Magazine Società

Qualcuno con cui riderci sopra

Creato il 29 gennaio 2011 da Tnepd
Qualcuno con cui riderci sopra Mi si perdonera’ se per quest’uomo (il primo a sinistra nella fotografia) non riesco piu’ a provar altro che simpatia.
Nuova linfa all’idillio e’ fornita dalle trascrizioni integrali delle conversazioni in cui alcune delle sue concubine gli danno del ‘culo flaccido’ e del ‘vecchio pirla che deve cacciare la grana’. Una spruzzata di tabasco sulla carne viva, parrebbe. Persino taluni tra i suoi piu’ acerrimi detrattori abituali cominciano a dipingerlo come un anziano illusosi di piacere, di essere amato. Attendono con le unghiette conficcate nella scrivania che il vecchio crolli psicologicamente, che ne esca distrutto nell’amor proprio. Sono fuori strada, come al solito non hanno capito ‘na mazza perche’, come al solito, non riescono ad uscire dal loro punto di vista.
Ormai e’ notorio che il Silvio di mignotte ne ha conosciute una caterva nella vita. Un puttaniere della sua caratura, uno che ha decenni di carriera ad alti livelli alle spalle - e azzarderei almeno 4000 tacche sulla carlinga - sa che ci sono le puttane buone e quelle cattive e sa che le cattive, tra loro, parlano cosi’ proprio dei clienti migliori per almeno tre ragioni: in primis per dissuadere la concorrenza (dall’altro capo del telefono c’e’ una che contende lo stesso bottino); in secundis per deontologia professionale, ossia per motivarsi a non deludere anche i clienti che pagano meno perche’ affezionarsi ad uno e’ bene, ma diversificare il portafoglio e’ l’ancora di salvezza e questo una mignotta lo sa; in tertiis per sciacquarsi quella parte di utero che anche i detergenti intimi piu’ efficaci non riescono a raggiungere. Al diavolo le cattive, una persa cento trovate.
Sono le buone quelle che contano. Ce n’e’, ma un’esigua minoranza. Quelle buone sono rarissime e quindi molto preziose. Tanto preziose che, a ben vedere, non hanno prezzo. Al Silvio auguro di averne trovata almeno una di queste con la quale rintanarsi sotto le coperte e ridere sopra a tutto il resto, per davvero.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine