Magazine Sport

Podismo: Francesca Canepa, la regina delle ultramaratone alla Royal Half Marathon

Creato il 11 dicembre 2013 da Sportduepuntozero

Francesca CanepaPer la maggior parte della gente la mezza maratona è una prova lunga e impegnativa; per Francesca Canepa, gli stessi 21,097 km sono poco più che una scampagnata. Non potrebbe essere altrimenti, per un’atleta abituata a correre decine e decine (se non centinaia) di kilometri senza fermarsi, magari in montagna, con grandi dislivelli e su strade sterrate. Domenica mattina l’“ultramaratoneta” della Trailrunning Team Vibram ha partecipato alla Royal Half Marathon, l’evento podistico organizzato da “Il Giro d’Italia Run” tra piazza Vittorio e la collina di Superga. È arrivata seconda in 1 ora, 28 minuti e 58 secondi, preceduta soltanto dall’etiope del Cus Torino Abera Tarikwa Fisseha. “Per me è stata una gara di velocità” ha dichiarato con un sorriso a fine gara, “ho partecipato apposta per abituare le gambe a ritmi più sostenuti, in vista della 100 km di Hong Kong cui parteciperò tra un mese circa. Tornando alla prova di oggi sono soddisfatta e mi sono divertita, il percorso misto di asfalto, erba e sterrato è molto carino”.

La vocazione di Francesca per lo sport è uscita allo scoperto immediatamente, quella per la corsa e per le lunghissime distanze molto più tardi: “sono stata atleta sin da bambina; prima nella danza, poi nel pattinaggio, infine nello snowboard, disciplina in cui ho vinto diversi titoli nazionali, tra Campionato e Coppa Italia”. E dopo una lunga pausa dalle competizioni, tra il 2000 e il 2010, la decisione di lanciarsi nello sci di fondo: “ho scoperto questa passione per le prove di durata, quindi presi parte alla Marcia del Gran Paradiso da 45 km; arrivai alla fine senza problemi e il mio maestro di sci mi suggerì di dedicarmi alla corsa, che avevo sempre scartato perché mi sembrava noiosa”.

Quindi la prima gara, il 2 maggio del 2010: “per iniziare affrontai una 26 km” racconta come se niente fosse la 40enne di Courmayeur, “e senza alcun allenamento la terminai tranquillamente. Così decisi di sperimentare una maratona la settimana dopo; impiegai 3 ore e mezzo circa e siccome non avevo problemi al crescere della distanza mi buttai negli ultratrail e nelle megamaratone; quelle sono le prove in cui mi trovo più a mio agio”.

Le imprese più incredibili sono i due successi nelle ultime due edizioni del Tor des Geants, una corsetta di 330 km e 22 mila metri di dislivello complessivo. “Si incontrano difficoltà a livello mentale più che sul piano fisico. Credo che una buona preparazione debba comprendere gare lunghe, per abituarsi a ore di solitudine e adattare le gambe allo sforzo prolungato. Come allenamento niente di straordinario, corro un’ora e mezza al massimo; in questo periodo sto apprezzando la strada, utile per acquisire un po’ di velocità”. L’unica cosa che Francesca Canepa può ancora migliorare; tutto il resto ce l’ha nel dna.

Luca Bianco

Guarda dove praticare Podismo e corsa a Torino e dintorni


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog