Magazine Cinema

[Recensione film] Liberaci dal male

Creato il 20 agosto 2014 da Masedomani @ma_se_domani

Liberaci-dal-Male_Locandina

“Liberaci dal male” è un titolo evocativo di una preghiera dell’infanzia che in molti ricorderanno e che lascia poco spazio all’immaginazione. “Liberaci dal male” ė un film che ha a che fare con il demonio, con Satana, con le possessioni, con la religione e soprattutto con la perdita di fede.

Sin da piccoli ci hanno detto che i più deboli, coloro con poche certezze e convinzioni, da grandi sarebbero stati potenziali bersagli del cd male. Col passare degli anni, ce ne siamo dimenticati e abbiamo modificato il concetto in: i più deboli saranno vittima prediletta della sfortuna.

Ora siamo cresciuti e sono tornati di moda gli horror che, mai come nell’ultimo periodo, stanno facendo leva sulla spiritualità dell’individuo. D’altro canto si sa, c’è la crisi, e in momenti come questi la gente si riavvicina a una dimensione spirituale ritrovando fedi assopite.

© 2013 Screen Gems Productions, Inc. All Rights Reserved.

© 2013 Screen Gems Productions, Inc. All Rights Reserved.

“Liberaci dal male” ė un horror moderno e al passo con i tempi, non solo perché il protagonista ha in mano un iPhone, bensì perché si svolge nel presente, in una città cosmopolita come New York City, agganciandosi a fatti della storia recente. Un giorno, l’agente Ralph Sarchie e il suo compagno, poliziotti esemplari con un istinto per le situazioni pericolose, s’imbattono in un caso di violenza domestica e da questo evento si svilupperà un buon thriller metropolitano.

A ciò però dovrete aggiungere un importante tassello: il film è ispirato a fatti realmente accaduti all’interno di un distretto di polizia (quindi tendenzialmente filmati e/o documentati), vi renderete quindi conto che la possibilità di successo di questa pellicola sia maggiore rispetto alla concorrenza attualmente in sala.

Ma cosa accade esattamente un queste due ore? Ciò che v’immaginate e molto di più. Quello che inizia come un comune caso di violenza ben pesto si aggancerà ad un apparente raptus di una madre in uno zoo e alle “voci” che una signora un po’ “suonata” sente nella sua cantina. Prende il via quindi una caccia all’uomo, al mostro, al pazzo omicida, e chi più ne ha più ne metta per arrivare a un finale in cui vi sarà la resa dei conti, con un tutti contro tutti fenomenale.

© 2013 Screen Gems Productions, Inc. All Rights Reserved.

© 2013 Screen Gems Productions, Inc. All Rights Reserved.

Come ogni prodotto che punta al grande pubblico, si seguono i trucchi più noti (scricchiolii, voci distorte, buio imperante, pioggia a catinelle etc) giacchè, alla fine, sono quelli che funzionano meglio e fan sorvolare sulle eventuali leggerezza. Con questo escamotage, infatti, lo spettatore non si concentra sulle case troppo buie, con perenni problemi elettrici (quasi a farci credere che nella Grande Mela nessuno abbia un impianto a norma); sulle giornate costantemente sotto il peggior diluvio che la storia ricordi (la città più piovosa del continente non ė neppure su quella costa); e sulla gente inspiegabilmente viva dopo aver perso ettolitri di sangue (evidentemente a NYC hanno tutti scoperto l’elisir di lunga vita).

“Liberaci dal male” ė un thriller con, nell’ordine, due protagonisti belloni; una trama inquietante, che fa leva sulle più comuni debolezze; e un tocco horror, con virata un po’ splatter che rende tutto più spettacolare. Divertimento e sonni tranquilli sono quindi assicurati, nessuna paura

:)

Vissia Menza


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Recensione: "Dogville"

    Recensione: "Dogville"

    (per J.C)Lars Trier entrò nella città del cane e ne uscì Lars Von Trier.Lars Trier entrò nella città del cane ma prima di uscirne si fermò.Alzò un dito e lo... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: "Europa"

    Recensione: "Europa"

    Ci sono registi che nascono già con tutto preparato vicino, la produzione, la troupe, i soldi, le tecniche imparate magari in una brevissima gavetta. Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: "Rango"

    Recensione: "Rango"

    Mi chiamo Rango, la R è vibrante.Già, impossibile non cominciare con una citazione visto che questo (quasi) straordinario cartone ce ne propina una a ogni piè... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: Godzilla

    Recensione: Godzilla

    Genere: AzioneRegia: Gareth EdwardsCast: Aaron Johnson, Ken Watanabe, Elizabeth Olsen, Juliette Binoche, Sally Hawkins, Bryan CranstonDurata: 123... Leggere il seguito

    Da  Mattiabertaina
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: Maleficent

    Recensione: Maleficent

    Genere: AvventuraRegia: Robert StrombergCast: Angelina Jolie, Elle Fanning, Sharlto Copley, Lesley ManvilleDurata: 97 min.Distribuzione: Walt Disney... Leggere il seguito

    Da  Mattiabertaina
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: "Garage"

    Recensione: "Garage"

    Io mi creo da solo delle personali trilogie...E così dopo la terribile ma magnifica Trilogia Greca del Padre (Dogtooth, Attenberg, Miss Violence) mi si è... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: "Thirst"

    Recensione: "Thirst"

    presenti spoilerChe strano ibrido questo Thirst, ultimo film coreano del grandissimo Park Chan-wook prima della capatina (per me riuscitissima) ad Hollywood... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA