Magazine Diario personale

pioggia

Da Madhouse @serenamadhouse
...sono distratta e me ne dispiaccio, ho occhi solo per immergerli in riviste, voi sapete che le riviste (di moda, ma anche, all'occorrenza, di qualsiasi altra cosa) sono la mia facile via di fuga... cosa avrei fatto (e come farei) in tanti momenti di ansia (a volte, l'ammetto, di stupida ansia)a sopravvivere senza le mie riviste illustrate?!?
La testa invece viaggia tra passato, presente e un futuro che non si realizzarà mai, perchè oramai mancano gli attori, la sostanza volatile e materiale...e poi perchè, cosa più importante, mi interessa di più il presente che, non sarà perfetto, ma mi piace e non vorrei cambiarlo...
Piove ininterrottamente da ieri sera, che sono uscita coi miei genitori, che noi tre da soli è cosa assai rara. E ancora più preziosa  è che ieri sera siamo riusciti a NON battibeccare nemmeno un po' (da scrivere in grassetto sul calendario..)!!!
Tornata a casa dopo qualche settimana, per motivi che sanno di autunno e foglie marce, le frivolezze le metto momentaneamente da parte. 
Ieri il mio babbo e io abbiamo accompagnato per il suo ultimo viaggio terreno il suo babbo e mio nonno, dopo circa 13 anni che non c'è più. Legno scuro lucido e il rendermi conto che mio nonno non è là dentro ma...nelle cose belle e giuste che ha fatto e che mi ha insegnato.
Tornare a casa e camminare nel mio paese che mi saluta, quanta gente che conoscevo ieri mattina per strada, faceva un certo effetto, a Pescia non conosco nessuno, quando cammino per strada sono invisibile e a volte vorrei esserlo davvero, ieri pensavo  che era bello tornare e vedere che per qualcuno esisto e valgo un saluto...
Tornare  a casa e fare colazione con pane fresco e caffè d'orzo, e trovare Cenerino nella mia coperta viola che sembrava un involtino primavera, beato lui...
ma apprendere anche che un mio compagno di scuola (elementari e medie), è andato a morire a Barcellona, dopo l'ennesima fuga da casa... E allora per un momento il presente si  cancella, e tornano alla memoria certe mattinate di novembre, coi marciapiedi gonfi di foglie secche, il grembiule blu, il colletto coi fiori celesti ricamati, la cartella di cartone  rossoblu (regalo della zia Carla  per rendere meno amaro quello che la scuola rappresenta: la fine della vita libera e selvaggia)e il piumino arancione della Upim che mi ci si sentivo una palla ma era tanto caldo . 
E, in mezzo a tanti altri,  quel bimbetto antipatico e pestifero, che non ho mai sopportato ma che infondo non lo faceva apposta, come invece  altri che, antipatici erano e antipatici resteranno ad eternum, la sua indole era quella e con quella è arrivato alla fine precoce della sua vita, libero e selvaggio forse avrebbe dovuto vivere, come  tanti altri che la "civilizzazione" ha distrutto.
Dicono infine  gli "adulti" (quelli che già lo erano quando noi eravamo solo dei bimbetti col potere assoluto dei bimbetti di poter fare di se stessi e della propria vita qualsiasi cosa, peccato capirlo tardi e peccato che poi comunque qualcuno  o qualcosa ci sbarra la strada con la storia del dover crescere)"oggi i suoi genitori piangono ma domani vivranno con un peso in meno". 
Io non lo so e nemmeno voglio saperlo.
Sarò figlia per sempre, e per me è già abbastanza impegnativo.
pioggia
Rincorrere fantasmi di presenza
su larghe pieghe d'immobilità di affetti
vuoti ricordi di volti e gesti ed allegrie
su cui pieghiamo il capo dolce evocando
tempi ormai remoti per sentirci addosso 
viva la pelle della nostra placida esistenza.
frammento dalla lirica "SOLITUDINE" tratta dal libro AI MARGINI DEL TEMPO, del mio zio Giovanni Sbrana

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Dopo la pioggia,rose ancora

    Dopo pioggia,rose ancora

    Il giardino non conosce soltanto momenti di sole.E' esposto alle tempeste,alla pioggia , ha una bellezza fragile che si deteriora in un attimo.Il giardiniere è... Leggere il seguito

    Da  Ritarossa
    DIARIO PERSONALE, FAI DA TE, TALENTI
  • Pioggia

    Pioggia

    Se in questi giorni avete guardato un telegiornale a caso avrete di certo sentito (e visto) quanto la mia Toscana sia stata flagellata dalla pioggia e di come,... Leggere il seguito

    Da  Valentina
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • FEDERICO GARCIA LORCA, Pioggia

    FEDERICO GARCIA LORCA, Pioggia

    La pioggia ha un vago segreto di tenerezza una sonnolenza rassegnata e amabile, una musica umile si sveglia con lei e fa vibrare l'anima addormentata del... Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Tu non scegli la pioggia

    scegli pioggia

    Anastasia IvanovaIo, una volta, ho avuto la fortuna di provare come certi capelli, completamente arruffati, cadendo come un sipario sulla mia pelle, provocasser... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Pioggia – Prima parte

    Pioggia Prima parte

    Oggi ho voglia di parlarvi di Cefalonia, uno dei miei argomenti preferiti.. E, questa volta, mi servirò anche del quadernino che avevo con me quando siamo... Leggere il seguito

    Da  Spiaggepiubelle
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Pioggia – Seconda parte

    Pioggia Seconda parte

    E’ mattina presto, la nottata è passata, è andata, ma la pesante situazione atmosferica non è minimamente cambiata. Il cielo è scuro di nubi arrabbiate. Leggere il seguito

    Da  Spiaggepiubelle
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • I chicchi di pioggia.

    E’ una giornata umida di pioggia, sbagliata e fuori posto per essere il giorno ventidue aprile 2013, anche se si usa dire, che in Aprile “ogni giorno è un... Leggere il seguito

    Da  Gattolona1964
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, RACCONTI, TALENTI

Dossier Paperblog