Magazine Attualità

Quale sarà il destino del Popolo della Libertà?

Creato il 26 settembre 2013 da Retrò Online Magazine @retr_online
destino, popolo della libertà, Pdl, Berlusconi

Photo credit: Eddypedro / Foter / CC BY-SA

Il destino del “fu” Popolo della Libertà, e in generale dell’intero  centrodestra italiano, è appeso ad un filo di lana. Lo stesso flebile filo a cui è appeso il destino del suo leader maximo. Non poteva essere diversamente:  Berlusconi è stato per vent’anni al centrodestra così come il centrodestra è stato per vent’anni al suo fondatore. Forza Italia prima, il Pdl poi, e Forza Italia di nuovo, non sono state e non sono che semplici sigle, bandiere, feticci nati da una costola del Cavaliere e destinati a sopperire con lui. L’intuizione del cosiddetto “partito di plastica”,improntato ad una gestione manageriale ed imprenditoriale,  che Berlusconi ebbe alla sua discesa in campo,  ha sicuramente funzionato, e forse, vista l’imprevedibilità della politica italiana, funzionerà ancora. Di fronte al disfacimento di un sistema politico giudicato corrotto, mafioso e scialacquatore, il Cavaliere nell’ormai lontano ’94 ebbe un’intuizione sicuramente geniale e affascinante: utilizzare soltanto e al meglio le proprie indubbie capacità personali e patrimoniali. Abbandonare cioè l’antica impostazione del partito-struttura, con mille congressi , mille correnti, mille burocrati e mille sigle (basti pensare alla Democrazia Cristiana), e puntare tutto sul modello dell’uomo solo al comando, che ci mette la faccia, si assume le responsabilità del caso e ne risponde direttamente. Forte dell’essere riuscito come imprenditore, e con notevole grado di sex appeal,  Berlusconi ha mietuto molteplici trionfi elettorali ed è diventato il protagonista dell’intera scena politica italiana. Se da un lato, questa identificazione della compagine moderata con il suo leader, o meglio proprietario, è stata la carta vincente del centro destra italiano (almeno elettoralmente); dall’altro, è sicuramente la sua rovina. Il Pdl, ora di nuovo FI, non sopravvivrà oltre il suo leader. Tanto che la crisi attuale del centrodestra italiano non dipende ad esempio da un’alleanza a freddo con lo storico avversario o a motivazioni interne e strategiche, ma coincide con quella del suo leader, sempre più prossimo all’abbandono forzato della politica attiva. Si danneggia Berlusconi e si danneggia irreparabilmente tutto il suo partito Allo stesso tempo i dirigenti forzisti non possono prendere le distanze dal proprio leader, non possono cioè impegnarsi a garantire la sopravvivenza e il rinnovamento del proprio partito perché incorrerebbero nel reato di lesa maestà, tradirebbero chi effettivamente gli ha garantito, tanto generosamente, un seggio parlamentare e una, se no insperata, carriera politica. Il centrodestra berlusconiano più che un partito è una famiglia, un clan fortemente patriarcale. D’altro canto, chi sarebbe in grado di prendere il posto del Cavaliere. Nessuno. Perché il requisito della fedeltà  molte volte è inconciliabile con la capacità. Di un partito padronale fa parte solo chi è reverente nei confronti del capo; chi potrebbe diventarne concorrente ne rimane escluso, perché pericoloso. L’unica parziale,ma coerente soluzione,anche se improbabile, sarebbe quella dinastica. D’altronde Marina Berlusconi è già alla guida delle aziende di famiglia. Sicuramente il problema del partito di plastica non si risolverebbe, ma in qualche modo gli sarebbe garantita sopravvivenza. Altrimenti il tempo e la storia faranno inevitabilmente la loro parte, segnando il destino anche del Popolo della Libertà. 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I disoccupati, popolo invisibile.

    disoccupati, popolo invisibile.

    La mia è solo una voce, quella messa a tacere, come tante, dall’indifferenza e dal menefreghismo di chi detiene il potere, sia esso politico, economico,... Leggere il seguito

    Da  Gianna
    SOCIETÀ
  • Chiara Poggi: quale Giustizia?

    Da: Notitia CriminisE così il 17 dicembre 2009 Alberto Stasi è stato assolto in primo grado per l'omicidio della fidanzata in base all'articolo 530 secondo comm... Leggere il seguito

    Da  Ritacoltellese
    ATTUALITÀ, OPINIONI
  • La libertà

    E se la libertà consistesse nella possibilità di rendere il mondo migliore? Non è detto che fare quello che ci piace migliori la nostra vita e quella degli... Leggere il seguito

    Da  Profrel
    RELIGIONE, SCUOLA, SOCIETÀ
  • Quale Governo?

    Quale Governo?

    Il PD ed il PDL sono due partiti incompatibili ed alternativi tra l’altro per due motivi principali: - punti programmatici diversi in particolare sulla... Leggere il seguito

    Da  Leone_antonino
    SOCIETÀ
  • Ma quale inciucio!

    quale inciucio!

    inciùcio s. m. [dal napol. ’nciucio, propr. «pettegolezzo, sobillamento», di origine onomatopeica]. – Termine introdotto recentemente nel linguaggio politico... Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • Vilipendio al popolo italiano

    Vilipendio popolo italiano

    L'inciucio nella composizione fotografica di Luca Peruzzi di Olinda Moro La cosa che fa più male è il silenzio complice dell’informazione di regime e la... Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Partito Democratico Della Libertà

    Partito Democratico Della Libertà

    (L’articolo si può ascoltare su YouTube). Ieri sera scorrendo un po’ l’homepage di Twitter - tra le varie stupidate di chi vuol mettersi in mostra con... Leggere il seguito

    Da  Lebarricate
    OPINIONI, POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ