Magazine Cultura

Recensione: Il canto dell'immortale

Creato il 05 settembre 2013 da Penny
Recensione: Il canto dell'immortale
Il canto dell'immortale di Torben Guldberg Prezzo di copertina: € 19,90
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Data di pubblicazione: 30 Agosto 2012 Pagine: 432, rilegato con sovracoperta Titolo originale: Sange om udødelighed
Lingua originale: Danese
Traduzione: Bruno Berni
Genere: Storico, narrativa
"Un romanzo ricchissimo, che ha al centro la continua ricerca della verità sull'amore."
 Kristeligt Dagblad
"Questa è la storia di un uomo e di una vita lunga cinque secoli. Ma, soprattutto, è una storia d’amore. Dall’anno Mille, segnato dai terrori superstiziosi per l’inizio del nuovo millennio, fino agli albori del Rinascimento, passando per le Crociate e la peste del 1300, l’immortale voce narrante di questo romanzo intreccia la sua esistenza con quella delle persone comuni, che nel mondo vivono e soffrono cercando un senso ai loro affanni. E l’Immortale sconta la condanna alla vita eterna e paga le conseguenze di un amore spezzato, cantando le gesta di guerrieri ed eroi, di streghe e menestrelli, di malfattori e poeti, nel tentativo continuo di comprendere e spiegare i grandi temi dell’umanità: le passioni terrene, la fede, il dolore, la morte. E primo fra tutti il sentimento che, nella sua ineffabilità, rimane sempre uguale a se stesso: l’amore."
Recensione: Il canto dell'immortale
Il potagonista di questo romanzo è un io narrante che, attraverso il suo canto, ripercorre cinque secoli di storia, inizialmente nelle vesti di un neonato che viene trovato da una donna, Mirina, che lo cresce come un figlio. Più avanti negli anni il ragazzo matura, sempre con la consapevolezza di essere speciale: di essere l'Immortale. Il suo canto, che viene riportato in versi intervallati ai vari capitoli, narra delle vicende di uomini e donne comuni, intrecciandosi ad essi ed evidenziandone i sentimenti, ripercorrendo ben cinque secoli di storia, dall'anno Mille fino al Rinascimento. Le sensazioni vissute dai personaggi vengono rese vivide dal narratore, che si confonde in un unico fluido io con l'autore del libro.
Un'opea raffinatissima, che fa riflettere e che trasfigura la storia rendendola quasi mistica, surreale. Da non perdere.
Durata della lettura: 10 giorni Bevanda consigliata: infuso di erbe caldo
Età di lettura consigliata: dai 17 anni
Recensione: Il canto dell'immortale
"Un romanzo per chi ama la storia, l'amore e la magia del tempo."
Torben Guldberg, danese, è nato nel 1975. Ha studiato recitazione presso il teatro di Aarhus, dove dal 1998 ha fatto l’attore. Tesi sull’esistenza dell’amore, il suo esordio letterario, lo ha segnalato immediatamente tra gli astri nascenti della letteratura scandinava, conquistando il pubblico grazie al passaparola dei lettori e al plauso unanime della stampa danese, che ha richiamato l’interesse di molti editori stranieri.
Recensione: Il canto dell'immortale

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines