Jade, un talento finissimo, rafforzato da idee ed inventiva. Il tutto viene frullato in un insieme di classe... Leggere il seguito

    Da  Themetalup
    MUSICA
  • Risk of Rain – Recensione

    Risk Rain Recensione

    Recensione del 08/03/2014 PC TESTATO SUPC Genere: Avventura, Azione, Piattaforma Sviluppatore: Chucklefish Produttore: Chucklefish Ltd. Leggere il seguito

    Da  Videogiochi
    GADGET, TECNOLOGIA, VIDEOGIOCHI
  • Taste of Tanzania 26

    Taste Tanzania

    Col collo curvo,aspettando la morte.Grigio avvoltoio. Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI

Magazine