Magazine Società

Pietro Micheli a Verona

Creato il 11 aprile 2011 da Leone_antonino @AntoniLeone
Pietro Micheli a VeronaPubbliche Amministrazioni: riforma o controriforma? è il tema dell’incontro organizzato dal Partito Democratico di Verona che si terrà giovedì, 14 aprile, alle ore 18,30 presso il Liston 12, piazza Bra, di Verona.Modera l’incontro Vincenzo D’Arienzo, segretario provinciale del PD di Verona.I relatori sono: - Prof. Pietro Micheli, Docente Gestione della performance ed ex membro CiVIT;- Davide Zoggia, Responsabile Nazionale Enti Locali; - On. Oriano Giovannelli, Presidente Forum Riforma PA; - Antonino Leone, Responsabile PA del PD Verona.Interverranno all’incontro: Paolo Tovo, responsabile Enti Locali PD Verona, Stefania Sartori e Diego Zardini, capi gruppo al Comune di Verona ed alla Provincia, Franco Bonfante e Roberto Fasoli, consiglieri regionali del Veneto.Nell’incontro verrà presentata la ricerca sullo stato di attuazione del D. Lgs. n. 150 del 2009 negli enti locali della Provincia di Verona e la proposta del PD di Verona per migliorare la performance dei comuni veronesi. L’incontro riveste molta importanza per gli argomenti trattati (riforma delle PA, enti locali, lo stato dei comuni veronesi), per la qualità dei relatori che rivestono responsabilità di primo piano nel processo di cambiamento delle Pubbliche Amministrazioni e per la concretezza dei contenuti che verranno esposti. L’evento interessa i cittadini veronesi che sono i beneficiari dei servizi locali per il ruolo partecipativo che dovranno assumere nel contesto locale e gli amministratori locali al fine di attuare i cambiamenti necessari per migliorare la performance dei comuni.
Pietro Micheli risponde ad alcune domande che gli ho posto sui comuni.

Basta la sola intuizione agli amministratori locali per migliorare la performance dei comuni?
E’ importante che gli amministratori locali utilizzino le loro capacità e la loro intuizione insieme a un approccio più sistematico a favore del miglioramento dei servizi pubblici. Pianificazione, misurazione, valutazione e risoluzione dei problemi (problem-solving) sono quattro aree che possono essere di grandissimo aiuto agli amministratori, soprattutto in presenza di risorse scarse.
Quali strumenti manageriali i comuni devono introdurre per far funzionare la struttura organizzativa e per migliorare i benefici a favore dei cittadini?
Innanzitutto, un comune deve essere capace di articolare un piano strategico (o “piano delle performance”) che articoli le modalità e i soggetti che possono contribuire all’erogazione efficiente ed efficace dei servizi pubblici. Per rendere concreto il piano strategico, il comune può dotarsi di un sistema di misurazione attraverso il quale potrà anche comprendere lo stato di avanzamento dei propri lavori, confrontare le proprie performance con quelle di altri comuni (e non solo), e utilizzare le proprie risorse in modo più sostanziato. A questo seguirà un sistema di valutazione, a livello organizzativo e individuale, per identificare gli eventuali scostamenti dai risultati attesi e per erogare premi (o sanzioni) quando possibile. Infine il comune potrà usare degli strumenti semplici e ampiamente collaudati per attivare cicli di “miglioramento continuo”. C’e’ da ricordare, comunque, che l’utilizzo di questi strumenti e approcci deve essere accompagnato da comunicazione, coinvolgimento e formazione di soggetti (stakeholder) esterni (cittadini, imprese, organizzazioni no profit, ecc.) e interni: sono questi a rendere ogni miglioramento possibile.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

COMMENTI (1)

Da Gi Lab
Inviato il 05 luglio a 17:14
Segnala un abuso

.. e così fu che un gruppo di cittadini democratici li prese sul serio ...

http://petizionepubblica.it/PeticaoVer.aspx?pi=eticvr11

http://spaziocivico.blogspot.com/2011/06/petizione-per-ladozione-del-codice.html

Magazine