Magazine Arte

Pop critico

Creato il 13 novembre 2014 da Artesplorando @artesplorando

Pop critico

Errò, foodscape

Con il trionfo della pop art, appaiono opere "deviate" e di derisione che prendono le stesse forme di quest'arte. Si sviluppa allora, negli Stati Uniti e sopratutto in Europa, una critica interna tanto del repertorio di immagini quanto della neutralità ideologica della pop art. Così nelle opere di Oyvind Fahlstrom, Richard Hamilton, Wolf Vostell, Errò e come nella prima generazione erede del movimento (Bernard Rancillac, Hervé Telemaque, il gruppo Equipo Cronica), il vocabolario semplice, la visualità affermata, la figuratività emblematica sono manipolati, modificati a favore di una politica denunciatrice, che ritrova la sovversione di certe immagini emblematiche.Quindi si può dire che nel momento stesso in cui la pop art si arricchisce di possibilità formali e iconografiche aprendosi a molteplici varianti (artisti come Warhol, Ruscha o Lichtenstein se ne serviranno per ridinamizzare la loro creazione mediante una sovversione interna), segna la sua la sua stessa fine. Il soffio potente della pop art si esaurisce nelle modulazioni delle pop art(s) che trasformano la sua natura. Positivo e vivace, viene meno sotto l'effetto del tempo e della storia. Volutamente reattivo e superficiale, soffre dell'aggiunta di uno spessore supplementare, che lo condanna. Nel 1966, nel momento in cui raggiunge il suo pieno sviluppo, la pop art come movimento vivo si indebolisce, l'energia si trasforma in stile, in manierismo, i principali artisti operano un ritorno su se stessi: alcuni decideranno di riprendere la scrittura, considerata un medium specifico, altri inaugureranno un nuovo capitolo della loro carriera. L'impulso pop è cessato lasciando il posto a una costellazione di movimenti derivati che reintrodurranno la narrazione e la critica al centro della pittura figurativa.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazines