Magazine Attualità

Recensione di World War Z. Zombie e musica elettronica

Creato il 30 giugno 2013 da Retrò Online Magazine @retr_online

In World War Z, il nuovo film zombie uscito nelle sale ieri 26 giugno, saltano subito all’orecchio le inconfondibili melodie dei Muse. world-war-z Musiche perfette, la svolta iper-elettronica del gruppo britannico si adatta decisamente all’atmosfera del film; inserita al momento giusto, infatti, crea quel giusto panico che si va cercando andando a vedere un film sugli zombie. Muse che saranno presenti questa sera al Palaolimpico per il loro concerto attesissimo, salatissimo e sold-out da mesi. Uno show che sarà sicuramente un successo, grazie anche alla loro crescita artistica verso un sound più contemporaneo. Una scelta coraggiosa che ha rischiato di allontanare i fan più sfegatati, traditi dal tentativo forse più commerciale degli ultimi due album The Resistance e The 2nd Law, ma che infine ha saputo riconquistare anche i più integralisti. E Follow me, la canzone che accompagne i titoli di coda del film, ritrova la malinconia tipica delle loro più antiche canzoni, fondendola con la nuova forza trascinante della musica elettronica.
Guardando Wwz non si può che essere assaliti dal piacevole panico (per chi ama il genere, ovviamente) dell’invasione zombie. Da un lato è terrore, dall’altro quasi un pregustare una possibile apocalisse. In fondo i “disaster movie” servono proprio a questo, catalizzare la paura della fine, incanalarla in solchi conosciuti e portare il tutto ad una catarsi un po’ eccessiva per far tirare un respiro di sollievo all’uscita dal cinema.
E Mike Forster (Neverland; James Bond – Quantum of solace), il regista, sicuramente non delude le aspettative, e spicca per originalità in un momento in cui gli zombie, walkers, morti viventi sono inflazionatissimi (chissà come mai).
Tratto dall’omonimo romanzo di Max Brooks, la vicenda è un po’ sempre la stessa: famiglia felice composta da un pater-familias molto ben conservato, nonostante i suoi cinquant’anni, Brad Pitt, una madre gioiosa e attenta ai bisogni delle sue due figlie, di cui una, colpo di scena, soffre di attacchi asmatici. E’ un po’ la formula di ogni buon “disaster movie” e ci ricorda un po’ troppo la piccola Dakota Fanning, ne La guerra dei mondi, che ripete ossessivamente “questo è il mio spazio”, ma è una mancanza di originalità che si può perdonare.
Per gli appassionati questo è un film “di orde”. Chiunque abbia mai giocato ad uno sparatutto zombie conosce le orde e sa quanto siano il sale del gioco. Puro terrore, ed è su questa base che il film si evolve; sono stati fatti forse troppi film sulla prima invasione zombie, e troppi anche sullo scenario post-invasione: questo film invece, quasi emulando davvero un videogioco, tratta l’invasione zombie dall’inizio alle possibili soluzioni al problema, sempre rinnovando la paura di un nuovo attacco.
La crisi è globale e viene seguita dal nostro Brad Pitt in kefiah che gira tutto il mondo. Stati Uniti, Corea del Sud, Israele, Galles. L’unica vera pecca sono proprio questi spostamenti poco credibili, ma in fondo non bisogna affaticarsi troppo, non è un film di concetto, bisogna solo goderselo. Non aspettatevi un film psicologico alla Romero, con studi sull’animo umano di persone relegate nello stesso posto e analisi della convivenza pacifica, oppure che dia spessore agli zombie (come accade invece nel bellissimo La terra dei morti viventi, del maestro Romero). Bisogna infatti inquadrarlo nella giusta ottica: segue un filone riportato in auge negli ultimi tempi, non si mette in competizione con l’inventore del genere (sempre lui George A. Romero), dà solo un ampio spazio agli effetti speciali, alle armi spianate, e alla morale statunitense. Proprio grazie a questa combinazione (ammettiamolo un po’ semplicistica) riesce ad essere incalzante, terrificante, suggestivo ed affascinante nel suo orrore.

Articolo di Silvia Cannarsa


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • World War Z (Film 2013) – [Recensione]

    World (Film 2013) [Recensione]

    Inutile montare paragoni col libro da cui è tratto, l’omonimo di Max Brooks. I punti in comune col testo sono ben riassunti da questo grafico esplicativo:... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • World War Z

    World

    Anno: 2013Nazionalità: USADurata: 116’Genere: HorrorRegia: Marc ForsterDistribuzione: UniversalUscita: 27 giugno 2013 Che prima o poi sarebbe successo era... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il Cinema di Post Scriptum: World War Z e Salvo tra le novità

    Cinema Post Scriptum: World Salvo novità

    Stavolta tocca a Brad Pitt salvare il mondo dall’assalto zombie: arriva l’atteso “World War Z” diretto da Marc Forster. Ma in sala ecco finalmente “Salvo”,... Leggere il seguito

    Da  Postscriptum
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: World War Z

    Recensione: World

    World War Z: ovvero il miglior romanzo di zombie di sempre, senza se e senza ma. L'opera di Max Brooks, sequel spirituale del suo Manuale per Sopravvivere agli... Leggere il seguito

    Da  Giobblin
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • world war z

    world

    (Usa 2013) Un virus misterioso trasforma gli uomini in zombie, catatoniche creature affamate di carne umana. Nel giro di pochi giorni il mondo intero è nel caos. Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • World war z

    World

    "World war Z"/id. di: M. Forster. con: B. Pitt, M. Enos, D. Morse, A. Hargrove, S. Jerins, M. Fox, P. Favino. USA 2013 115 min. Ciò che da decenni un autor... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • World War Z (2013)

    World (2013)

    Luglio col bene che ti voglio, portatore dei primi blockbuster estivi! Ieri sera è stata la volta di World War Z, diretto dal regista Marc Forster e tratto... Leggere il seguito

    Da  Babol81
    CINEMA, CULTURA